Mai stufi dello stufato con le barbabietole gialle!

Tenera che si scioglie in bocca

Perdonate il gioco di parole che abbiamo usato come titolo di questa ricetta, ma riteniamo renda bene l’idea! Come ci si può stancare di una bontà come quella dello stufato di barbabietole? La carne di manzo cotta a lungo, a fuoco lento, conserva la sua succosità ed acquisisce una morbidezza meravigliosa.

In pentola il sapore della barbabietola gialla si unisce a quello della carne, un matrimonio che decisamente funziona! Per queste ragioni, di tanto in tanto, quando troviamo al mercato delle belle barbabietole, questa ricetta ci tenta davvero.

Con un secondo come questo non possiamo sbagliare e siamo certi che farne in abbondanza sarà utile per coprire la richiesta degli eventuali bis. Non neghiamo che, infatti, spesso le dosi pensate per quattro vengono abbondantemente utilizzate anche solo per due persone!

A cena il profumo di spezzatino è un vero piacere che talvolta, per restate più leggeri, ci concediamo anche come piatto unico. La barbabietola gialla, lo vedremo, è così nutriente da poter completare il nostro pasto da sé.

Barbabietola gialla come l’oro

La barbabietola gialla è un ingrediente dalla storia secolare, per non dire millenaria. Le sue proprietà medicinali erano note anche nell’antichità e per questo veniva ampiamente coltivata e consumata. Ai giorni nostri, riteniamo sia giusto rispolverare la conoscenza di questo ortaggio ed intensificarne l’utilizzo, a tutto vantaggio della nostra salute.

Le proprietà nutrizionali della barbabietola sono ad ampio spettro e coinvolgono moltissimi aspetti importanti per il nostro organismo. Il consumo di barbabietole può prevenire la stitichezza, depurando e disintossicando.

Stufato di manzo con barbabietole gialle

A livello del sangue, la barbabietola è in grado di regolarizzare la pressione sanguigna e contrastare l’anemia. Il suo consumo è consigliato anche agli sportivi in quanto ricca di sali minerali e vitamine che offrono un apporto energizzante.

Non trascurabile è, inoltre, l’apporto antiossidante ed antinfiammatorio. Tutte queste caratteristiche consumando solo una barbabietola gialla? Si, ovviamente con un consumo regolare ed in quantità sufficienti, il nostro corpo potrà trarne moltissimi vantaggi. Poi, lo possiamo testimoniare, è pure buonissima! Perché mai dovremmo farne a meno?

Ed ecco la ricetta dello stufato con le barbabietole gialle:

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. di carne di manzo per spezzatino
  • 8 barbabietole gialle
  • 1 cipolla
  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • qualche chiodo di garofano
  • 1 foglia d’alloro
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

In una casseruola (con fondo spesso) fate rosolare la carne con un giro d’olio ed il trito di cipolla. Attendete che la carne cominci a prendere colore, poi sfumate con il vino bianco.

Profumate il tutto con alloro e chiodi di garofano. Coprite la casseruola e lasciate in cottura, a fiamma bassa, per circa 1 ora e 30 minuti. Di tanto in tanto, controllate, mescolate e versate un po’ d’acqua, solo se necessario.

In una padella antiaderente ponete in cottura le barbabietole gialle, tagliate a cubetti, con un giro d’olio extravergine d’oliva. Appena le barbabietole sembreranno ben dorate, unitele alla casseruola dello stufato e continuate la cottura tutto insieme per mezz’ora. Servite ancora caldo e buon appetito!

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *