Risotto con zucca e burrata: una festa per il palato

Risotto con zucca e burrata
Commenti: 0 - Stampa

Risotto con zucca, rosmarino e burrata, un tripudio di colori

Il risotto con zucca, rosmarino e burrata è un risotto semplice da preparare, dalla resa visiva importante, gustoso e sano. Certamente è più sano della maggior parte dei risotti, anche perché l’ingrediente principale, in questo caso la zucca, non viene passato in padella insieme al soffritto ma semplicemente cotto al forno e frullato. Ciò priva il piatto di una grande quantità di calorie e ne garantisce la leggerezza.

Il punto di forza di questo risotto con zucca è la scelta degli ingredienti, che oltre a risultare azzeccata è stata pensata per soddisfare due criteri: la resa visiva e la resa organolettica. Il piatto è davvero un tripudio di colori, con il bianco della burrata che valorizza l’arancione della zucca e il verde del rosmarino.

La zucca, ortaggio sano e versatile

La zucca è uno degli alimenti principi del nostro risotto e della tradizione culinaria italiana, a prescindere dalle differenze che naturalmente caratterizzano le varie cucine regionali. E’ considerato un alimento povero, in quanto già in passato facile da reperire, ma ricchissimo dal punto di vista nutrizionale. La caratteristica più importante della zucca è l’abbondante presenza di acidi grassi omega tre che contribuiscono a tenere sotto controllo il colesterolo e previene la pressione alta.

Risotto con zucca e burrata

La zucca, poi, favorisce un transito intestinale sufficientemente veloce e “tranquillo”, vista la funzione equilibrante che esercita per la flora batterica. Questo gustoso ortaggio, inoltre, è ricco di calcio, potassio, fosforo, selenio, magnesio, zinco, vitamina A e B. Infine è poco calorico, dal momento che fornisce solo 26 calorie per 100 grammi.

I pregi e l’eccellente gusto della burrata

La burrata è il tocco finale di questo risotto con zucca. La burrata viene spesso confusa con la mozzarella, ma si tratta di due latticini completamente diversi. Prima di tutto, la burrata è pugliese, per giunta di invenzione relativamente recente (anni 50 del XX secolo). Secondariamente, può essere considerata come stracciatella posta all’interno della mozzarella, dunque è normale che i due latticini, dall’esterno, risultino identici.

La burrata è molto saporita in quanto unisce i pregi della mozzarella, che funge da involucro, a quelli della stracciatella e, a volte, della panna. Vista la sua morbidezza, che sfocia nella cremosità, è perfetta per le mantecazioni leggere, come per questo squisito risotto con zucca.

Ecco la ricetta del risotto con zucca, rosmarino e burrata

Ingredienti per 6 persone:

  • 480 gr. di riso Carnaroli Riserva San Massimo
  • 80 gr. di scalogno
  • 1 lt. di brodo vegetale
  • 400 gr. di zucca
  • 1 mazzetto di rosmarino
  • 60 gr. di burro chiarificato
  • 80 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato
  • 200 gr. di burratina Sabelli
  • 10 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Iniziate a preparare il risotto con la zucca rimuovendo la buccia dallo scalogno, ponetelo in una casseruola, aggiungete l’olio e cuocete a fuoco molto lento per 20 minuti. Dopo fate raffreddare, filtrate il contenuto della casseruola e conservate l’olio per un secondo momento. Adesso tagliate la zucca, ricopritela con la carta d’alluminio e infornatela a 160 gradi per 40 minuti. Una volta fredda, rimuovete dalla zucca sia la buccia che i semi. La polpa, invece, frullatela.

Ricavate un trito dal rosmarino. In una casseruola tostate il riso utilizzando l’olio al sapore di scalogno che avete conservato in precedenza, coprite con il brodo, e fate andare a fuoco medio. Dopo dieci minuti aggiungete anche la polpa di zucca frullata. Aggiustate di sale, di pepe, terminate la cottura e, ovviamente a fuoco spento, mantecate con burro e parmigiano. Impiattate integrando la pietanza con dei pezzetti di burrata e con il rosmarino.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti