Tiramisù finger food, una delizia da gustare

Tiramisu finger food
Commenti: 0 - Stampa

Tiramisù finger food, una comoda versione da break

Il tiramisù finger food è esattamente quello che suggerisce il nome, ossia un tiramisù che si mangia con le mani. Ovviamente, per garantire questa modalità di consumo deve essere monoporzione, e in effetti è formato da due piccoli savoiardi “conditi” dai classici ingredienti del tiramisù. La ricetta, nonostante l’aspetto e la modalità di consumo sui generis, è molto fedele all’originale, almeno per ciò che concerne la gestione degli ingredienti. La crema al mascarpone, per esempio, si prepara secondo il procedimento classico, mentre i savoiardi vengono inzuppati nel caffè proprio come nella ricetta originale (qui è consigliato correggere il caffè con il rum).

Ovviamente la forma è diversa rispetto al classico tiramisù, d’altronde stiamo parlando di dolci monoporzione e non di una torta a strati. Tuttavia, questo dettaglio rende ancora più semplice la ricetta. Anche la conservazione è parzialmente diversa, infatti alcuni mettono in frigo il tiramisù prima di servirlo, in questo caso, invece lo si può mangiare da subito e solo in seguito occorrerà metterlo in frigorifero. Un ultimo elemento di differenziazione, infine, consiste nella copertura, che in questa versione è alla nutella o al cioccolato fuso.

Il segreto di questo tiramisù finger food

Questo tiramisù finger food ha un piccolo segreto, i savoiardi, infatti, sono prodotti da Nutrifree, un brand che si sta ritagliando uno spazio sempre più visibile non solo nel segmento degli alimenti per celiaci, ma anche in quello degli alimenti in generale. Il tratto distintivo di questo marchio, rimane comunque la capacità di fornire prodotti senza glutine, ma allo stesso tempo gustosi e nutrienti, che non fanno affatto rimpiangere gli alimenti analoghi con glutine. L’offerta è molto ampia e comprende anche semipreparati dolciari e prodotti da forno, come sono appunto i savoiardi.

Tiramisù finger food

In particolare, i savoiardi Nutrifree sono realizzati con amido di mais e farina di riso. Questa farina presenta un gusto più delicato rispetto a quella di grano. E’ molto più ricca di amido ma, allo stesso tempo, è anche povera di grassi. Le proteine scarseggiano un po’, ma in compenso abbonda di sali minerali. L’apporto calorico, infine, è nella media. A prescindere la farina, i savoiardi Nutrifree sono prodotti sani e nutrienti. Sono, infatti, privi di olio di palma e di lattosio, un aspetto non scontato visti i processi di produzione industriali.

Il ruolo della nutella nel nostro tiramisù

La nutella in genere non è un alimento che rievoca il tiramisù. In effetti, nella ricetta originale è assente, e per la copertura in genere si opta per il “semplice” cacao in polvere. Nella ricetta del tiramisù finger food, però, la sua presenza si rivela preziosa, in quanto arricchisce quello che, in fin dei conti, è un dolce monoporzione. Ma a questo punto sorge spontanea la domanda: la nutella fa male? Dipende da quanto se ne consuma. Se si adotta un approccio moderato, la nutella non può che far bene come minimo all’umore. Rimane il fatto, ma questo lo sapete già, che è piuttosto calorica.

Se giudicate eccessiva la presenza della nutella, avete comunque un’alternativa a disposizione: il cioccolato fuso. Il consiglio, in questo caso, è di impiegare il cioccolato fondente, che tra le altre cose si scioglie con maggiore facilità. Se invece siete per la nutella, scioglietela con il metodo bagnomaria al barattolo, in modo da renderla più liquida e far sì che possa decorare al meglio i nostri tiramisù monoporzione.

Ecco la ricetta del tiramisù finger food:

Ingredienti per 15 pezzi:

  • 30 savoiardi Nutrifree,
  • 2 tazzine di caffè espresso zuccherato,
  • 2 cucchiaini di rum,
  • 100 gr. di panna da montare consentita,
  • 100 gr. di mascarpone consentito,
  • 40 gr. di zucchero a velo,
  • 2 tuorli,
  • 2 cucchiai di cacao in polvere,
  • q. b. di nutella.

Preparazione:

Per la preparazione del tiramisù finger food iniziate preparando due tazzine di caffè espresso abbastanza lungo. Poi zuccherate il caffè come meglio credete e mettetelo in una ciotolina, infine fatelo raffreddare e aggiungete il rum. Ora occupatevi della crema al mascarpone. Montate la panna a neve ferma, dopo averla messa in frigorifero qualche ora prima. Poi aggiungete lo zucchero a velo, il mascarpone consentito e i 2 tuorli. Mescolate per bene fino a ricavare una crema uniforme.

Adagiate i savoiardi sul piano di lavoro e bagnate la superficie con il caffè al rum, senza esagerare. Adagiate sulla stessa superficie un po’ di crema al mascarpone, poi ponete sopra un altro savoiardo leggermente bagnato. Ovviamente, la parte bagnata dal caffè deve essere posta all’interno, a contatto con la crema. Date una sventagliata di cacao e decorate a piacere con la nutella o con il cioccolato fuso. Se optate per la nutella, è opportuno scaldare prima il vasetto a bagnomaria. A questo punto il tiramisù finger food è pronto. I savoiardi al tiramisù vanno conservati in frigorifero, ma possono essere anche congelati.

5/5 (498 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Ghiaccioli alla guava

Ghiaccioli alla guava, un piacevole break per l’estate

Ghiaccioli alla guava, un’alternativa sorprendente I ghiaccioli alla guava sono un ottimo spuntino estivo. Si fanno apprezzare in primis per l’estetica, che non ha nulla da invidiare ai...

Crostata con anguria gialla

Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

Crostata con anguria gialla, un dolce delizioso a base di frutta Con tutta probabilità la crostata con anguria gialla è la crostata più “colorata” che possiate mai preparare. Si presenta...

Sorbetto alla camomilla

Sorbetto alla camomilla, un dessert rilassante

Sorbetto alla camomilla, un’idea davvero unica Il sorbetto alla camomilla è un’idea particolare per valorizzare il momento del fine pasto, o anche solo per una merenda in grado di allietare e...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Gelato di pesche e zafferano

Gelato di pesche e zafferano, un dessert speziato

Cosa ha di speciale il gelato di pesche e zafferano? Il gelato di pesche e zafferano con riso al salto vanigliato è un dessert molto particolare, che si distingue per una certa versatilità....

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti