logo_print

Madeleines di castagne, dolcetti dal sapore insolito

Madeleines di castagne
Stampa

Madeleines di castagne aromatizzate al caffè di cicoria, una raffinata scelta di ingredienti

Le Madeleines di castagne sono dolcetti davvero sfiziosi e dal sapore particolare, come potete intuire dagli ingredienti. Sia la farina di castagne che il caffè di cicoria, infatti, non sono certamente gli ingredienti più utilizzati per preparare dei dolci. Eppure formano una combinazione azzeccata, che emana una gradevole sensazione di rusticità, senza tra l’altro appesantire.

La presenza della farina di castagne è giustificata dalla volontà di offrire un sentore diverso e di rendere questa ricetta accessibile a tutti, anche a chi soffre di celiachia o di intolleranza al glutine. La farina di castagne, infatti, non contiene questa sostanza. Inoltre è anche una farina dal potere nutrizionale non indifferente in quanto contiene acidi grassi omega tre, che impattano in modo benefico sull’apparato cardiocircolatorio, sulle funzioni cognitive e sulla vista. Contiene anche tanti sali minerali come ferro, calcio, fosforo e magnesio. Si caratterizza anche per elevate concentrazioni di vitamine B1, B2, C e PP. Infine, è ricca di fibre, dunque giova all’apparato digerente e favorisce l’equilibrio intestinale.

Tutta la bontà dello yogurt di riso e il suo apporto vitaminico

Un altro ingrediente particolare delle Madeleines di castagne aromatizzate al caffè di cicoria è lo yogurt di riso. E’ realizzato con il latte di riso, dunque è del tutto privo di lattosio e può essere consumato anche dagli intolleranti a questa sostanza. La presenza dello yogurt di riso e della farina di castagne rende questa ricetta completamente gluten e lactose free. Anche lo yogurt di riso, proprio come la farina di castagne, trova la sua ragion d’essere non solo nel tema dell’accessibilità ma anche in quello del gusto e delle caratteristiche nutrizionali.

Madeleines di castagne

Lo yogurt di riso, infatti, è ricco di carboidrati e fibre, proprio perché è realizzato con un cereale. E’ anche ricco di vitamina B12, vitamina D, calcio e ferro. Ovviamente abbonda anche di fermenti lattici, proprio come gli yogurt normali. Lo yogurt di riso, poi, è leggero, non appesantisce lo stomaco ed è povero di grassi.

Il gusto del caffè di cicoria, una miscela ricca di polifenoli

Il caffè di cicoria, utilizzato nelle nostre Madeleines di castagne, è conosciuto per fungere da surrogato del caffè normale. Nei decenni passati, quando il caffè scarseggiava (ad esempio in tempo di guerra), veniva molto utilizzato. Oggi che il caffè abbonda, viene considerato una bevanda dal gusto alquanto particolare, ma che può offrire molto in termini nutrizionali. La cicoria, per esempio, è ricca di polifenoli, formidabili antiossidanti che contribuiscono ad abbassare il colesterolo cattivo.

La cicoria, e il caffè che se ne ricava, è fortemente depurante e disintossicante, soprattutto nei confronti del fegato. Esercita, inoltre, una funzione equilibrante per la flora batterica, è persino un blando antibatterico e antimicotico. Rispetto al caffè normale, se volete intenderlo come un sostituto, non contiene la caffeina, dunque non esercita alcuna funzione stimolante. In questa ricetta viene semplicemente unito allo yogurt di riso, e solo successivamente integrato nell’impasto. Il consiglio, praticamente obbligato, è di utilizzare solo la variante in polvere, affinché possa sciogliersi efficacemente nello yogurt.

Ecco la ricetta delle Madeleines di castagne di castagne aromatizzate al caffè di cicoria:

Ingredienti per 30 pezzi:

  • 180 gr. di uova intere;
  • 120 gr. di yogurt di riso:
  • 12 gr. di caffè’ solubile di cicoria;
  • 120 gr. di zucchero di canna;
  • 80 gr. di olio di noce;
  • 40 gr. di olio di cocco;
  • 210 gr. di farina di castagna;
  • 3 gr. di sale;
  • 1 gr. di lievito per dolci.

Preparazione:

Per la preparazione delle Madeleines di castagne iniziate procurandovi uno stampo per madeleine. Potete scegliere tra quelli in metallo e in silicone. Io preferisco il primo, sebbene sia più costoso in quanto garantisce rifiniture più dettagliate e una cottura più uniforme. Ad ogni modo, iniziate mescolando il caffè di cicoria allo yogurt di riso, poi fate riposare per qualche minuto in modo che il composto si combini per bene. Ora mescolate l’olio di cocco e l’olio di noce e versateli sulle uova, poi mescolate con la frusta fino a ottenere un composto uniforme, senza però giungere a montatura. Setacciate il lievito nella farina e aggiungetela nel composto insieme agli altri ingredienti. Mescolate fino a ottenere un composto piuttosto denso, quasi solido. Poi ponete in frigorifero e fate riposare per 60 minuti.

Ora oliate lo stampo e iniziate a versarci il composto. Potete farlo con un semplice cucchiaio o con una più pratica sac à poche. Versate tutto nello stampo, ma lasciate comunque qualche millimetro libero dal bordo (il composto ovviamente gonfierà). Preriscaldate il forno a 180 gradi e infornate gli stampi. La cottura dovrebbe terminare dopo dieci minuti, ma in ogni caso verificate che la superficie sia gonfia e asciutta. Una volta pronte, è fondamentale che sformiate immediatamente le Madeleines Il motivo è semplice, l’umidità intera del prodotto può far sì che si attacchino allo stampo rovinano le scanalature e quindi la resa estetica.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


10-09-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti