Alla scoperta delle lacrime di Giobbe

lacrime di giobbe
Commenti: 0 - Stampa

Lacrime di Giobbe: cosa sono?

Oggi, come è chiaro dal titolo di questo articolo, voglio parlare delle Lacrime di Giobbe. Probabilmente tra voi qualcuno le avrà sentite nominare, mentre altri leggeranno questo nome per la prima volta. In ogni caso, è bene approfondire l’argomento dato che in giro non se ne sente parlare tantissimo.

Ricordo innanzitutto che con il nome Lacrime di Giobbe si inquadra una pianta appartenente alla famiglia delle Graminacee di origine asiatica. La principale zona di coltivazione è il Borneo. Questa graminacea, però, è molto utilizzata a livello alimentare soprattutto in Cina e in Giappone.

La pianta in questione, può raggiungere il metro e mezzo di altezza. Il nome con cui è famosa deriva dalla forma dei semi, ovoidale e molto vicina a quella delle lacrime.

A essere chiamate Lacrime di Giobbe sono precisamente le cariossidi grezze, che rimangono dopo aver tolto il rivestimento esterno del seme. Considerata un cereale minore, questa graminacea ha delle virtù molto interessanti! Per scoprirle, non vi resta che seguirmi nelle prossime righe!

Benefici delle Lacrime di Giobbe

Tra i principali benefici delle Lacrime di Giobbe è possibile ricordare l’efficacia antiossidante. Utile per abbassare i trigliceridi nel sangue, è un toccasana come trattamento naturale di reumatismi, nevralgie e infiammazioni.

lacrime di giobbe

Tra le sue proprietà, è possibile ricordare l’efficacia nel mantenimento di un livello basso di colesterolo cattivo LDL. In alcuni casi, viene utilizzato per curare in ottica naturale patologie come la toxoplamosi e le problematiche a carico dell’apparato respiratorio.

Benessere e bellezza a 360°

La natura ci fa dei regali davvero speciali, grazie ai quali è possibile prendersi cura della salute e della bellezza. Tra questi, è possibile ricordare le lacrime di Giobbe. Questa graminacea, molto utile per il benessere, è alleata anche della bellezza. Si utilizza infatti molto per la cura della pelle e dei capelli. Una curiosità particolare? Il suo utilizzo per la creazione di bijoux! Fantastico, vero? Certamente sì!

Concludo ricordando che si tratta di una graminacea gluten free, indi adatta ai celiaci e agli intolleranti al nichel. Le coltivazioni di Lacrime di Giobbe sono sempre più rare. Il motivo principale riguarda il fatto che richiedono un particolare sforzo fisico. Oggi come oggi, questa pianta è coltivata soprattutto da contadini anziani. Si tratta davvero di una rarità preziosa, da preservare e valorizzare!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

29-07-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una delle piante più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

limone

Limone: usi nell’alimentazione e nella pulizia

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

melanzane

La melanzana, un ortaggio molto versatile

Le proprietà nutrizionali delle melanzane Oggi vi parlo della melanzana, uno degli ortaggi più apprezzati in assoluto, protagonista di molte ricette, specie se afferenti alla tradizione...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti