Ciambellone alle castagne: un dolcetto per Halloween

Ciambellone alle castagne: una sinfonia autunnale

Il ciambellone alle castagne, visti anche gli ingredienti tipici della stagione, può essere considerato il classico dolce autunnale. Può essere proposto anche durante le feste di Halloween, dal momento che è buono, semplice da preparare e forte di un impatto visivo notevole.

Un altro pregio del ciambellone alle castagne è la possibilità di essere consumato da chiunque, anche da chi manifesta problemi nell’assorbimento del glutine. Il ciambellone, infatti, non contiene glutine e quindi risulta adatto anche ai celiaci e agli intolleranti.

Tale possibilità non è determinata da un qualche processo chimico capace di estrarre il glutine, nessuna “farina normale” viene indebitamente manipolata. Piuttosto, vengono utilizzate farine che naturalmente non contengono glutine, come quella di riso e di castagne.

La presenza di queste farine, tra l’altro, conferisce al dolce un sapore speciale, ben riconoscibile e diverso dagli altri ciambelloni.

Conoscete il guar?

Tra gli ingredienti figura il guar. Questa non è una presenza frequente tra i dolci della tradizione italiana. Tuttavia, in questo caso (come in tanti altri),’ si rivela molto utile. Il guar si presenta come una polvere molto sottile, che diventa vischiosa se mischiata con l’acqua.

La sua caratteristica principale risiede nella capacità di “addensare” i composti, di renderli allo stesso tempo più solidi ed elastici.

Ciambellone alle castagne

Ma non è finita qui. Il guar è anche una sostanza benefica per l’organismo. Svolge infatti una funzione igroscopica, ovvero distende lo stomaco e favorisce il senso di sazietà.

Insomma, ritarda il ritorno dell’appetito. Questo non è un dettaglio di poco conto, dal momento che una caratteristica tipica dei dolci occidentali è proprio l’elevato indice glicemico, che come effetto collaterale ha proprio la stimolazione del senso della fame.

La differenza tra marroni e castagne

Alcuni dei protagonisti di questa ricetta sono i marroni e le castagne. I primi appaiono nella loro versione “naturale”, al massimo ridotti in piccoli pezzi, e sotto forma di confettura.

Le castagne invece appaiono sotto forma di farina. Entrambi gli alimenti contribuiscono a valorizzare il dolce, conferendogli un gusto particolare, che richiama all’autunno e si distingue notevolmente dai classici ciambelloni.

Ma che differenza c’è tra marroni e castagne? Una domanda legittima, per chi non si intende dell’argomento. Ebbene, la differenza è parecchio intuitiva: le castagne rappresentano una variante più selvatica, dalla buccia più coriacea, forma tonda e colore chiaro; i marroni sono frutto di un lavoro di selezione, sono più saporiti, la buccia è più sottile e facile da rimuovere, la loro forma ricorda quello di un cuore e il colore è più scuro.

Ecco la ricetta del ciambellone alle castagne

Ingredienti:

  • 120 gr. di tuorlo
  • 60 gr. di uova intere
  • 130 gr. di olio di semi di mais
  • 80 gr. di fruttosio
  • 180 gr. di zucchero di cocco solido
  • 140 gr. di fecola di patate
  • 120 gr. di albume
  • 150 gr. di farina di castagne
  • 5 gr. di guar
  • 5 gr. di lievito
  • 1 gr. di sale
  • 200 gr. di marroni asciutti in pezzi
  • q. b. di confettura di marroni
  • 100 gr. di zucchero a velo
  • 10 gr. di caffè’ solubile

Preparazione:

  • Frullate i tuorli con l’olio di semi di mais e il sale fino a ottenere una specie di maionese, infine aggiungete il fruttosio e la fecola di patate precedentemente setacciata.
  • Create una meringa montando gli albumi con lo zucchero di cocco solido e aggiungendo il guar. Unite la meringa con il composto che avete preparato e aggiungete gradualmente la farina di castagne e il lievito precedentemente setacciati. Aggiungete gradualmente anche i marroni ridotti in piccoli pezzi.
  • Continuate così fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo, infine versatelo in uno stampo da ciambella (20 cm di diametro) e infornate a 160 gradi per 25-30 minuti.
  • Terminata la cottura aprite il dolce longitudinalmente e farcitelo con la confettura di marroni. Infine decorate la parte superiore del ciambellone con una mistura di zucchero a velo frullato e con un po’ di caffè solubile.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *