Metaxa, il distillato greco per eccellenza

Metaxa
Commenti: 0 - Stampa

Cos’è il Metaxa?

Il Metaxa è un’eccellenza della distilleria greca. In realtà non vanta un lungo passato, infatti è stato inventato nel 1888 da un commerciante Spyros Metaxas, da cui ha preso il nome. Tuttavia in pochi anni si è ritagliato un suo spazio non solo all’interno dei confini ellenici, ma anche nel mercato internazionale. Di base, il Metaxa è un liquore ad alta gradazione a metà strada tra il brandy e il vino, in una prospettiva dove comunque l’abbondanza di spezie – uno dei tratti tipici della tradizione greca – la fa da padrone.

Il Metaxa è un liquore pregiato con tipici tratti nazionali, anche perché è uno dei pochi, tra quelli disponibili nei mercati internazionali, ad aver conservato una totale specificità territoriale. Ad oggi il “vero” Metaxa è prodotto esclusivamente dalla famiglia Metaxas nell’isola di Eubea e nel sobborgo di Kifissia, ad Atene (il cui stabilimento è stato aperto nel 1968). Ciononostante, nel corso dei decenni sono state sperimentate e poi brevettate numerose varietà di Metaxa, di cui parlerò nei prossimi paragrafi. Tutti però si distinguono per il sapore speziato, per il colore brillante e la struttura limpida.

Come si produce questo delizioso liquore?

La produzione del Metaxa si divide in più fasi. La prima prevede una doppia distillazione di uve diverse, ovvero la sultanina, la sativano e la Corinthe. Il prodotto di questa prima distillazione viene conservato all’interno di barili di rovere, di origine francese. Questo tipo di barile, infatti, ha una struttura più regolare, sicché il sapore del legno impatta in maniera meno evidente sul liquore. Tale conservazione dura molto, si va da un minimo di tre anni ad un massimo di trenta.

Metaxa

La seconda fase, vista anche la durata della prima, avviene contestualmente. Essa consiste nella maturazione biennale di altri tipi di uva, ovvero l’alessandrina, la moscato e semplice vino bianco. I vigneti, tuttavia, sono sempre quelli di Samos e Limnos (due località della Grecia). In questa fase vengono anche inserite le spezie, in modo che il sapore risulti ricco e dolce. Per quanto riguarda la terza fase aleggia un po’ di mistero. Il Metaxa è un po’ come la Coca Cola, deve la sua fortuna e la sua esclusività alla capacità della famiglia Metaxas di mantenere il segreto sulla parte più importante del processo di produzione. Ad ogni modo, è quasi certo che vengano aggiunte altre spezie e persino dei petali di rosa. Si parla anche di una terza miscela, oltre a quelle delle due fasi precedenti.

Le numerose varietà di Metaxa

Come già anticipato, il Metaxa è un liquore con una forte identità, ma anche oggetto di una certa sperimentazione. Da qui la presenza di numerose varietà, le quali arricchiscono l’offerta e ampliano la gamma di usi di questo interessante liquore. In genere le varietà dipendono dall’invecchiamento, soprattutto in riferimento alla prima miscela, quello realizzata con l’uva sultanina. Parallelamente si segnala una certa differenza di gradazione, che è appunto legata al fattore invecchiamento.

Il Metaxa “Tre”, per esempio, è quello più “rapido”. L’invecchiamento dura tre anni e produce un liquore con il 38% di gradazione. Il Metaxa “Cinque” viene invecchiato per cinque anni e ha una gradazione del 40%. Il “sette” è alcolico in ugual misura, ma viene invecchiato per sette anni e si fregia di un bel colore scuro-dorato. Presenta anche gradevoli sentori di quercia, vaniglia e frutta secca. Esistono anche varietà ancora più pregiate, come il Metaxa “Dodici”, invecchiato per dodici anni e con un gradevole aroma di tabacco, poi troviamo il Grand Fine (invecchiato per ben quindici anni) e il Private Reserve (invecchiato per trent’anni e ricco di aromi come miele, moscato e vaniglia).

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti