Frappè di albicocche, ribes e mandorle: concentrato di salute

Una colazione sana e nutriente per tutti: frappè di albicocche, ribes e mandorle

Un frappè di albicocche, ribes e mandorle da assumere al mattino o durante la giornata è quanto di meglio ci si possa regalare in questa calda stagione estiva. E’ una bevanda facile da preparare, si beve fredda ed è molto rinfrescante. E’ una vera sferzata di energia, grazie al potere antiossidante dei suoi componenti. Questa nostra versione poi, come vedrete, è non solo golosa ma anche molto più cremosa rispetto ai comuni frappè…provare per credere!

L’albicocca, oltre a fornirci gli antiossidanti che proteggono le nostre cellule dall’attacco dei radicali liberi e a ritardare l’invecchiamento, è un frutto benefico che ci aiuta a contrastare la ritenzione di liquidi grazie all’apporto di potassio, un minerale con azione fortemente diuretica. E’ inoltre un frutto che vogliamo impiegare nel nostro frappè in quanto valido nella prevenzione delle malattie degenerative e cardiovascolari, oltre che eccellente anche per le sue caratteristiche antinfiammatorie, in verità poco conosciute.

Frappè di albicocche ribes e mandorle IMG

Ribes: piccoli frutti dal grande valore

Il ribes arricchisce il nostro frappè di gusto e colore. Questo piccolo frutto racchiude un sapore dolce e aspro. Questi frutti di mezza estate vengono consumati al massimo punto di maturità, quindi appunto in estate, per evidenziare il loro sapore caratteristico e fornire aromi complessi a dolci, marmellate, conserve e, come in questo caso, frappè genuini e salutari, che ben si prestano ad essere preparati come superfood per le colazioni dei piccoli.

Se c’è qualcosa che caratterizza il ribes utilizzato in questa nostra bevanda è l’abbondanza di carotenoidi e antociani, i due pigmenti naturali responsabili della sua tonalità e della sua potente azione antiossidante che previene l’invecchiamento cellulare. La vitamina C è una delle sue principali risorse, in particolare ne è ricco il ribes nero e quello rosso. È apprezzato dai medici e dai nutrizionisti per la sua quantità di vitamine, i suoi bassi indici calorici e i suoi bassi livelli di carboidrati.

Mandorle: la piccola aggiunta che fa la differenza nel frappè di albicocche, ribes e mandorle

Le mandorle, grazie al loro gradevole sapore ed ai loro benefici per la nostra salute sono una delle tipologie di frutta secca tra le più consumate. Il monito di consumare mandorle ha eco ovunque. Medici e nutrizionisti di tutto il mondo consigliano di includerle nella dieta, esattamente come abbiamo fatto noi con la nostra ricetta del frappè di albicocche, ribes e mandorle, in quanto in grado di aiutare a condurre uno stile di vita sano.

Le mandorle, utilizzate nella preparazione del nostro frappè, così come, in generale, tutti i semi oleosi, sono alimenti che ci forniscono importanti quantità di fibre, proteine, minerali, vitamine del gruppo B, vitamina E e grassi sani. Tra i minerali figurano ferro, fosforo, magnesio, potassio, zinco e calcio. Le mandorle possono essere trovate tutto l’anno, per fortuna, ed il loro sapore è davvero unico ed inconfondibile. Una buona ragione per farne tesoro.

Frappè di albicocche, ribes e mandorle

Ingredienti per un bicchierone di frappè

  • 150 g albicocche ben mature (al netto degli scarti)
  • 50 g bevanda alla mandorla
  • 3 rametti di ribes più qualcuno per decorare
  • 1 goccio sciroppo d’agave
  • q.b mandorle a lamelle per decorare

Preparazione:

Lavate e denocciolate le albicocche; ricavate le bacche dai rametti di ribes, poi lavatele ed asciugatele con estrema delicatezza.

Versate nel bicchiere del frullatore le albicocche, le bacche di ribes, la bevanda alla mandorla e lo sciroppo d’agave; azionate e frullate per qualche minuto (se serve, perché vi sembra troppo denso, aggiungete un altro goccio di bevanda alla mandorla).

Versate il frappè ottenuto in un bel bicchierone; decorate con scagliette di mandorla e con qualche altra bacca di ribes prima di servire ben freddo.

Qualora lo vogliate preparare prima, mettetelo in un contenitore ben chiuso e ponetelo in frigorifero.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *