Cookies americani, tradizionali biscotti made in USA

cookies americani
Commenti: 0 - Stampa

Perché sono così buoni i cookies americani?

Tutti conoscono i cookies americani. Magari non sono i biscotti più consumati in Italia, ma comunque rappresentano una vecchia conoscenza, dal momento che compaiono spesso nelle sit-com e nei film americani. Dunque, perché non provarli? Sono anche molto semplici da realizzare, e richiedono giusto una manciata di ingredienti. Sarebbero l’ideale per una colazione all’insegna del gusto, per quanto dolce come vuole la tradizione mediterranea. Oggi vi presento una ricetta leggermente diversa da quella originale, suggerita da Fidelity House. E’ una variante senza glutine e senza lattosio, che dunque può essere tranquillamente consumata da chi soffre di intolleranza a queste sostanze e dai celiaci.

Le differenze riguardano solo la presenza di determinati ingredienti, come la farina di riso che sostituisce la normale farina di grano. Di questa parlerò nel prossimo paragrafo. Per il resto, quelli che vi presento oggi sono i classici cookies americani, che si caratterizzano per l’abbondante presenza di cioccolato e per l’aspetto “sbricioloso”, frutto di un impasto appena abbozzato ma che rende molto in termini di gusto e di sensazione al palato. Per quanto riguarda i valori nutrizionali, i cookies americani sono semplicemente dei biscotti, di certo non dietetici, ma nemmeno così calorici.

Quale farina utilizzare per i cookies americani?

In realtà, abbiamo già risposto a questa domanda. Se avete intenzione di creare dei cookies americani “tradizionali”, che non si discostino dalla ricetta originale, potete utilizzare la normale farina di grano. Se però desiderate dei cookies americani gluten free dovete cambiare farina. Io propongo quella di riso, che si caratterizza per un sapore delicato, che non copre gli altri sentori ma che può conferire molto in termini di gusto. La farina di riso è dotata anche di discrete proprietà panificatorie, sebbene, almeno in questo caso, richieda il supporto della fecola di patate (d’altronde, è una presenza fissa di molte preparazioni dolciarie).

cookies americani

Vi consigli di utilizzare della farina di riso finissima, dunque se necessario passatela al setaccio. I cookies, infatti, si caratterizzano per l’aspetto sbricioloso, dunque sono di per sé abbastanza “instabili”. Da qui la necessità di una farina fine, che garantisca un minimo di solidità all’impasto. Per ovviare al problema vi consiglio anche di far riposare l’impasto nel frigo, fase che conferisce una migliore stabilità; un’ora di “riposo” dovrebbe bastare.

Il miglior cioccolato per questo tipo di biscotti

Uno degli elementi peculiari dei cookies americani è la presenza del cioccolato, anzi delle gocce di cioccolato. Alcuni inseriscono le scaglie di cioccolato, prendendosi alcune libertà per quanto riguarda la tipologia. Io consiglio di andare sul classico e di utilizzare le gocce di cioccolato fondente. D’altronde, se il cioccolato fondente è il più consumato al mondo un motivo ci sarà. Come tutti sanno, è molto buono, non stanca mai ed è anche più sano.

Il cioccolato fondente è ricco di antiossidanti, che fanno bene al cuore, stimolano i processi di rigenerazione cellulare e addirittura aiutano a prevenire il cancro. Inoltre, secondo recenti studi, il cioccolato fondente esercita anche una funzione antidepressiva. Va detto, però, che il cioccolato fondente è anche piuttosto calorico, anzi è il più calorico tra le cioccolate. Paradossalmente, più aumenta la percentuale di “fondente” più aumentano le calorie. D’altronde, il cacao è più calorico del latte e dello zucchero.

Ecco la ricetta dei cookies americani al cioccolato:

Ingredienti per 20 cookies:

  • 100 gr. di farina di riso;
  • 50 ml. di olio di semi di mais;
  • 100 gr. di fecola di patate;
  • 100 gr. di zucchero di canna;
  • 1 uovo;
  • 60 gr. di gocce di cioccolato fondente;
  • 1/2 cucchiaino di aroma di vaniglia;
  • 5 gr. di lievito vanigliato.

Preparazione:

Per la preparazione dei cookies americani iniziate preriscaldando il forno a 180 gradi. Il forno deve essere in modalità statica. Successivamente, foderate due teglie con della carta da forno. Ora proseguite preparando i cookies. Versate in una ciotola lo zucchero, l’uovo intero e montate utilizzando semplicemente una forchetta. Quando il composto si sta trasformando in una crema densa aggiungete un po’ di olio di semi di mais (va bene anche l’olio di arachidi) e mezzo cucchiaino di vaniglia. Poi completate versando la farina di riso, il lievito e la fecola di patate. Lavorate l’impasto in maniera delicata e senza insistere più di tanto. Per concludere, unite anche le gocce di cioccolato.

Vi ricordo che per definizione, e anche perché non richiede una grande lavorazione, l’impasto dei cookies è meno stabile di quello della pasta frolla. Dunque, vi consiglio di lasciarlo riposare in frigo per un’ora o più. Se non disponete di questo tempo, potete formare i biscotti utilizzando un porzionatore per gelati o un semplice cucchiaio. Quando li adagiate nelle teglie distanziateli bene, infatti i cookies si allargano parecchio in fase di cottura. Ad ogni modo, procedete con la cottura. Infornate a 180 gradi per 12 minuti circa. Quando sono cotti, cacciateli dal forno e fateli intiepidire per qualche minuto sulla teglia. Visto che saranno ancora morbidi, in questa fase potete aggiungere delle gocce di cioccolato sulla superficie.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Parrozzo

Il parrozzo, uno splendido dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...

plumcake con fichi e Skyr 

Plumcake con fichi e Skyr, una merenda perfetta

Un dolce gustoso e nutriente per la merenda. Il plumcake con fichi e Skyr è un’idea gustosa e genuina per una merenda che possa allietare i pomeriggi e consentire di recuperare le energie, o...

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti