bg header
logo_print

Tartellette di frolla di riso: sinonimo di semplicità

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tartellette di frolla di riso con marmellata di arance
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Le giornate sono più dolci con le tartellette di frolla di riso

Le tartellette di frolla di riso sono un dolce dal sapore piuttosto tradizionale, elaborato però con farine diverse dal solito: quella di quinoa e quella di riso. Potete inoltre riempire le vostre tartellette con diversi tipi di marmellata, ad esempio quella all’arancia, in modo da creare un contrasto di sapori dolci e amarognoli. Per l’elaborazione serviranno pochi e semplici ingredienti.

Questi dolcetti sono perfetti anche per intolleranti al lattosio e al glutine, in quanto non prevedono l’utilizzo di farine o di latte. Le tartellette di frolla di riso sono anche ideali per i vegetariani ma non per i vegani in quanto la ricetta include l’utilizzo delle uova. Potrete utilizzare questi dolcetti a colazione o per chiudere in bellezza i vostri pasti.

Ricetta tartellette di frolla di riso

Preparazione tartellette di frolla di riso

Setacciate le farine. Riunite tutti gli ingredienti in una terrina e lavorate fino ad ottenere un composto omogeneo.Formate un panetto, coprite con l’apposita pellicola e lasciate riposare circa mezz’ora e accendete il forno in modo di portarlo a 175 gradi.

Lasciate l’impasto a riposo per circa due ore quindi stendete con un mattarello e creare le formine con gli stampini.Cuocere in forno per circa 20 minuti

Ingredienti tartellette di frolla di riso

  • 150 gr. di farina di quinoa
  • 350 gr. di farina di riso
  • 140 gr. di zucchero
  • 145 gr. di uova
  • 150 cl di olio di riso
  • scorza di mezzo limone

Farina di quinoa e farina di riso

La farina di quinoa è perfetta per preparare pane, biscotti o altri piatti salati. Può essere mischiata con altri tipi di farina, come nel caso delle nostre tartellette di frolla di riso, e, in più, è perfetta per chi non può consumare ingredienti che contengono glutine. La quinoa, uno pseudo-cereale proveniente dalla zona delle Ande, infatti, viene sempre più utilizzata in Europa non solo dai celiaci ma anche per creare moltissimi piatti diversi.

Nelle tartellette di frolla di riso, per elaborare la pasta frolla, dovrete utilizzare anche la farina di riso, anch’essa perfetta per gli intolleranti al glutine. Questo ingrediente, infatti, viene elaborato macinando i chicchi di riso che è un alimento gluten free. Si usa per creare dessert, besciamella e tante altre preparazioni.

Perché si chiamano tartellette?

Con il termine “tartellette” ci si riferisce a un piccolo dolcetto di pasta frolla. Questo nome, infatti, proviene proprio dallo stampino, solitamente monoporzione, in cui viene creato questo dessert. Se nel caso delle tartellette di frolla di riso prepariamo un piatto dolce, questo termine può riferirsi anche a stuzzichini salati che vengono creati nello stesso recipiente. La tartellette, dunque, non è altro che un piccolo contenitore di pasta frolla.

Mettetevi alla prova con la ricetta delle tartellette di frolla di riso e sarete capaci di preparare la base per moltissime ricette. Potete farcire le tartellette con gli ingredienti che preferite, dalla marmellata al cioccolato, dai formaggi alle salse. In questo modo potrete elaborare antipasti e dolcetti sempre nuovi, lasciando volare la vostra creatività!

Tartellette di frolla di riso

Esplorando le origini della pasta frolla

Nel vasto regno della pasticceria, la pasta frolla si distingue come un elemento fondamentale che abbraccia dolci tradizionali e creazioni innovative. Questa base versatile e croccante ha un’importanza storica e culinaria che ha attraversato i secoli, offrendo un’infinita varietà di opportunità creative per i maestri pasticceri di tutto il mondo. Scopriamo le origini di questa prelibatezza che ha incantato i palati di generazioni.

Le origini esatte della pasta frolla sono avvolte nel mistero del passato, ma è chiaro che questa tecnica di impasto è stata sviluppata come risposta alle esigenze culinarie dell’epoca. Risalente a secoli fa, la pasta frolla è stata creata come base per torte dolci e salate, inizialmente utilizzata principalmente per preparazioni da forno. La combinazione di farina, grasso e liquido ha reso possibile la creazione di una consistenza friabile, ideale per crostate e dolci ripieni.

Varietà di pasta frolla

La pasta frolla si distingue per la sua composizione e consistenza unica. La combinazione di farina, grasso (come burro) e zucchero crea una miscela sbriciolata che, quando compattata, forma una base fragrante e croccante. Una delle caratteristiche distintive della pasta frolla è la sua versatilità: può essere utilizzata per una vasta gamma di dolci, come crostate, biscotti, pasticcini e persino basi per torte più elaborate.

Una delle varianti più amate è la pasta frolla all’olio, che sostituisce il burro con l’olio vegetale. Questa opzione è spesso scelta da coloro che seguono diete vegane o che cercano una base più leggera e salutare. Inoltre, la pasta frolla può essere personalizzata con l’aggiunta di aromi come vaniglia, limone o cacao, arricchendo ulteriormente la sua complessità di gusto.

La pasta frolla è un terreno fertile per la creatività culinaria. I pasticceri di tutto il mondo giocano con ingredienti, forme e tecniche di preparazione per creare opere d’arte commestibili. La sua adattabilità è ciò che ha reso possibile l’evoluzione di ricette regionali e tradizionali, trasformando dolci locali in prelibatezze riconosciute a livello internazionale.

In conclusione, la pasta frolla rappresenta un pilastro nella cultura culinaria mondiale. Le sue origini affondano nel passato, mentre le sue possibilità creative si estendono nel futuro. Questa base croccante e versatile è una celebrazione della connessione tra tradizione e innovazione, offrendo un mondo di dolcezze deliziose che si rimarranno sempre nel cuore della pasticceria.

Ricette con frolla ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Mousse di granadilla

Mousse di granadilla, un dessert per viaggiare con...

Cosa sapere sulla granadilla Vale la pena parlare della granadilla, che è l’ingrediente principale di questa deliziosa mousse. Inizio col dire che è un frutto raro a tutti gli effetti,...

ghriba bahla

I ghriba bahla, deliziosi biscotti alle mandorle marocchini

Il modo migliore per gustare i ghriba bahla I ghriba bahla sono biscotti alle mandorle tendenzialmente morbidi e versatili. Sono ottimi da soli, ma anche in accompagnamento al caffè, cioccolata...