logo_print

Apple pie, il meglio della pasticceria made in USA

Apple pie
Stampa

Perché la Apple Pie è così buona?

Forse non l’avete mai assaggiata, ma sicuramente l’avete vista. Magari non dal vivo, ma nei fumetti sì. L’Apple Pie, infatti, è la torta di nonna papera, un dolce americano squisito, non troppo grasso e abbastanza semplice da fare. Viene preparata soprattutto in vista del Giorno del Ringraziamento, un evento molto sentito negli Stati Uniti, che si festeggia il quarto giovedì di novembre. L’unico elemento di difficoltà di questo dolce consiste nel confezionamento, che si fregia di alcuni gradevoli effetti estetici. Tuttavia, vi basterà seguire le indicazioni che vi darò tra poco per preparare una Apple Pie con i fiocchi. Ne vale veramente la pena, io la preparo spesso per garantirmi una colazione gustosa o per una merenda all’insegna della dolcezza.

La Apple Pie si realizza con la pasta brisée, che non va confusa con la pasta frolla. Potete prepararla voi stessi, dal momento che non è particolarmente complicata, ma può andare bene anche quella acquistata al supermercato. La pasta brisée è perfetta per un ripieno come quello della Apple Pie, ossia di mele aromatizzate con la cannella, anche se in questo caso ho deciso di aggiungere del succo di limone in modo da dare un tocco leggermente acidulo.

La cannella, una spezia preziosa

La cannella è la spezia più utilizzata per la preparazione dei dolci, ed in particolare della Apple Pie. Si caratterizza per un inconfondibile aroma, che ben si sposa con i sentori più dolci. In questo, valorizza con delicatezza il ripieno di mele, rendendolo ancora più delizioso. La cannella non è solo buona e aromatica, ma anche salutare. Come molte spezie, infatti, vanta proprietà quasi terapeutiche. L’elemento da evidenziare, nella fattispecie, è la presenza di molti antiossidanti, sostanze in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi e aiutare a prevenire il cancro.

Apple pie

Tra le numerose proprietà della cannella spicca anche la capacità di regolare l’assorbimento degli zuccheri, il ché la rende compatibile con i regimi alimentari di chi soffre di diabete. La cannella è considerata anche un blando antinfiammatorio e un rimedio tradizionale contro l’artrite e i dolori articolari.

Gli insospettabili benefici delle mele

La mela è l’ingrediente principale della Apple Pie, come suggerisce il nome. Forma un sostanzioso e gustoso ripieno, tra l’altro molto semplice da realizzare. Nello specifico, le mele (debitamente sbucciate e tagliate a pezzi) vanno marinate brevemente nel succo di limone insieme alla scorza, alla cannella, al burro e agli altri aromi. La mela è probabilmente il frutto più consumato in assoluto, e forse per questo è data per scontato, ovvero non le si riconoscono tutti i pregi che la caratterizzano.

In primis, benché sia al palato molto zuccherina, aiuta a tenere sotto controllo la glicemia. Merito della pectina, una fibra che regola il flusso del glucosio dall’intestino al sangue. La mela è anche ricchissima di vitamina C, più degli agrumi. Contiene molti antiossidanti, tra cui la quercetina, che esercita una funzione protettiva per i polmoni. Anche se molti non lo sanno, le mele fanno bene alla pelle, dal momento che offrono uno straordinario cocktail di betacarotene, acido fosforico e acido benzoico. Infine, contiene anche molto fluoro (tra i suoi tanti sali minerali), che è un vero toccasana per i denti.

Ecco la ricetta della Apple Pie:

Ingredienti per 1 stampo da 22-24 cm:

  • 2 rotoli di pasta brisée consentita (per me Exquisa);
  • 8 mele;
  • 100 gr. di zucchero di canna extra fine;
  • 60 gr. di burro chiarificato ammorbidito;
  • 1 cucchiaino di cannella e 1 di zenzero in polvere;
  • 1 cucchiaio di succo di limone;
  • buccia grattugiata di 1/2 limone;
  • q. b. di sale.

Per completare:

  • 1 tuorlo;
  • 1 cucchiaino di latte consentito;
  • 2 cucchiai di zucchero semolato.

Preparazione:

Per la preparazione della Apple Pie iniziate con il ripieno di mele. Sbucciatele per bene e tagliatele a pezzi. Mescolate i cubetti di mela con il succo di limone e la buccia del limone stesso. Integrate con la cannella, lo zenzero e il sale. Mescolate con cura, poi unite lo zucchero e il burro chiarificato. Mescolate ancora e fate marinare così per 10 minuti.

Ora foderate uno stampo con la pasta brisée e tagliate i bordi lasciando comunque qualche millimetro in eccesso. Infine bucate leggermente il fondo con una forchetta, poi aggiungete il ripieno di mele appena marinate e l’altra sfoglia. Passate il dito sul bordo e unite le due sfoglie, poi tagliate la pasta in eccesso in modo da ottenere un bordo spesso ed uniforme. Per formare il bordo stringete la pasta tra il pollice e l’indice in modo da ricreare il classico bordo di una Apple Pie (guardate la foto). Ripetete l’operazione due volte, sia all’interno che all’esterno.

Infine, fate riposare la torta nel frigo per circa un’ora. Questo passaggio è necessario, se volete che i bordi si mantengano intatti e resistano alla cottura. Trascorsa l’ora, spennellate la superficie con un mix di tuorlo e acqua (basta un cucchiaino) e date una spolverata con lo zucchero semolato. Applicate 5 tagli al centro della superficie, in modo da ricreare l’effetto delle torte americane. Cuocete al forno statico preriscaldato a 175 gradi per circa 50 minuti. Sfornate la Apple Pie e sformatela delicatamente. Fatela intiepidire prima di servire e buon appetito!


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti