È tempo di provare i biscotti ai datteri !

biscotti ai datteri
Commenti: 0 - Stampa

Se amate i sapori particolari, i biscotti ai datteri fanno proprio al caso vostro!

Avete mai provato i biscotti ai datteri? Se non l’avete ancora fatto, è decisamente arrivato il momento di farlo! Tuttavia, prima di passare alla preparazione, ci sono alcune cose interessanti che dovreste sapere. In primo luogo, i datteri sono un super frutto, ricco di vitamine e povero di grassi. Il dattero secco contiene il 20% di acqua, il 60% di zuccheri e la restante composizione è spartita tra fibre, proteine e grassi. È un alimento ideale per abbassare il colesterolo e si prende cura delle vie respiratorie, aiutando a evitare irritazioni.

I protagonisti dei nostri biscotti ai datteri sono carichi di nutrienti fondamentali per l’organismo, che ci servono durante tutto l’anno. Soprattutto nel Nord Africa, in Persia e in Arabia, la popolazione ne fa un uso continuo. Contengono fibre che aiutano la digestione e si rivelano un ottimo rimedio per calmare la fame, migliorare la circolazione sanguigna e, di conseguenza, le funzioni e l’attività del cuore. I datteri si coltivano principalmente in Asia e Africa, ma anche negli Stati Uniti.

La produzione dei datteri e le altre importanti caratteristiche di questo frutto

L’essicazione dei datteri viene fatta al sole: questo procedimento aiuta ad aumentare la concentrazione dello zucchero, utile per renderli più longevi nella conservazione. Questi alimenti si possono consumare anche freschi e possiamo usarli per la preparazione dei biscotti ai datteri e di molte altre ricette. La coltivazione della palma da dattero produce ogni anno 50 chili di frutti, ed è una pianta che può arrivare fino a 300 anni di vita.  Perciò, possiamo avvalerci di questa grande fonte di energia immediata per l’organismo (grazie alla concentrazione di zuccheri naturali come il fruttosio) ogni volta che vogliamo!

Il frutto ha una forma ovale, con una lunghezza tipica di circa tre centimetri e un diametro di circa due centimetri. Ne esistono tantissime varietà: si stima che se ne coltivino circa quattrocento. Quindi, anche per i biscotti ai datteri, avrete l’imbarazzo della scelta… Questi alimenti vengono utilizzati persino come rimedio naturale. Ad esempio, in caso di raffreddore, è consigliabile bere l’acqua dei datteri. Come si ottiene questo sciroppo? Fate bollire i datteri in acqua per qualche minuto; poi fate raffreddare. Quest’acqua va bevuta la mattina a stomaco vuoto. Successivamente, mangiate pure il frutto. Provare per credere!

biscotti ai datteri

Biscotti ai datteri: non solo bontà…

Oltre alle buone notizie che vi ho dato finora, ce ne sono anche altre. In primo luogo, dovreste sapere che una ricerca ha dimostrato che si tratta di frutti dotati di proprietà antitumorali: sembra proprio che il loro consumo possa aiutare a ridurre l’incidenza del tumore alla mammella e che proponga un effetto antiproliferativo per le cellule tumorali del colon. Tuttavia, il consiglio è di non esagerare nel consumo (neanche in quello dei biscotti ai datteri!), soprattutto per le persone diabetiche e/o in sovrappeso.

Un altro curioso suggerimento è quello di mettere in ammollo i datteri tutta la notte nel latte di capra o vegetale. Al mattino si dovrà frullare il tutto con l’aggiunta di miele e un po’ di semi di cardamomo in polvere. Potrete dare questo drink al vostro partner: dicono che sia afrodisiaco! Si tratta di una ricetta di origine Indiana… Potrete usare questi frutti anche come dolcificante naturale per marmellate o dolci, frullandoli e sostituendoli allo zucchero; oppure potrete consumarli per uno snack veloce e super salutare, togliendo l’osso interno e inserendoci delle mandorle. Ma adesso è arrivato il momento di provare i biscotti ai datteri!

Ingredienti per circa 24 biscotti

  • 100 gr di farina di riso
  • 120 gr di farina di ceci
  • 30 gr di noci tritate
  • 75 gr di zucchero di canna integrale
  • 50 gr di latte di riso
  • 70 gr di olio di riso
  • 40 gr di datteri denocciolati
  • 1 cucchiaio di cannella
  • 1 scorza di limone
  • ½ bacca di vaniglia
  • 1 bustina di lievito

Preparazione

Tagliate i datteri a pezzi e frullateli in un mixer. Poi, unite la scorza del limone, le noci, la cannella e la vaniglia.

In una ciotola versate lo zucchero, l’olio e il latte di riso; aggiungete a pioggia anche le farine e il lievito, mescolando senza formare grumi.

Aggiungete anche i datteri e impastate bene con le mani, fino a ottenere un impasto compatto e omogeneo.

Fate riposare l’impasto in frigo per 30 minuti.

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Rivestite una teglia con la carta forno.

Stendete la pasta sul piano di lavoro e stendete con il mattarello, fino a uno spessore di 4-5 millimetri.

Ritagliate dei biscotti con l’aiuto di una formina e posizionateli sulla teglia.

Infornate e fate cuocere per circa 12 minuti. Sfornate e fate raffreddare su una griglia.

5/5 (467 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sorbetto di mela verde

Sorbetto di mela verde, un dessert rinfrescante

Sorbetto di mela verde, una delizia per l’estate Il sorbetto di mela verde è un sorbetto che propone una deliziosa variazione sul tema del classico sorbetto al limone. Il risultato è...

Ghiaccioli alla guava

Ghiaccioli alla guava, un piacevole break per l’estate

Ghiaccioli alla guava, un’alternativa sorprendente I ghiaccioli alla guava sono un ottimo spuntino estivo. Si fanno apprezzare in primis per l’estetica, che non ha nulla da invidiare ai...

Crostata con anguria gialla

Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

Crostata con anguria gialla, un dolce delizioso a base di frutta Con tutta probabilità la crostata con anguria gialla è la crostata più “colorata” che possiate mai preparare. Si presenta...

Sorbetto alla camomilla

Sorbetto alla camomilla, un dessert rilassante

Sorbetto alla camomilla, un’idea davvero unica Il sorbetto alla camomilla è un’idea particolare per valorizzare il momento del fine pasto, o anche solo per una merenda in grado di allietare e...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Gelato di pesche e zafferano

Gelato di pesche e zafferano, un dessert speziato

Cosa ha di speciale il gelato di pesche e zafferano? Il gelato di pesche e zafferano con riso al salto vanigliato è un dessert molto particolare, che si distingue per una certa versatilità....


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti