logo_print

Dessert alla panna con crema di nocciole e melagrana.

Dessert alla panna con crema di nocciole
Stampa

Dessert alla panna con crema di nocciole e melagrana, una scelta di ingredienti davvero azzeccata

Il dessert alla panna con crema di nocciole e melagrana che vi proponiamo è frutto di una scelta oculata e davvero azzeccata degli ingredienti. Alla dolcezza della crema di nocciole e della panna montata, infatti, si aggiunge la leggera acidità della melagrana. Queste tre componenti producono un gradevole contrasto, e si rivelano un elemento di differenziazione rispetto ai soliti dessert con panna, nocciole, cioccolato etc. E’ anche un dessert molto semplice da realizzare, dal momento che si tratta banalmente di disporre gli ingredienti secondo il giusto ordine, e di produrre qualche decorazione (ad esempio i ciuffetti di panna montata) in modo da generare un impatto visivo gradevole. 

Tra l’altro, è anche un dessert moderatamente leggero, dal momento che prevede l’utilizzo dei savoiardi, piuttosto che di tipi di paste o biscotti più grassi. Certo, è realizzato con la panna e la crema di nocciole, alimenti niente affatto dietetici, ma le quantità non sono esagerate. La melagrana, poi, presenta un apporto calorico molto basso, quasi trascurabile. Di questo frutto parleremo più approfonditamente nel prossimo paragrafo.

Melagrana, tutte le caratteristiche di un frutto davvero speciale

Questo dessert è arricchito dai chicchi di melagrana, i quali formalmente vengono posti a mo’ di decorazione per creare un bel contrasto in termini di colore, ma che in verità impattano anche sul sapore. Formano un contrasto anche dal punto di vista gustativo, dal momento che forniscono un sentore acidulo, in contrapposizione alla proverbiale dolcezza della crema di nocciole e della panna. Tuttavia, la melagrana non va apprezzata solo per il suo sapore (che comunque varia molto in base alle specie e al grado di maturazione) ma anche per le sue caratteristiche nutrizionali, che sono fuori dal comune.

Dessert alla panna con crema di nocciole

In primis, è un frutto ricchissimo di vitamina A e vitamine del gruppo B, che complessivamente sortiscono un effetto benefico per l’apparato cardiovascolare. La melagrana è ricca anche di vitamina C, in proporzione più degli agrumi, dunque è un toccasana per il sistema immunitario. E’ anche un’eccellente fonte di potassio, il ché giova ai tessuti muscolari e alla pressione sanguigna (in una prospettiva di riequilibrio). Tra gli altri minerali, spiccano il fosforo, lo zinco e il manganese, presenti in discreta quantità. L’apporto calorico è molto ridotto, e si attesta sulle 80 kcal per 100 grammi (di parte edibile).

La melagrana è un frutto prezioso anche perché presenta funzioni quasi di tipo terapeutico, se si considera la specie nella sua interezza. Per esempio, i fiori e l’esocarpo si caratterizzano per le proprietà astringenti, utili in caso di problemi intestinali. La corteccia del melograno (questo il nome della pianta) si distingue poi per le proprietà vermifughe. I chicchi, invece, vantano proprietà gastro-protettive. Da questo punto di vista, la maggiore efficacia si ottiene estraendo il succo, che tra le altre cose viene considerato – a ragione – una bevanda non solo deliziosa, ma anche disintossicante e depurativa. La melagrana, intesa come frutto, si caratterizza per le proprietà antiossidanti, determinate dalle grandi quantità e varietà di polifenoli.

La panna montata fa ingrassare?

La panna montata è uno degli ingredienti principali di questo dessert con crema di nocciole e melagrana. E’ l’ingrediente più “ingombrante”, anche se – per esempio – è presente nelle stesse quantità della crema di nocciole (200 grammi per parte). Certamente la panna aggiunge una dose ulteriore di gusto e dolcezza. Eppure, il suo consumo genera ansia in chi deve seguire regimi dietetici, vi è infatti la percezione che faccia ingrassare.

In effetti, la panna non si può certo definire un ingrediente dietetico. D’altronde è realizzata a partire dal latte, che ha un apporto calorico significativo. Ad ogni modo, da un punto di vista prettamente calorico, ci sono differenze tra panna montata e panna fresca. Infatti, la prima contiene molta aria, in quanto è frutto del processo di insufflazione. Per essere precisi, la variante fresca conta 337 kcal per 100 grammi, mentre la variante montata solo 220 kcal per 100 grammi. Ora, se si considera che per questa ricetta si utilizzano solo 200 grammi per quattro persone, una singola porzione di dessert contiene a malapena 110 kcal di panna, un apporto tutto sommato sostenibile.

Ecco la ricetta del dessert alla panna con crema di nocciole e melagrana:

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 savoiardi consentiti;
  • 1/2 bicchiere di rum;
  • 1/2 bicchiere di acqua naturale;
  • 4 cucchiai di chicchi di melagrana;
  • 200 gr. di panna montata consentita;
  • 200 gr. di crema di nocciole consentita o Nutella.

Preparazione:

Versate il rum nell’acqua minerale in modo che si diluisca. Dividete a metà i savoiardi e versateli nel rum diluito, poi adagiatene 2 o 3 dentro ciascun bicchiere. Aggiungete uno strato di panna montata.

Mettete, poi, la crema di nocciole in una sac à poche e, utilizzando quest’ultima, componente dei ciuffetti. Coprite con abbondante panna montata e concludete decorando con dei chicchi di melagrana prima di servire.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


20-11-2019
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti