Bonus acquisto prodotti per celiaci: cos’è cambiato?

Bonus acquisto prodotti
Commenti: 0 - Stampa

Il bonus per i celiaci sarà utilizzabile in tutta Italia

Ultimamente, i cambiamenti per i celiaci non sono pochi. Alcuni sono negativi, ma altri sono l’esatto contrario, proprio come nel caso del bonus per l’acquisto di prodotti gluten-free. Al momento, le cose stanno cambiando e il contributo pubblico – che viene periodicamente stanziato – potrà essere speso ovunque: in qualunque negozio provvisto di alimenti privi di glutine e non più solo nelle farmacie convenzionate. Inoltre, i buoni si possono spendere in ogni parte d’Italia, a prescindere dalla residenza di chi ne fruisce e/o dalla ASL che li ha erogati.

Si tratta di una svolta importante, nonché di un dietrofront che migliorerà notevolmente la qualità della vita di molte persone celiache, dando loro la possibilità di fare acquisti in tutti i supermercati e di affidarsi a ogni rivenditore specializzato e farmacia del territorio nazionale.

Questo è un provvedimento arrivato a seguito delle richieste dell’assessore alla Salute della Regione Sicilia, Ruggero Razza, effettuate appena qualche mese fa. L’Assessore si è inoltre messo in moto per far sì che le somme destinate ai 12.000 cittadini celiaci dell’isola venissero “versate” direttamente sulle tessere sanitarie.

Ci pensa l’Assessore alla Salute della Regione Sicilia

Si deve dunque a Ruggero Razza l’avvio ufficiale di questo processo di “dematerializzazione” del bonus statale per i celiaci, dapprima spendibile solo ed esclusivamente nei punti vendita della rete convenzionati con le Aziende Sanitarie provinciali. Si trattava di una limitazione che rendeva il bonus difficilmente fruibile da gran parte dei soggetti celiaci, in particolar modo da coloro che si ritrovano tuttora costretti, per studio o per lavoro, a soggiornare per lunghi periodi fuori dai confini geografici della Sicilia.

Chiaramente, questo provvedimento relativo al bonus per l’acquisto di prodotti gluten-free ha fatto la differenza per i siciliani, ma anche per i residenti in altre regioni italiane. Dalla richiesta dell’assessore, infatti, è nata l’idea di invertire radicalmente la rotta e di gettare le basi affinché la dieta priva di glutine possa essere intesa dal comparto pubblico come un diritto del cittadino celiaco e non più come un trattamento “di favore”. Seguire un’alimentazione di questo genere è d’altro canto l’unica terapia possibile per chi soffre di questa grave, ma fortunatamente gestibile, condizione. Pertanto, fare qualcosa a riguardo era fondamentale.

Le altre novità correlate al bonus per l’acquisto di prodotti per celiaci

La Regione Sicilia ha da poco istituito una nuova Commissione Regionale sulla Malattia , che ha già messo mano alla normativa dello scorso luglio 2011. In poche parole, i cambiamenti non riguardano solo il bonus celiachia.

Infatti, questa commissione si è mossa con un decreto che porta la firma dello stesso assessore Razza che, d’ora in poi, si occuperà di seguire i soggetti celiaci lungo il percorso assistenziale diagnostico-terapeutico e di aiutarli a individuare nuovi presidi sanitari che possano essere destinati al trattamento e alla diagnosi di questa malattia in costante diffusione.

La commissione regionale è composta da nove membri, molti dei quali provengono direttamente da associazioni che già operano nel comparto della salute e, in particolar modo, sul fronte della celiachia.

Ci saranno, tra gli altri, Giuseppe Magazzù, che dirige l’unità operativa di gastroenterologia pediatrica del Policlinico di Messina; Carlo Puglisi, medico specialista in gastroenterologia in servizio presso l’ospedale di Ragusa; Mario Cottone, direttore dell’unità di Medicina dell’Azienda Villa Sofia-Cervello; e Antonio Giallanza, direttore degli Ospedali riuniti di Milazzo, Lipari e Barcellona Pozzo di Gotto.

Il tutto è stato studiato allo scopo di garantire alla cittadinanza livelli uniformi di assistenza e di promuovere, laddove possibile, una formazione che permetta alle persone di conoscere meglio la celiachia, le sue caratteristiche, nonché le possibilità su cui contare, come quella relativa al bonus per l’acquisto di prodotti gluten-free.

Dopo queste buone notizie, la speranza è di averne altre e di parlarne al più presto.

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

intolleranza al sorbitolo

Intolleranza al sorbitolo, un problema trascurato

Cos’è l’intolleranza al sorbitolo? Oggi parliamo di intolleranza al sorbitolo (o glucitolo), un disturbo che coinvolge molte persone e che, spesso, è in grado di compromettere il tenore di...

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo molto raro ma...

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Rotolo di focaccia con salame

Gli insaccati e i salumi sono sempre gluten-free?

Alimenti gluten-free, una questione delicata Tra gli insaccati, i salami sono davvero privi di glutine? Il dubbio emerge sempre quando si scopre di essere celiaci. D’altronde la paura più grande...

utensili da cucina

Utensili da cucina: attenzione alla contaminazione

Organizzarsi con gli utensili da cucina per evitare la contaminazione dei cibi? Come evitare la contaminazione degli utensili da cucina? Come organizzarsi al meglio per evitare che il glutine possa...

Celiachia e situazioni scomode

Celiachia e situazioni scomode, come risolverle al meglio

Il celiaco e le sue relazioni con il resto del mondo Celiachia e situazioni scomode, come risolverle al meglio. La celiachia è una patologia “strana”. Può avere risvolti sanitari importanti,...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti