Ottima Focaccia con baccalà, patate e olive nere.

Focaccia con baccala patate e olive nere
Commenti: 0 - Stampa

Come rivisitare una ricetta tradizionale, senza perderne la bontà

Se pensate al baccalà, che ricetta vi viene in mente? A me viene in mente una bella insalata con patate, baccalà e olive nere. Perché non provare a traferire questo connubio della cucina mediterranea, su una focaccia? Io ci ho provato, ed il risultato è stato molto gustoso. Dunque, ecco a voi la mia focaccia con baccalà, patate e olive nere.

La croccantezza della base per focaccia fa da piatto a questo mix di profumi e sapori. È una ricetta rapida, semplice, gustosa e nutriente.

È l’ideale per un pranzo al volo, uno sfizio pomeridiano, ma anche per un aperitivo all’aperto con gli amici. Qualsiasi scusa è buona per questa focaccia con baccalà!

Baccalà o merluzzo?

Protagonista della focaccia con baccalà, non può che essere il merluzzo.Dovete sapere, infatti, che il baccalà, non è altro che merluzzo bianco conservato sotto sale.

È un piatto della tradizione norvegese, con una storia antica alle spalle.Il nome “baccalà”, sembra che derivi dall’antico fiammingo “kabeljaw”, che significa “bastone di pesce”, proprio perché una volta sotto sale ed essiccato, diventa rigido come un bastone.

È un procedimento che risale addirittura al ‘400, quando la salagione era il metodo principale per conservare i prodotti deperibili.

Pur essendo un alimento proprio del Nord Europa, è entrato nella tradizione di molte cucine regionali italiane, grazie al suo sapore intenso, alla sua carne corposa e alle sue proprietà nutrizionali.

Il baccalà è energizzante, ricco di proteine e povero di grassi. È, pertanto, un pesce magro adatto a tutti.

Oltre ad avere un apporto calorico basso, svolge anche un’azione drenante.

In più, contiene sostanze importanti come calcio, Omega-3 (che riduce la pressione sanguigna), vitamina A (un antiossidante naturale che contrasta i radicali liberi) e fosforo (che ha effetti sulle capacità dei neurotrasmettitori del cervello, aumentando la memoria e la concentrazione).

focaccia con baccalà, patate e olive nere

Per impreziosire la nostra focaccia con baccalà ci sono le olive nere

Per dare maggior carattere e sapidità alla focaccia con baccalà, ho scelto di usare le olive nere.

Le olive sono i frutti dell’ulivo, una pianta tipicamente mediterranea.

Quello che non tutti sanno, però, è che non si possono consumare fresche, perché sono molto amare. È necessario sottoporle ad un apposito trattamento, come l’immersione in acqua, prima di poterle gustare.

Esistono moltissime tipologie di olive, a seconda del luogo di provenienza e delle sfumature di sapori.

In tutte le olive sono, però, presenti alcuni valori nutrizionali che vale la pena indicare.

Innanzitutto sono ricche di fibre, potassio, vitamina E, che protegge dai radicali liberi e che, depositandosi, negli strati superficiali della pelle, la protegge dai raggi UV, dall’inquinamento e dal fumo di sigaretta. Le olive contengono anche numerosi antiossidanti, come il beta-carotene e la luteina.

Che differenza c’è tra olive nere ed olive verdi?

Tutto sta nella maturazione: le olive verdi contengono ancora clorofilla, per cui non sono ancora stagionate. Quelle nere, invece, hanno terminato il ciclo di maturazione ed hanno sviluppato degli enzimi chiamati antociani, responsabili del colore più scuro.

Dal punto di vista nutrizionale non ci sono grandi differenze. Le olive nere sono più ricche di proteine, ma hanno meno fibre rispetto a quelle verdi.

Per la focaccia di baccalà, io ho scelto di usare le olive nere, ma voi potete tranquillamente usare quelle verdi.

Sarà comunque una ricetta indimenticabile!

Ed ecco la ricetta della focaccia con baccalà, patate e olive nere

Ingredienti per 4 – 6 persone

  • 2 basi per focaccia consentite (per me Exquisa)
  • 300 gr. di baccalà
  • 300 gr. di patate
  • 100 gr. di olive nere denocciolate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

La focaccia con baccalà è un piatto molto semplice, per questo lo sarà anche la sua preparazione.

Iniziate preriscaldando il forno a 190°C in modalità ventilata, oppure a 200°C con l’impostazione forno statico.

Nel frattempo, srotolate la base per focaccia e lasciatela risposare per almeno 15 minuti.

Trascorso il tempo prestabilito, mettete l’impasto in una teglia, senza dimenticarvi la carta da forno, e, con l’aiuto di una forchetta, praticate dei forellini sulla superficie.

In una padella, stufate il baccalà sbollentato e privato della sua pelle, con uno spicchio d’aglio e fate cuocere il tutto per 15 minuti circa.

Lessate le patate, lasciatele raffreddare e tagliatele a dadini. A questo punto dovrete solo condire la focaccia con il baccalà, le patate a dadini e le olive nere tritate.

Condite il tutto con olio ed infornate per 15 minuti circa, dopodiché tagliate e servire la vostra focaccia di baccalà.

Buon appetito!

5/5 (455 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta concia

Polenta concia, una versione cremosa e nutriente

Polenta concia, la tradizione a portata di mano La polenta concia è un modo diverso di intendere la polenta, nonché un piatto facile da preparare. La ricetta fa comunque parte della tradizione...

Purple strudel

Purple strudel o strudel salato viola, merenda gustosa

Purple strudel, una merenda davvero speciale. Il purple strudel o strudel salato viola è una merenda salata che presenta alcuni elementi peculiari. Per esempio, il colore viola. Non che uno strudel...

Quiche lorraine

Quiche lorraine, la torta salata per eccellenza

Quiche lorraine, dalla Francia la torta salata per eccellenza Oggi vi presento la quiche lorraine, uno dei piatti unici francesi più amati in patria e all’estero. E’ una torta salata tipica...

Quiche con funghi chiodini

Quiche ai funghi chiodini, una torta leggera e...

Quiche ai funghi chiodini, uno splendido esempio di torta salata La quiche ai funghi chiodini è una torta salata tutto sommato tradizionale, ma che non manca di stupire per l’abbinamento di...

Torta con finocchio e cocco

Torta salata con finocchi e cocco, dolce e...

Torta salata con finocchi e cocco, una delicata combinazione La torta salata con finocchi e cocco è una torta salata molto particolare, anche perché contiene alcuni elementi dolci. E’ comunque...

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti