Seppie ripiene gratinate al forno, il bis è d’obbligo

seppie ripiene gratinate
Commenti: 0 - Stampa

Un secondo piatto gourmet: le seppie ripiene gratinate al forno

Posso garantirvi che le seppie ripiene gratinate al forno costituiscono un secondo piatto che non delude mai! Sarà per il sapore deciso del ripieno, per la croccante scioglievolezza della sua carne, o ancora per l’effetto finale, quando impiattato sorprenderà anche i più scettici…

Sta di fatto che la ricetta che prepareremo oggi vanta proprietà organolettiche tali da suscitare forti emozioni in quelli che avranno la fortuna di assaggiarle. Merito anche del ripieno che, possiamo sottolinearlo, fa davvero la differenza: porro, carota, capperi… un tris di elementi, che una volta cotti, sprigionano un profumo e rilasciano un sapore, davvero unici!

Prepariamo le seppie ripiene gratinate al forno

Le seppie ripiene gratinate al forno sono un secondo piatto di pesce semplice e veloce da preparare ma gustoso al tempo stesso. Facili da preparare, non richiedono molto tempo per la loro cottura. Gli ingredienti del ripieno sono pochi ma contribuiscono perfettamente al risultato finale.

Potrete servirle sia come deliziosa ricetta da consumare a pranzo, sia come piatto forte di una cena in compagnia. L’importante è gustarle quando sono ben calde in modo da deliziare al meglio il palato con sapori gradevolissimi e delicati. Possono essere il piatto ideale da preparare in anticipo cosi da poter avere più tempo per intrattenere gli ospiti.

Ricordiamoci poi che il pesce, alimento alla base della dieta Mediterranea, apporta innumerevoli vantaggi all’organismo. Indubbiamente è un alimento indispensabile per un’alimentazione sana ed equilibrata.

Fornisce all’organismo nutrimenti preziosi tra cui omega 3, proteine a elevato valore biologico, sali minerali, grassi mono e polinsaturi, con grande beneficio per il sistema cardiovascolare. Inoltre, abbassa il colesterolo “cattivo” e i trigliceridi e aumenta i livelli del colesterolo buono.

Seppie ripiene gratinate

Quanta salute nelle seppie ripiene gratinate al forno!

Se analizziamo più nello specifico i benefici per la nostra salute legati al consumo delle seppie ripiene al forno, scopriamo che si tratta di una ricetta molto nutriente.

Le seppie sono un mollusco cefalopode presente nel Mediterraneo e nell’Atlantico orientale, dalla Scandinavia al Marocco. Insieme ad alici, acciughe, aragoste, calamari, cozze, gamberi, merluzzi, naselli, polpi, razze, sarago, spigole, sogliole e vongole fanno parte della categoria pesce magro.

Il pesce magro è particolarmente adatto ai regimi dietetici perché apporta un elevato valore proteico e un basso apporto lipidico. Inoltre, introducono nella dieta anche un basso contenuto di colesterolo. Tante proteine ad alto valore biologico e pochissimi zuccheri e grassi: ecco, in sintesi, le seppie e le loro proprietà nutritive, così preziose per il nostro organismo.

Ed ecco la ricetta delle seppie gratinate al forno:

 Ingredienti per 4 persone:

  • 8 seppie fresche pulite,
  • 100 gr di pangrattato consentito,
  • 1 porro,
  • 1 carota grattugiata,
  • 2 cucchiai di capperi,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva più quello che serve per spennellare le seppie e per la teglia,
  • ½ bicchiere di vino bianco secco,
  • 4 cucchiai di cubetti di pomodoro,
  • 1 cucchiaio di origano,
  • q.b. sale e pepe

La preparazione delle seppie ripiene gratinate al forno:

Anche se il pescivendolo ve le ha date già pulite un’altra lavata ci sta. Pulite le seppie sciacquandole sotto l acqua corrente. Mondate e tritate il porro.

Mettetelo ad appassire in un tegamino con dell’olio caldo. Aggiungete quindi i capperi tritati, la carota grattugiata e l’origano. Regolate di sale e di pepe, e lasciate cuocere per 5 minuti.

Sfumate, quindi, con il vino bianco secco. Spegnete il fuoco e unite 2 cucchiai di pangrattato (di quello consentito).

Amalgamate bene gli ingredienti. Farcite le seppie con il composto, spennellatele con un filo d’olio e passatele in seguito nel pangrattato.

Mettete le seppie ripiene in una teglia da forno unta con poco olio o ricoperta dalla carta forno. Unite i cubetti di pomodoro. Infornate a 200°C, con il forno già ben caldo, per 20 minuti. Servite in tavola le seppie ripiene gratinate al forno quando sono ancora ben calde.

Buon appetito

5/5 (356 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti