Minestra di latte con quinoa: piatto completo e sano

Minestra di latte con quinoa
Commenti: 0 - Stampa

Minestra di latte con quinoa: un bilanciamento perfetto

Prima ancora che un piatto gustoso e facile da preparare, la minestra di latte con quinoa è un primo sano, e dai valori nutrizionali elevatissimi. Il merito di ciò va alla scelta degli ingredienti che, pur seguendo il criterio della semplicità (quinoa a parte), risulta incredibilmente efficace. E’ sufficiente leggere la lista degli ingredienti e conoscerne anche solo sommariamente le proprietà per rendersene conto, per accorgersi di quanto questa speciale minestra vanti un bilanciamento perfetto.

La patata fornisce un significativo quantitativo di carboidrati, ma anche potassio e vitamina C. Il peperone offre le vitamine A e C e una discreta quantità di calcio. Sostanza, questa, che invece è presente in grandi quantità nel latte, che fornisce anche le proteine. La quinoa, infine, contiene molte proteine, carboidrati, fibre e altre sostanze “particolari”, di cui faremo menzione nel prossimo paragrafo.

Perché abbiamo utilizzato la quinoa?

La quinoa è un po’ il simbolo di un approccio alla dieta salutista, a torto considerata naif. E invece la quinoa è un alimento che non dovrebbe mai mancare in dispensa. In particolare, per chi soffre di celiachia. La quinoa, infatti, è uno dei pochi (pseudo) cereali di facile reperibilità a non contenere glutine, dunque può essere consumata da chiunque.

Minestra di latte con quinoa

Rispetto alla farina bianca, contiene una quantità molto più elevata di proteine. Ottimo è anche l’apporto di fibre. La quinoa, tuttavia, è apprezzata per la presenza di molte sostanze che in genere non si trovano nei cereali, ma che fanno davvero bene all’organismo. Per esempio, la vitamina C e la vitamina E, nonché il magnesio. Contiene anche la lisina e la metionina, che intervengono sul metabolismo, accelerandolo e supportandolo nella gestione dell’insulina. Considerevole, infine, l’apporto di  potassio, ferro e calcio.

Come cucinare la quinoa ! Un alimento per molte ricette. Negli ultimi tempi, di quinoa si sente parlare molto e per fortuna. L’attenzione nei confronti di questo cereale è aumentata a causa delle sue proprietà benefiche davvero speciali. Appartenente alla famiglia delle Chenopidacee, la quinoa non è una graminacea ed è priva di glutine.

Non è un caso che venga usata per preparare tantissimi piatti, dolci e salati, per i celiaci. La quinoa è inoltre ricca di proteine. Nel novero dei suoi componenti è possibile includere due aminoacidi essenziali che il nostro corpo non riesce a produrre e che, per questo, deve assumere attraverso l’alimentazione.

Stiamo parlando della lisina e della metionina. Proseguendo nell’analisi delle proprietà della quinoa, troviamo la presenza di minerali e vitamine. In particolare, si può parlare di magnesio e di vitamina C e vitamina E, due eccellenti antiossidanti.

La quinoa ha un alto apporto calorico. In linea di massima, per 100 grammi di prodotto, si parla di 350 calorie. Alimento di base molto nutriente, è super consigliato ai bambini, alle donne in gravidanza, agli sportivi.

Grazie all’ elevato contenuto proteico, è considerata una valida alternativa alla carne e al pesce nei regimi vegani o vegetariani.

Come già detto, è priva di glutine. Ciò la rende particolarmente adatta alla cucina gluten free. Di piatti di questo tipo se ne possono chiamare in causa tantissimi, sia dolci sia salati.

Il ruolo del latte

Se sei intollerante al lattosio lo saprai bene: l’unica cura che funzioni davvero è una dieta che ne riduca o ne elimini completamente l’assunzione, almeno per un determinato periodo di tempo.

Di conseguenza il primo alimento ad essere totalmente allontanato è il latte vaccino e suoi derivati, cosa mai facile da fare senza creare delle carenze di nutrienti per l’organismo. Il calcio, ad esempio, di cui il latte convenzionale è un grande apportatore, è fondamentale riuscire a compensare in altri modi.

Per questo motivo, il latte senza lattosio sembra essere tra i sostituti del latte vaccino più efficaci poiché riuscirai ad eliminare la fonte del problema (appunto il lattosio) senza rinunciare all’apporto di un minerale così importante come il calcio, vitale per evitare, in età avanzata, malattie tipiche dell’indebolimento delle ossa, come l’osteoporosi.

La presenza del latte potrebbe far storcere il naso ai puristi di alcune tradizioni culinarie regionali. D’altronde, una minestra di latte non è quanto di più frequente si possa trovare sulle tavole degli italiani. Eppure, è proprio la presenza del latte a conferire a questa minestra un valore aggiunto, un elemento che possa integrare le già ottime proprietà nutrizionali e infondere un maggiore gusto.

Il latte, in questo caso, si rivela compatibile con la presenza di verdure quali patate, cipolle e zucchine. Anzi, conferisce quel poco di dolcezza in più che spezza i sentori proposti dagli altri ingredienti, che rischierebbero altrimenti di risultare piatti.

Ecco la ricetta della minestra di latte con quinoa:

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 gr di quinoa
  • una patata
  • un peperone e una zucchina
  • ½ lt di latte di quinoa
  • 250 ml. di acqua naturale
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Lavate accuratamente la quinoa e scolatela. Sbucciate la patata e tagliatela a dadini di 1 cm circa. Lavate e mondate il peperone da semini e filamenti. Lavate, spuntate la zucchina e tagliate a dadini.  Versate le verdure e ortaggi in un tegame insieme al latte e all’acqua. Aggiungete il sale e portate ad ebollizione.

A questo punto aggiungete la quinoa e fate cuocere per 15 minuti circa, mescolando spesso. Servite la minestra caldissima.

Tempo di preparazione: 40 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...

Malfatti con broccoli e salsiccia

Malfatti con broccoli e salsiccia, un primo sostanzioso

Malfatti con broccoli e salsiccia, un piatto semplice I malfatti con broccoli e salsiccia sono un primo gustoso, che gioca la sua partita su una manciata di ingredienti. Anche per questo motivo può...

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti