Pennette salmone e finocchietto: profumate

Pennette salmone e finocchietto
Commenti: 0 - Stampa

Una variante della classica pasta panna e salmone

Le pennette con salmone e finocchietto sono un’idea perfetta per un primo semplice ma ricco di sapori. Intanto, lo specifichiamo subito, la classica pasta panna e salmone può essere un po’ banalotta ma con qualche ritocco qua e là riteniamo di averne ravvivato modernità e gusto. Oltre alla panna ed al salmone, questa nostra versione comprende l’aroma del finocchietto, dell’arancia e della vodka, quest’ultima usata per la marinatura e poi sfumata in cottura. Queste aggiunte, poche, semplici ma sostanziali, rendono l’assaggio finale ben più rotondo ed avvolgente.

Riusciamo a distinguere ad ogni assaggio tutti i profumi ed i sapori degli ingredienti che compongono questa pietanza e, dobbiamo ammetterlo, una tale bontà cela molto bene il poco tempo necessario per la preparazione. Sarà anche merito delle pennette, lisce, lunghe e cotte al dente, se questa pietanza ci piace tanto. E non temete per la nota alcolica, anche gli astemi ed i bambini possono apprezzare questo piatto in quanto l’alcool evapora in cottura. Una vera delizia!

Un nutriente primo con le pennette al salmone

Le pennette con salmone e finocchietto ci danno l’occasione per assaporare il delizioso salmone e nutrirci delle sue proprietà nutrizionali. Il salmone appartiene al primo gruppo fondamentale degli alimenti di cui fanno parte cibi ricchi di proteine ad alto valore biologico. Il salmone fresco è ricco di grassi polinsaturi, vitamine e preziosi sali minerali. L’assunzione del salmone ci garantisce un apporto prezioso di Omega3, a patto che il pesce venga cucinato a basse temperature perché altrimenti questa sostanza tende a disperdersi.

Consumando queste pennette con salmone e finocchietto, occorre prestare attenzione al colesterolo in quanto contenuto nella panna ed in questo tipo di pesce. Sono totalmente assenti nel salmone il glutine, le fibre ed il lattosio. Possiamo dunque goderci questa pietanza con una buona serenità, se scegliamo pennette senza glutine e panna da cucina consentita, senza lattosio ed anch’essa senza glutine. Un primo piatto nutriente, energizzante e saporito che ha le carte giuste per soddisfarci tutti a tavola, grandi e piccini. Un piatto che non conosce stagioni e che può essere gustato sempre. Di certo, con della materia prima particolarmente fresca il risultato sarà ancor più prelibato, ma il bello di questa ricetta è che ha un suo equilibrio anche senza tanti fronzoli.

Pennette salmone e finocchietto

Una ricetta anni ’70-80 con la pasta alla vodka

Le pennette con salmone e finocchietto hanno un sapore particolarmente buono e famigliare, il segreto sta nel connubio panna e vodka che è stato un grande classico della cucina anni ’70-80. Proprio in quegli anni si apprezzarono a pieno i piatti veloci e ricchi di sapore, come la pasta vodka e panna. Nei decenni successivi le pietanze a base di panna sono state spesso accantonate in virtù di diete più attente all’apporto calorico e di grassi. Ci ritroviamo ora, invece, a seguire una tendenza di riscoperta di questi sapori proprio perché, qualsiasi ingrediente, può essere utilizzato ed apprezzato saltuariamente, evitando gli abusi come le eccessive demonizzazioni.

Pranzi di tutti i giorni o giornate di festa possono avere queste penne con salmone e finocchietto come protagoniste. Un lieve aroma di vodka impregna le pennette per venire poi sfumato in cottura, è proprio questa nota profumata assieme all’aroma di finocchietto a rendere così speciale questa pietanza. Un primo piatto che vi colpirà e che saprà stupire piacevolmente i vostri commensali. Una pietanza che saprà dare libero spazio alla vostra creatività, anche con la semplice decorazione finale con una spolverata di pepe e delle foglie verdi di finocchietto.

Ed ecco la ricetta delle pennette con salmone e finocchietto:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di pennette consentite
  • 250 gr. di salmone
  • 5 cucchiai di vodka
  • 1 ciuffo di finocchietto
  • 1 confezione di panna da cucina consentita
  • q. b. di scorza d’arancia bio
  • q. b. di pepe nero macinato al momento

Preparazione:

Per cucinare le pennette con salmone, dedicatevi in primis alla pulizia del finocchietto. Dopo aver lavato il finocchietto, pulite il salmone, levategli la pelle e lavatelo sotto l’acqua corrente. Per asciugare il trancio di salmone tamponatelo con della carta assorbente. Tagliate il salmone in pezzettini e mettetelo in una coppetta a marinare con cinque cucchiai di vodka ed il finocchietto. Lasciate il tutto a riposo in frigorifero per circa un’ora.

Nel frattempo, in una pentola con abbondante acqua leggermente salata, lessate la pasta. In una padellina, scaldate la panna con della scorza d’arancia e non appena è calda unite il salmone col liquido utilizzato per la marinatura. Attendete che il liquido si asciughi e si riduca, poi versate le pennette scolate al dente e spadellate tutto assieme per qualche minuto. Dividete le porzioni nei piatti e servite macinando a fresco pepe e finocchietto. Presentate a tavola il piatto finché è ancora ben caldo e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti