bg header
logo_print

Festa della mamma: Tortini alla nocciola e cacao

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tortini alla nocciola
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (7 Recensioni)

Tortini alla nocciola, cacao e fragole

I tortini alla nocciola e cacao sono un eccellente dessert da preparare per la festa della mamma. È un dolce da elaborare per la colazione, per la merenda o alla fine dei pasti. Si tratta di una ricetta adatta sia agli intolleranti al glutine che agli intolleranti al lattosio già che prevede l’utilizzo di ingredienti sostitutivi come la farina di riso e il latte delattosato.

Gli ingredienti principali, nocciola, cacao e fragole permettono di creare un abbinamento perfetto, mescolando sapori amari, dolci e aciduli. La ricetta che vi propongo è per 12 tortini e ha un tempo di preparazione di 10 minuti e di 25 minuti di cottura in forno. Mettetevi alla prova, si tratta di un dessert semplice da preparare e con cui farete un figurone!

Ricetta Tortini alla nocciola e cacao

Preparazione Tortini alla nocciola e cacao

Accendete il forno e portatelo ad una temperatura di 180° con funzione statica

Oliate leggermente ed infarinate uno stampo da 12 muffins (potete anche usare dei pirottini in silicone singoli, in quel caso non serve ungere nulla

In una larga ciotola, con lo sbattitore elettrico, montate le uova con lo zucchero, ottenendo un composto soffice e spumoso; aggiungete pian piano il latte e l’olio a filo, sempre con le fruste in azione.

Successivamente in un’altra ciotola capiente, miscelate le farine col cacao amaro, la cannella e il lievito, aggiungendole pian piano al composto, sempre sbattendo con le fruste: dovrete ottenere un impasto morbido e soffice.

Infornate i tortini cuocendoli per venticinque minuti circa, effettuando poi la prova dello stuzzicadenti per verificarne l’avvenuta cottura

Lasciateli raffreddare completamente, poi sformateli e spolverizzateli con abbondante zucchero a velo, decorandone ciascuno con le scaglie di cioccolato e mezza fragola: a piacere per la vostra mamma, aggiungete anche un fiorellino fresco, ne sarà felice

Ingredienti 12 tortini

  • 150 ml latte intero consentito,
  • 140 gr. farina di riso,
  • 120 gr. zucchero di canna Demerara,
  • 85 ml olio di semi di girasole,
  • 60 gr. farina di nocciole,
  • 30 gr. cacao amaro,
  • 10 g lievito per dolci consentito,
  • 2 uova,
  • 1 pizzico di cannella in polvere.

Per decorare:

  • 6 fragole,
  • q.b. cioccolato fondente a scaglie,
  • q.b. zucchero a velo

Preparazione:

La farina di nocciole senza glutine

Provenienti dall’albero del nocciolo, le nocciole vengono utilizzate da secoli per la preparazione di tantissimi piatti e dessert. Gelati, torroni, creme sono solo alcune delle pietanze in cui vengono utilizzate. Nei tortini alla nocciola e cacao useremo la farina di nocciole, ampiamente utilizzata per l’elaborazione di piatti vegani, vegetariani e gluten free.

Nonostante siano frutti piuttosto calorici, da consumare con attenzione, le nocciole sono un ottimo spuntino per la merenda e apportano numerose proprietà benefiche. Sono ricche di fibre, vitamine, come la E e del gruppo B, sali minerali, come il calcio e il ferro, ma anche di omega 9.

Le fragole: poche calorie e proprietà antiossidanti

La primavera e l’estate non sarebbero le stesse senza l’arrivo delle fragole. Questo frutto dolce e al tempo stesso acidulo è alla base di tantissimi dessert: gelati, marmellate, torte e tanto altro. Nei tortini alla nocciola, cacao e fragole riesce a creare un mix goloso di sapori con il cacao amaro. Ricordate, però, di avvisare della presenza delle fragole già che molte persone hanno allergia a questo frutto.

Dal punto di vista nutrizionale, le fragole hanno un alto contenuto di acqua e di fibre ma pochissime calorie. Le vitamine e i sali minerali contenuti in questo frutto, come il magnesio e la vitamina C, gli conferiscono eccellenti proprietà antiossidanti. Se è possibile, usate le fragole biologiche in quanto molte di quelle vendute nei supermercati possono essere piene di pesticidi.

Il riferimento è all’abbondanza di vitamine. Le fragole, infatti, contengono grandi concentrazioni di vitamina A, C, B1 e B2. Stesso discorso per i sali minerali, e in particolare per il potassio, il fosforo e il calcio. Le fragole sono ricche di antiossidanti, soprattutto di antocianine, che contrastano l’effetto dei radicali liberi e contribuiscono a prevenire il cancro. L’apporto calorico è moderato e si attesta sulle 27 kcal per 100 grammi.

Dal punto di vista botanico le fragole non sono dei frutti. Può sembrare strano, ma non sono altro che l’infiorescenza, a dire il vero ipertrofica, delle piante della famiglia “afraria”. Anche in virtù di questa origine, le fragole sono alimenti particolari, che presentano caratteristiche fuori dal comune. Ciò riguarda i meccanismi della coltivazione ma anche le proprietà nutrizionali.

Le differenti varietà di fragole che possiamo utilizzare

Le fragole si caratterizzano per le numerose varietà, che si differenziano per i meccanismi riproduttivi ma anche per forma, colore e gusto. Ecco le più consumate in Italia.

  • Vesca. E’ una varietà di bosco che si caratterizza per la morbidezza, per le dimensioni contenute e per il sapore acidulo.
  • Moscata. E’ una varietà molto dolce, dalla forma allunga e da una consistenza mediamente morbida.
  • Anabelle. La forma è a cono, generalmente regolare. Le anabelle non sono affatto aspre, ma piuttosto gustose, dunque possono essere tranquillamente consumate a crudo.
  • Diamante. Varietà dalle dimensioni ipertrofiche, dominata da un rosso molto intenso. Si consumano prevalentemente a crudo in quanto molto dolci.
  • Alba. Varietà recente, coltivata soprattutto in Piemonte. E’ mediamente dolce, ma molto morbida.
  • Sabrina. Varietà campana che si caratterizza per la forma regolare e per le dimensioni medie. E’ dolce e poco acidula.
  • Candonga. E’ una varietà lucana che spicca per il sapore intenso e piuttosto selvatico. Viene utilizzata anche in pasticceria.

Ricette con fragole ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (7 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE