Crespelle con crudo e radicchio: piacciono a tutti

Crespelle con crudo e radicchio
Commenti: 2 - Stampa

Il piatto salato che piace proprio a tutti: le crespelle con crudo e radicchio

Le crespelle con crudo e radicchio sono il sorprendente esempio di come con pochi ingredienti (farina, uova, burro e latte) possono nascere dei veri e propri capolavori. Morbide e sottili, possono essere riempite a piacimento, anche se questa versione che vogliamo presentarvi oggi spicca per raffinatezza ed eleganza, probabilmente più di altre. L’accostamento tra radicchio e crudo è straordinario dal punto di vista organolettico, oltre ad essere ricco di importanti nutrienti.

Le crespelle in versione salata sono molto versatili oltre che molto veloci da preparare: ci basterà versare l’impasto in una padella antiaderente e procedere con la cottura per pochi minuti, non prima però di aver provveduto a spalmare su ogni cialda il ripieno. Queste crespelle promettono un grande successo a tavola, da parte di tutti. I bambini potrebbero certamente preferire quelle dolci. Perché non accontentarli? Per farlo possiamo realizzare per loro delle crespelle, questa volta dolci, con ripieno di gustosi frutti di bosco.

Un morbido e raffinato tuffo nelle golosità senza glutine

Il prosciutto crudo, vanto tutto italiano che ha conquistato il podio dei salumi più famosi al mondo, tanto da essere premiato con il marchio dop, è l’ingrediente di pregio che fa delle nostre crespelle con crudo e radicchio un piatto per certi versi semplice, ma al tempo stesso ricercato. Queste crespelle abbondano, proprio per via della presenza del prosciutto crudo, di proteine. Basti pensare che una porzione da 50 gr., corrispondente a circa 3 fette di prosciutto, può essere sufficiente, se consumata tre volte a settimana, a soddisfare la razione quotidiana di proteine raccomandata.

In alternativa al prosciutto e al radicchio, è possibile optare per un ripieno alternativo. Che dire, ad esempio, dei funghi porcini, fonte della natura che abbonda di sali minerali, in una versione senza glutine in quanto realizzata con farina di riso e latte di soia! Ci stiamo riferendo ad un’ineguagliabile e raffinata bontà che può essere tranquillamente realizzata per le occasioni speciali, con la sicurezza di ricevere il plauso di tutti. Stiamo parlando delle crespelle con polvere di porcini.

Crespelle con crudo e radicchio

La miniera di antiossidanti celata nella bontà delle crespelle con crudo e radicchio

Questa ricetta prevede volutamente la presenza di farina di riso, al posto di quella più comunemente usata, ossia quella di grano e di latte di soia al posto del comune latte vaccino. Tutti possono dunque gustare questo straordinario piatto senza dover fare i conti con gli effetti della celiachia e dell’intolleranza al lattosio. Un altro punto a favore di questo goloso piatto salato che può dunque, a pieni voti, rientrare nei menu da organizzare in occasione di pranzi o cene con amici e parenti.

Delle crespelle con crudo e radicchio è giusto esaltare anche la bontà e la genuinità del radicchio, vegetale ricco di antiossidanti che lo rende perfetto per chi ha a cuore la propria salute, ed altresì ottimo per la presenza non trascurabile di potassio, ma anche magnesio, fosforo, calcio, zinco e ferro. Un vegetale magico, dunque, oltre che versatile, dal sapore neutro che ben lega con quello più incisivo e deciso di altri, quali appunto, come nel caso di specie, il prosciutto crudo.

Ed ecco la ricetta delle crespelle con crudo e radicchio

Ingredienti:

Per le crespelle di fonio vedi ricetta

Per farcire

  • ½ cespo di radicchio
  • 8 fette di prosciutto crudo
  • 8 fette di fontina a fette o formaggio consentito
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Preparazione:

Preparate le crespelle seguendo la ricetta.

Lavate accuratamente il radicchio e tagliate a striscioline e cuocete con due cucchiai di olio per circa 10 minuti.

Farcite le crespelle con una fetta di crudo, una di fontina e due forchettate di radicchio e chiudete a metà e poi in 4.Potete servirle cosi oppure adagiarle in una teglia, cospargere di burro fuso e parmigiano reggiano e infornare per 10 minuti a 180 gradi.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Crespelle con crudo e radicchio: piacciono a tutti

  • Dom 19 Mag 2019 | Antonella ha detto:

    Complimenti siete veramente un valido aiuto per chi ha problemi di allergia al nikel

    • Lun 20 Mag 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Grazie di cuore per il suo apprezzamento

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti