Cocktail ai mirtilli, una bevanda analcolica particolare

Cocktail ai mirtilli
Commenti: 0 - Stampa

Il cocktail analcolico ai mirtilli e Mixybar Bitter, un procedimento semplice semplice

Il cocktail analcolico ai mirtilli e Mixybar Bitter è una bevanda molto particolare, un cocktail con personalità, sia a livello di gusto che estetico. La ricetta è molto semplice, nonostante prevede un paio di passaggi in più rispetto a quelli un po’ più banali, che si limitano a shakerare uno o più ingredienti. Uno dei suoi punti di forza è l’impatto visivo, che è dominato da un gradevole rosso acceso, dovuto soprattutto al bitter. Quando si parla di cocktail è bene che la bevanda sia gradevolmente consumata nei momenti di relax, magari come aperitivo, dunque è giusto conferire all’estetica una certa importanza.

L’ingrediente più visibile è rappresentato dai mirtilli. Protagonisti di dolci, succhi e altre preparazioni di questo tipo, sembra quasi strano vederli in un cocktail, benché analcolico. E invece la loro presenza è preziosa, in quanto conferisce colore ed un gusto delicato, tendente un po’ all’acidulo, ma gradevole. Il loro utilizzo è prezioso in quanto fornisce al cocktail una decorazione davvero singolare, rara persino per le bevande più fantasiose. Nello specifico, vanno infilati in uno stecchino insieme ad una fetta di limone. Lo stecchino, poi, viene posizionato orizzontalmente sul bicchiere per dare un’estetica maggiore al cocktail.

Per quanto sia sufficiente utilizzare un paio di mirtilli per ottenere un ottimo cocktail, non vanno però trascurate le loro caratteristiche nutrizionali. I mirtilli, per esempio, contengono le antocianine, responsabili del loro colore. Queste sostanze svolgono un’importante funzione antiossidante, dunque fanno bene al cuore e stimolano i processi di rigenerazione cellulare, aiutando a prevenire il cancro. I mirtilli sono ricchi anche di tannini, che agevolano la circolazione sanguigna. Sono considerati anche degli elementi depurativi, in particolar modo per il fegato, infine hanno effetti di tipo antinfiammatorio. Il tutto è valorizzato da un apporto calorico molto basso, pari a 25 kcal per 100 grammi.

Cocktail ai mirtilli

Mixybar Bitter, il vero segreto di questo cocktail

Questo cocktail ai mirtilli ha un segreto, anzi non proprio un segreto visto che lo stesso nome ne contiene un riferimento. Sto parlando del Mixybar Bitter di Fabbri. Questo prodotto fa parte della famiglia dei bitter, che sono preparati a base di radici e altri alimenti tendenzialmente amarognoli, che possono essere utilizzati sia per il consumo diretto sia come base per la preparazione di cocktail. I bitter possono essere sia alcolici che non alcolici. Anzi, senza fare nomi, il bitter più famoso in Italia è proprio analcolico, così come lo è quello di Fabbri.

Si tratta di un prodotto di elevata qualità, molto gustoso e realizzato solo con le migliori materie prime. E’ gradevole anche consumato da solo, dunque è in grado di valorizzare efficacemente le preparazioni in cui figura come ingrediente. Nel cocktail analcolico ai mirtilli il Mixybar aggiunge un po’ di asprezza (tipico di tutti i bitter), ma anche un gusto corposo e pieno. Insomma, è una presenza preziosa e un vero valore aggiunto.

Il lime, un frutto prezioso ricco di vitamine

Tra gli ingredienti principali del cocktail ai mirtilli figura il succo di lime. Il lime viene quasi sempre impiegato a mo’ di decorazione, facendolo a fettine e ponendone una o due sul bicchiere. Il frutto si presta a questo uso, anche perché è di piccole dimensioni e ha un sapore più dolce e meno aspro, che ne giustifica il consumo “a crudo”.

Questa ricetta però fa un uso parzialmente diverso del lime, infatti viene trasformato in succo e integrato con gli altri ingredienti per preparare la bevanda, non è quindi utilizzato solo nella decorazione. Di certo, è in grado di valorizzare il cocktail dal punto di vista del gusto, e di sposarsi con gli altri ingredienti (in particolar modo con la menta). A prescindere da ciò, il lime è una presenza preziosa, anche perché fa bene all’organismo. Contiene molta vitamina C, parecchi antiossidanti ed esercita una funzione depurativa.

Ecco la ricetta del cocktail analcolico ai mirtilli e Mixybar Bitter:

Ingredienti:

  • 6-8 foglie di menta;
  • una manciata di mirtilli freschi;
  • 30 ml di succo di lime;
  • 60 ml di Mixybar Bitter Fabbri;
  • una spruzzata di acqua frizzante.

Preparazione:

Per la preparazione del cocktail ai mirtilli iniziate versando in una brocca il Mixybar Bitter Fabbri, le foglie di menta e metà dei mirtilli che avete a disposizione, poi pestateli per bene per sminuzzarli. Ora versate qualche cubetto di ghiaccio (circa 5-6) e shakerate per una ventina di secondi. Filtrate il composto attraverso un colino a maglie molto strette e mettete il tutto in un bicchiere da cocktail. Poi versate i mirtilli freschi, un po’ di acqua frizzante, il succo di lime e qualche cubetto di ghiaccio. Date una bella mescolata e decorate con la menta fresca e uno spiedino di piccole dimensioni, dove avrete infilato un mirtillo, una fetta di limone e un altro mirtillo (così come vedete in foto).

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

tisana al pino mugo

Tisana al pino mugo, una bevanda dal sapore...

Tisana al pino mugo, una bevanda per rilassarsi e meditare. La tisana al pino mugo è una tisana diversa dalle altre. In primis per l’ingrediente principale, ossia il pino mugo, un cespuglio...

Te al crisantemo

Tè al crisantemo, una bevanda salutare dal Giappone

Tè al crisantemo, un tè diverso e dal sapore complesso Il tè al crisantemo è un tè diverso da quelli che siamo abituati a bere. Di fatto si tratta di una tisana dal sapore delicato, più che un...

Liquore alla menta

Liquore alla menta, un drink dal profumo intenso

Liquore alla menta, un liquore facile da fare in casa Il liquore alla menta segue il canovaccio di quasi tutti i liquori fatti in casa. Il procedimento è infatti simile. Si tratta di macerare in...

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti