Festa della mamma: Tortini alla nocciola e cacao

Tortini alla nocciola
Commenti: 0 - Stampa

Tortini alla nocciola, cacao e fragole

I tortini alla nocciola e cacao sono un eccellente dessert da preparare per la festa della mamma. È un dolce da elaborare per la colazione, per la merenda o alla fine dei pasti. Si tratta di una ricetta adatta sia agli intolleranti al glutine che agli intolleranti al lattosio già che prevede l’utilizzo di ingredienti sostitutivi come la farina di riso e il latte delattosato.

Gli ingredienti principali, nocciola, cacao e fragole permettono di creare un abbinamento perfetto, mescolando sapori amari, dolci e aciduli. La ricetta che vi propongo è per 12 tortini e ha un tempo di preparazione di 10 minuti e di 25 minuti di cottura in forno. Mettetevi alla prova, si tratta di un dessert semplice da preparare e con cui farete un figurone!

La farina di nocciole senza glutine

Provenienti dall’albero del nocciolo, le nocciole vengono utilizzate da secoli per la preparazione di tantissimi piatti e dessert. Gelati, torroni, creme sono solo alcune delle pietanze in cui vengono utilizzate. Nei tortini alla nocciola e cacao useremo la farina di nocciole, ampiamente utilizzata per l’elaborazione di piatti vegani, vegetariani e gluten free.

Tortini alla nocciola cacao e fragole I

Nonostante siano frutti piuttosto calorici, da consumare con attenzione, le nocciole sono un ottimo spuntino per la merenda e apportano numerose proprietà benefiche. Sono ricche di fibre, vitamine, come la E e del gruppo B, sali minerali, come il calcio e il ferro, ma anche di omega 9.

Le fragole: poche calorie e proprietà antiossidanti

La primavera e l’estate non sarebbero le stesse senza l’arrivo delle fragole. Questo frutto dolce e al tempo stesso acidulo è alla base di tantissimi dessert: gelati, marmellate, torte e tanto altro. Nei tortini alla nocciola, cacao e fragole riesce a creare un mix goloso di sapori con il cacao amaro. Ricordate, però, di avvisare della presenza delle fragole già che molte persone hanno allergia a questo frutto.

Dal punto di vista nutrizionale, le fragole hanno un alto contenuto di acqua e di fibre ma pochissime calorie. Le vitamine e i sali minerali contenuti in questo frutto, come il magnesio e la vitamina C, gli conferiscono eccellenti proprietà antiossidanti. Se è possibile, usate le fragole biologiche in quanto molte di quelle vendute nei supermercati possono essere piene di pesticidi.

Il riferimento è all’abbondanza di vitamine. Le fragole, infatti, contengono grandi concentrazioni di vitamina A, C, B1 e B2. Stesso discorso per i sali minerali, e in particolare per il potassio, il fosforo e il calcio. Le fragole sono ricche di antiossidanti, soprattutto di antocianine, che contrastano l’effetto dei radicali liberi e contribuiscono a prevenire il cancro. L’apporto calorico è moderato e si attesta sulle 27 kcal per 100 grammi.

Dal punto di vista botanico le fragole non sono dei frutti. Può sembrare strano, ma non sono altro che l’infiorescenza, a dire il vero ipertrofica, delle piante della famiglia “afraria”. Anche in virtù di questa origine, le fragole sono alimenti particolari, che presentano caratteristiche fuori dal comune. Ciò riguarda i meccanismi della coltivazione ma anche le proprietà nutrizionali.

Le differenti varietà di fragole che possiamo utilizzare

Le fragole si caratterizzano per le numerose varietà, che si differenziano per i meccanismi riproduttivi ma anche per forma, colore e gusto. Ecco le più consumate in Italia.

  • Vesca. E’ una varietà di bosco che si caratterizza per la morbidezza, per le dimensioni contenute e per il sapore acidulo.
  • Moscata. E’ una varietà molto dolce, dalla forma allunga e da una consistenza mediamente morbida.
  • Anabelle. La forma è a cono, generalmente regolare. Le anabelle non sono affatto aspre, ma piuttosto gustose, dunque possono essere tranquillamente consumate a crudo.
  • Diamante. Varietà dalle dimensioni ipertrofiche, dominata da un rosso molto intenso. Si consumano prevalentemente a crudo in quanto molto dolci.
  • Alba. Varietà recente, coltivata soprattutto in Piemonte. E’ mediamente dolce, ma molto morbida.
  • Sabrina. Varietà campana che si caratterizza per la forma regolare e per le dimensioni medie. E’ dolce e poco acidula.
  • Candonga. E’ una varietà lucana che spicca per il sapore intenso e piuttosto selvatico. Viene utilizzata anche in pasticceria.

Ed ecco la ricetta dei Tortini alla nocciola e cacao

Ingredienti per 12 tortini:

  • 150 ml latte intero consentito,
  • 140 gr. farina di riso,
  • 120 gr. zucchero di canna Demerara,
  • 85 ml olio di semi di girasole,
  • 60 gr. farina di nocciole,
  • 30 gr. cacao amaro,
  • 10 g lievito per dolci consentito,
  • 2 uova,
  • 1 pizzico di cannella in polvere.

Per decorare:

  • 6 fragole,
  • q.b. cioccolato fondente a scaglie,
  • q.b. zucchero a velo

Preparazione:

Accendete il forno e portatelo ad una temperatura di 180° con funzione statica.

Oliate leggermente ed infarinate uno stampo da 12 muffins (potete anche usare dei pirottini in silicone singoli, in quel caso non serve ungere nulla!).

In una larga ciotola, con lo sbattitore elettrico, montate le uova con lo zucchero, ottenendo un composto soffice e spumoso; aggiungete pian piano il latte e l’olio a filo, sempre con le fruste in azione.

Successivamente in un’altra ciotola capiente, miscelate le farine col cacao amaro, la cannella e il lievito, aggiungendole pian piano al composto, sempre sbattendo con le fruste: dovrete ottenere un impasto morbido e soffice.

Infornate i tortini cuocendoli per venticinque minuti circa, effettuando poi la prova dello stuzzicadenti per verificarne l’avvenuta cottura (qualora servisse, aumentate di qualche minuto i tempi di permanenza in forno).

Lasciateli raffreddare completamente, poi sformateli e spolverizzateli con abbondante zucchero a velo, decorandone ciascuno con le scaglie di cioccolato e mezza fragola: a piacere per la vostra mamma, aggiungete anche un fiorellino fresco, ne sarà felice!

5/5 (558 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

madeleine al riso integrale

Madeleine al riso integrale e canihua, variante esotica

Madeleine al riso integrale, dolce perfetto per la Festa della Mamma Le madeleine al riso integrale e semi di canihua sono un’idea perfetta per la Festa della Mamma. Sono infatti dei dolcetti...

drip cake ai lamponi

Drip cake ai lamponi, una torta per la...

Drip cake ai lamponi e pistacchi per una giornata speciale La drip cake ai lamponi e pistacchi è un dolce delizioso e dal grande impatto visivo, equilibrato nel gusto e coloratissimo. E’...

Semifreddo allo Skyr e pere

Semifreddo allo Skyr e pere per la Festa...

Semifreddo allo Skyr e pere caramellate, raffinato Il semifreddo allo Skyr e pere caramellate è un dolce di alta classe, che non vi farà rimpiangere i prodotti da pasticceria. L’impatto visivo...

Ciambella profumata alle fragole

Ciambella profumata alle fragole per la Mamma

Ciambella profumata alle fragole, un tripudio di colori e sapori La ciambella profumata alle fragole con glassa rosa è un “signor” dolce buono da gustare e bello da vedere, ricco di ingredienti...

Torta con fragole e sciroppo

Torta con fragole e sciroppo di agave, per...

Torta con fragole e sciroppo di agave per la Festa della Mamma La torta con fragole e sciroppo di agave in pasta di zucchero è un dolce davvero speciale, che coniuga un gusto pieno con un impatto...

Straccetti di vitello

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, piatto...

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, un secondo delicato e originale Gli straccetti di vitello con salsa alle fragole sono un secondo molto particolare come potete vedere dalla foto. Un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti