Cheesecake al tè matcha, mix tra colore e gusto

Cheesecake al te matcha
Commenti: 0 - Stampa

Cheesecake al matcha, una torta speciale e molto particolare

La cheesecake al tè matcha è una cheesecake molto particolare, frutto di un accostamento che strizza l’occhio allo stile fusion, ovvero all’integrazione di diverse culture culinarie. Da un lato abbiamo la classica cheesecake, torta di origine anglosassone tra le più amate al mondo, nonchè entry level per tutti gli aspiranti pasticcieri (amatoriali e non). Dall’altro abbiamo il matcha, un alimento simbolo della cultura orientale e in particolar modo giapponese.

L’abbinamento potrà sembrare audace, come audace può apparire anche il semplice concetto di “torta al ”. Tuttavia, la scelta degli ingredienti si rivela azzeccata, ed è capace di dare molto in termini di gusto e dal punto di vista estetico. Vi sono vari elementi di differenziazione che riguardano la base. I biscotti normali, o al massimo di categoria “digestive”, vengono rimpiazzati dai biscotti senza glutine, invece il burro classico viene sostituito con il burro di cocco. Il burro di cocco conferisce un sapore particolare, che può farsi apprezzare da tutti i palati. I biscotti senza glutine, invece, consentono anche ai celiaci e agli intolleranti al glutine di gustare questa torta.

L’elemento principale, quello che segna uno spartiacque tra questa cheesecake e tutte le altre, è proprio il tè matcha. Di base, si tratta di verde, originario della Cina, ma consumato soprattutto in Giappone (in Occidente si è diffuso da pochi anni). ll segreto del matcha sono le fasi che precedono il confezionamento. Si parte dalla coltivazione, rigorosamente “all’ombra”, poi si giunge all’esposizione delle foglie al vapore (fondamentale per prevenire l’ossidazione) e si conclude con la macinazione su pietre di granito. Come tutte le varietà di , contiene molte vitamine e sali minerali. Tuttavia, il suo punto di forza è la straordinaria presenza di antiossidanti. Queste sono sostanze molto importanti per l’organismo in quanto sostengono i meccanismi di rigenerazione cellulare, contrastano l’azione dei radicali liberi e aiutano a prevenire il cancro.

Cheesecake al the matcha

Un ripieno delizioso realizzato con panna e formaggio

In questa cheesecake al matcha grande attenzione va riposta nella preparazione del ripieno, una buona cheesecake si decide proprio da questo aspetto. In questo caso ho optato per un approccio minimale, che punta all’essenzialità. Il ripieno è infatti realizzato solo con panna e formaggio. Non ho però usato un formaggio qualsiasi, bensì il formaggio spalmabile Exquisa.

Il formaggio Exquisa è un prodotto di qualità sopraffine, realizzato con materie prime eccezionali. La texture è sufficientemente morbida e il gusto è più forte e genuino rispetto agli altri formaggi cremosi. Questo specifico prodotto contiene lattosio, tuttavia Exquisa mette a disposizione anche molti prodotti simili privi di questa sostanza, che possono essere consumati anche da chi soffre di questo tipo di intolleranza. Ci tengo a precisare che la rimozione del lattosio avviene senza espedienti chimici o artificiosi, semplicemente si sottopone il latte all’enzima lattasi.

Una decorazione unica e di grande effetto

La decorazione di questa cheesecake al matcha è molto particolare. Mentre la maggior parte delle cheesecake prevede una semplice glassatura, occasionalmente arricchita da pezzi di frutta (fresca o secca), l’approccio utilizzato per questa ricetta è diverso. In questo caso la decorazione è ottenuta con lo stesso matcha.

E’ possibile inserire del te in una decorazione? Con il matcha lo si può fare tranquillamente, anche perché non viene venduto in un formato per infusione, bensì in polvere. Dunque si presta a essere distribuito sul ripieno. Per quanto riguarda la quantità avete massima libertà, se volete una torta dal colore brillante potete abbondare con il . Tra l’altro, molto significa anche un gusto più carico, quindi adatto ai palati più esigenti.

Il tè Matcha o Matcha tea è il tè del momento, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Originario del Giappone, è un tè pregiatissimo dal colore verde brillante, tanto che storicamente era riservato solo ai Samurai e alla famiglia reale. Il tè verde Matcha, grazie alla sua versatilità in cucina e alle sue incredibili proprietà, è diventato uno degli alimenti più popolari e annoverato di diritto tra l’elenco dei superfood. E non finisce qui. Il Matcha è infatti l’ingrediente chiave della suggestiva cerimonia del tè giapponese, un mix ben equilibrato di gesti e principi zen, un’esperienza da provare almeno una volta nella vita.

Ecco la ricetta della cheesecake al matcha:

Ingredienti per 4/6 persone:

Per la base:

  • 300 gr. di biscotti senza glutine sbriciolati,
  • 150 gr. di burro di cocco.

Per il ripieno:

  • 500 gr. di formaggio spalmabile Exquisa,
  • 250 gr. di panna fresca per dolci,
  • 10 gr. di colla di pesce,
  • 50 gr. di acqua.

Per la decorazione:

  • 20-30 gr. di matcha (quantità variabile se volete più o meno colore e gusto).

Preparazione:

Per la preparazione della cheesecake al matcha iniziate realizzando la base. Usando un cutter frullate i biscotti, poi versate dentro anche il burro di cocco e mescolate fino ad ottenere un composto uniforme.

Adagiate il composto su un disco ad anello e stendetelo per bene, questa sarà la base della torta.

Ora ammorbidite la colla di pesce immergendola in acqua fredda. Poi riscaldate e integrate un po’ di formaggio (circa mezzo etto).

Continuate a scaldare e aggiungete gradualmente il resto del formaggio, mescolando delicatamente per evitare grumi.

Ora versate la panna e montate fino ad ottenere una crema dalla consistenza compatta ma morbida.

Versate il ripieno sulla base e fate riposare la torta per 4 ore in frigorifero. Dopodiché, spolverizzate un po’ di matcha (a piacere) e servite.

5/5 (512 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cioccolata calda con marshmallow

Cioccolata calda con marshmallow, una pausa golosa

Cioccolata calda con marshmallow, un abbinamento perfetto La cioccolata calda con marshmallow è una bevanda ottima per i pomeriggi invernali, o per una pausa all’insegna della dolcezza e del...

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, un golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-07-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti