bg header
logo_print

Involtini di vitello con prosciutto, un classico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Involtini di vitello con prosciutto
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 16 min
cottura
Cottura: 00 ore 14 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Involtini di vitello con prosciutto crudo e olive nere, buoni e nutrienti

Gli involtini di vitello con prosciutto crudo e olive nere sono un secondo piatto della tradizione italiana, in questo caso leggermente rivisitato. Certo, la ricetta originale offre margini d’azione per aggiungere ingredienti o sostituirli, ma per questi involtini ho voluto abbondare con le modifiche. Per esempio, al posto del prosciutto cotto ho optato per il prosciutto crudo, che aggiunge un po’ di sapidità e aroma. Ho aggiunto anche i pomodori secchi e le olive nere, a dispetto della provola o del formaggio (in questo caso assente). Il risultato è un involtino molto più leggero del solito, che non appesantisce, ma addirittura più gustoso. La ricetta, tra l’altro, è davvero semplice. Si tratta di battere la carne, aggiungere i vari strati (rispettivamente prosciutto crudo, pomodori e olive), avvolgere, chiudere e cuocere. Ovviamente per chiudere l’involtino è necessario il classico stecchino.

Ricetta involtini di vitello con prosciutto

Preparazione involtini di vitello con prosciutto

Per la preparazione degli involtini iniziate battendo le fette di vitello per assottigliarle e renderle più morbide. Tuttavia fate molto attenzione a non sfaldarle troppo. Poi tritate finemente le olive, estraete i pomodori secchi dal vasetto e sgocciolateli accuratamente.

Ora componente gli involtini: adagiate le fette di carne su dei piatti o un piano da lavoro, poi mettete una fetta di prosciutto, aggiungete le olive nere tritate, un po’ di pomodoro secco e il timo fresco. Arrotolate per creare gli involtini e fissateli con uno stecchino di legno.

Scaldate un po’ d’olio in una padella, possibilmente antiaderente e rosolateci gli involtini per 5 minuti, girandoli più volte. Integrate con un po’ d’acqua affinché non si asciughino troppo e portate a cottura. Servite e buon appetito!

Ingredienti involtini di vitello con prosciutto

  • 12 fettine di fesa di vitello sottili
  • 12 fettine di prosciutto crudo
  • 10 olive nere
  • 4 pomodori secchi sott’olio
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. sale
  • q. b. di pepe nero.

Il metodo di cottura degli Involtini di vitello con prosciutto crudo e olive nere prevede la rosolatura in padella. Alcuni preferiscono gli involtini cotti al forno, ma reputo che questo metodo non sia adatto agli involtini in quanto rischia di asciugarli troppo. Dunque, per una volta, è bene utilizzare qualche grasso aggiunto e garantirsi un involtino semplicemente perfetto! Per quanto riguarda la carne, consiglio la fesa di vitello.

La carne di vitello è in genere molto morbida, digeribile e nutriente a tal punto da non fare invidia alle altre carni rosse. E’ piuttosto leggera, dal momento che apporta a malapena 110 kcal per 100 grammi. Ottimo l’apporto di proteine, che sfiora 21 grammi ogni 100. In quanto a ferro, la carne di vitello si difende bene (1,2 mg), come anche per lo zinco, il calcio e il magnesio (che è presente in grandi quantità). Come molte carni rosse, quella di vitello contiene molte vitamine del gruppo B. In questo caso, si segnala una certa abbondanza di vitamina B3.

Le peculiarità del prosciutto crudo

Nella ricetta degli involtini di vitello e olive nere, il prosciutto crudo sostituisce il cotto. Ho infatti voluto conferire una maggiore sapidità alla pietanza, nonché un aroma più spiccato. Per quanto riguarda il procedimento non cambia nulla, dal momento che il prosciutto crudo è “morbido” proprio come il cotto, dunque si presta ad essere arrotolato. Per quanto riguarda i valori nutrizionali, invece, cambia qualcosa.

Involtini di vitello con prosciutto

In termini di calorie, il crudo è un po’ più calorico del cotto (230 kcal per 100 grammi contro 160), in quanto in genere è presente più grasso. Tuttavia, è sufficiente rimuoverlo per ristabilire gli equilibri. Per quanto riguarda le proteine, siamo sullo stesso livello. Anche in questo caso, infatti, rappresentano il 28% del totale. Il crudo, poi, eccelle in quanto ad apporto di fosforo, potassio, magnesio e calcio. Purtroppo, contiene anche piuttosto sodio, più di molti altri salumi. Per questo motivo è bene non abusarne.

Come fare i pomodori sott’olio?

Un’altra variazione sul tema dei classici involtini di vitello che ho scelto per questa ricetta è il pomodoro secco. Nello specifico, ne va inserito qualche pezzetto sul secondo strato, appena sopra la fetta di prosciutto crudo. Quella del pomodoro secco è un’aggiunta che conferisce molto sapore e non appesantisce più di tanto, a patto ovviamente di sgocciolarlo come si deve. Dove trovare i pomodori secchi? Alcuni supermercati li vendono, ma io consiglio comunque di realizzarli in casa. Non è difficile e garantisce una certa soddisfazione, per altro duratura (si mantengono per molti mesi e in alcuni casi persino per un anno).

Esistono tante ricette per i pomodori secchi sott’olio. In Calabria l’essiccazione avviene direttamente al sole, e può durare anche per due giorni. Inoltre, è possibile salarli abbondantemente, farli riposare in questo modo per 3 o 4 ore e poi macerarli nell’aceto di vino bianco. Infine vanno scolati e poi utilizzati per riempire i barattoli insieme agli aromi (aglio, peperoncino, origano e basilico) e all’olio. In questo articolo di Nonnapaperina.it trovate la ricetta completa.

Ricette involtini ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di tacchino e fagiolini

Insalata di tacchino e fagiolini, una ricetta light...

Perché preferire il tacchino al pollo? Spesso preferire il tacchino al pollo è una questione di gusto, ma non di rado la questione è oggettiva. In questa insalata di tacchino e fagiolini la...

Gamberi saltati al tamarindo

Gamberi saltati al tamarindo, un secondo agrodolce di...

Un focus sui gamberi Nonostante l’abbondanza di ingredienti e di abbinamenti arditi, i protagonisti della ricetta rimangono i gamberi saltati. I gamberi sono tra i crostacei più consumati, che si...

Baccalà in umido alla Veneta

Baccalà in umido alla Veneta, un gustoso piatto...

Origini e storia del baccalà in umido alla veneta Il baccalà in umido alla veneta è una delle più antiche e tipiche ricette della cucina veneta. Le origini di questo piatto risalgono al periodo...