Pane con farina di piselli, una valida alternativa

Pane con farina di piselli

Pane da cheeseburger con farina di piselli e grano saraceno, un’idea particolare

ll pane da cheeseburger con farina di piselli e grano saraceno è un’alternativa al normale pane americano. Un’alternativa decisamente più salutare, e dai sentori più rustici. Insomma è una vera carica di sapori, decisamente diversi da quelli a cui ci hanno abituati i fast food. Il merito va ovviamente alla scelta degli ingredienti, che non lascia nulla al caso e si basa su criteri di originalità e valori nutrizionali.

Il riferimento è in particolare alla farina di piselli, che ingloba tutti i pregi dei relativi ortaggi. E’ una farina senza glutine, accessibile quindi agli intolleranti a questa sostanza e ai celiaci. E’ anche una farina che abbonda di sali minerali e vitamine, più di quanto non lo facciano le normali farine di grano. Inoltre, spicca anche per il contenuto di fibre. L’unico difetto riguarda le capacità panificatorie, che non sono eccezionali. Per questo motivo, va accompagnata dal grano saraceno e ad altre farine.

I benefici e le peculiarità del grano saraceno

Uno degli ingredienti principali della ricetta del pane con farina di piselli è proprio il grano saraceno, o meglio la sua farina. Si tratta di un prodotto che eccelle in termini di gusto e valori nutrizionali, ma per troppo tempo a rischio “estinzione”. Ha infatti un difetto, impercettibile per i consumatori, ma molto meno per gli addetti ai lavori, ossia la coltura rende davvero poco. Principalmente per questo, è stato un po’ ovunque soppiantato dalle colture di grano “normale”. Negli ultimi anni, dopo secoli di declino, è tornato alla ribalta nella veste di super-food.

Pane con farina di piselli

Una veste che gli calza a pennello, se si considera l’elevato valore nutrizionale. Prendiamo ad esempio le proteine, a differenza delle normali tipologie di grano, il grano saraceno ne offre una buona quantità: 14 grammi di proteine ogni cento. Una quantità straordinaria, che quasi eguaglia quella della carne. Contiene inoltre la lisina, un potente amminoacido, come anche il potassio, il magnesio e altri minerali. Si difende bene anche sotto l’aspetto vitaminico, come si evince dalle grandi concentrazioni di vitamina B1, B2 e B5.

Le proprietà della farina di psyllium, utilizzata nel nostro pane con farina di piselli

Le sorprese non finiscono qui, infatti questo pane con farina di piselli è realizzato anche con la farina di psyllium, una “strana” pianta di origine asiatica conosciuta anche per le sue singolari tonalità tendenti al nero. Lo psyllium è dotato di tante proprietà benefiche assimilabili alle erbe officinali.

Lo psyllium è, infatti, un debole lassativo in grado di alleviare i problemi di stipsi. Interviene anche a calmare il dolore cronico da infiammazione e viene apprezzato molto anche per le sue capacità di rafforzamento del sistema immunitario, in virtù delle elevate concentrazioni di vitamine. In questa ricetta è prevista una quantità limitata di farina di psyllium: il suo sapore è forte e spiccatamente aromatico, dunque è bene non abusarne per evitare di coprire gli altri ingredienti.

Ecco la ricetta del pane con farina di piselli e grano saraceno:

Ingrediente per 12-14 panini circa:

  • 200 gr. di amido di mais,
  • 120 gr. di farina di piselli,
  • 40 gr. di farina di riso,
  • 80 gr. di farina di grano saraceno,
  • 24 gr. di farina di psyllium,
  • 40 gr. di burro chiarificato,
  • 20 gr. di sale,
  • 8 gr. di lievito di birra,
  • 10 gr. di miele,
  • 100 gr. di uova intere (circa 2),
  • 400 gr. di latte consentito.

Per decorare:

  • 1 uovo;
  • q. b. di semi di sesamo.

Preparazione:

Per la preparazione del pane con farina di piselli iniziate versando in un’ampia ciotola tutte le farine e l’amido di mais, poi mescolate per bene. Versate in un’altra ciotola il burro già ammorbidito (basta lasciarlo fuori dal frigo per qualche attimo), il sale e il miele, poi mescolate anche questi ingredienti. A parte versate il latte delattosato e sciogliete il lievito di birra, poi aggiungete le uova e mescolate per bene. Ora inserite questi composti in una planetaria con accessorio a foglia e lasciate che impasti per circa 10 minuti. A questo punto dovrebbe essersi formato un impasto non molto stabile, bensì simile a una crema abbastanza densa. Ponete questo impasto in un contenitore e fatelo riposare in frigorifero per almeno una notte.

Trascorso questo lasso di tempo, versate l’impasto in una sac à poche, e con questa riempite uno stampo di alluminio con i bordi alti e con un diametro di circa 10 cm. Se non possedete lo stampo in alluminio potete ripiegare su altri materiali, l’importante è che abbia dei bordi alti e un diametro che non vada oltre i 15 cm. Ora spennellate la superficie con un uovo sbattuto e distribuite i semi di sesamo.

Fate riposare per altre 2 ore a una temperatura di 25-28 gradi. Trascorse queste ore, l’impasto dovrebbe aver raddoppiato il suo volume. A questo punto, cuocete al forno per 10-12 minuti a 200 gradi. Se notate che l’impasto assume un colore ambrato non vi preoccupate, è il miele a fare questo effetto. Infine sformate dallo stampo e fate raffreddare il pane. Si può consumare anche caldo, ma tenete presente che si conserva soffice per circa 2 giorni.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


10-03-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti