Tagliatelle rosse alla barbabietola per primi da occasione

tagliatelle alla barbabietola
Commenti: 0 - Stampa

Un primo piatto sorprendente con le tagliatelle rosse fatte in casa

Preparare la pasta fatta in casa è rilassante e divertente. Non c’è soddisfazione più bella in cucina di preparare qualcosa da zero e vederla poi valorizzata in un buon piatto, apprezzato da tutti. Con queste tagliatelle rosse alla barbabietola possiamo dire che ci siamo dedicati alla preparazione degli stessi ingredienti principali. Il colore peculiare dell’impasto, infatti, è dato dalla polvere di barbabietola essiccata che abbiamo preparato assieme qualche tempo fa e che costituisce uno degli ingredienti più preziosi della nostra dispensa.

La polvere di barbabietola, infatti, oltre a conservare le caratteristiche nutrizionali dell’elemento d’origine, regala alle pietanze ed agli impasti un colore peculiare; risulta, quindi, un eccellente colorante naturale, spendibile anche nella produzione di dolci! Ma queste straordinarie tagliatelle alla barbabietola non potrebbero esistere senza il mix per pasta fresca La Veronese, altro trucchetto utile per la loro realizzazione. Il Bel Paese Mix de La Veronese, infatti, è una miscela di pregiate farine senza glutine pensate in maniera specifica per la produzione d’eccellenti paste fresche. Ridotta quantità di grassi, assenza di glutine e di latte, praticità ed ingredienti di primissima qualità. Ecco cosa ci piace di più di questi mix La Veronese.

Una mano in più in cucina

Da quando abbiamo scoperto le miscele La Veronese non abbiamo davvero più scuse per non preparare tutti gli impasti direttamente a casa. I preparati La Veronese, infatti, hanno notevolmente semplificato e velocizzato la produzione di tutti i principali impasti da cucina, consentendoci di preparare tantissime pietanze gluten free con l’acquisto di un unico prodotto.

tagliatelle alla barbabietola

Con un solo mix, infatti, abbiamo a disposizione la giusta dose delle tante farine necessarie per comporre un impasto senza glutine assolutamente performante e di qualità. E quindi pasta fresca per tutti i gusti e senza stress! Ogni occasione diventa quella giusta per impreziosire i nostri primi con un tocco d’attenzione in più.

Che bontà queste tagliatelle alla barbabietola!

Queste tagliatelle fresche sono una vera delizia. Porose, consistenti e saporite, le tagliatelle alla barbabietola donano un tocco di ricercatezza in più a tantissimi possibili piatti.

Vi state chiedendo con cosa potreste valorizzare questa pasta particolare? Come prime idee potreste valutare una crema di asparagi, una di ricotta oppure ancora un condimento con verdure miste. In ogni caso, il successo sarà assicurato.

Ed ecco la ricetta delle tagliatelle alla barbabietola:

Ingredienti per 4 persone:

Preparazione:

Versate tutti gli ingredienti, nelle dosi indicate, nella coppa di una planetaria ed impastate energicamente con un braccio a foglia. Non appena l’impasto risulterà omogeneo e compatto, rimuovetelo dall’impastatrice, formate poi una palla ed avvolgetela nella pellicola. Ponete l’impasto così ottenuto a riposo nel frigo per circa 30 minuti.

Dopo il riposo indicato, riprendete l’impasto dal frigo, lavoratelo su di un tagliere spolverato con della farina di riso e dividetelo in panetti. Stendete i panetti fino ad uno spessore di 2-3 millimetri (con un mattarello o con l’apposito accessorio stendi-pasta), dopo di che, tagliate con lo strumento per tagliatelle. Ricavate dei nidi, spolverateli con della farina di riso e lasciateli a riposo per almeno un’ora prima dell’utilizzo

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con La Veronese

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

Glassa a specchio

Glassa a specchio senza glutine e lattosio

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, una base eccellente per dolci e...

Alcune importanti precisazioni sulla pasta biscotto La pasta biscotto è una preparazione che sembra facile ma occorre fare molta attenzione senza attingere ad un bagaglio di conoscenze sbagliato....

pane di castagne farcito

Pane con farina di castagne, una ricca merenda...

Pane con farina di castagne, merenda mediterranea e americana Il pane con farina di castagne e burro di arachidi, lo avrete capito già dal nome, non è un pane come tutti gli altri. A prescindere...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-07-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti