Pizza con asparagi e uovo , una preparazione gustosa

pizza con asparagi e uovo
Commenti: 0 - Stampa

Cosa c’è di speciale nella pizza con asparagi e uovo?

La pizza piace praticamente a tutti e oggi voglio proporvene una senza glutine e senza lattosio: la pizza con asparagi e uovo. È una ricetta particolare non solo per questo, ma anche per le sue proprietà organolettiche e nutrizionali uniche. È genuina ed energetica, carica di proteine e in grado di conquistare anche i bambini. È digeribile e fragrante, sostanziosa e ricca di potenzialità…

Si prepara con un po’ di pazienza e tanto amore, e il risultato è sempre questo: un gran successo! Naturalmente, il punto di forza della pizza con asparagi e uovo è costituito proprio dall’impasto, realizzato con due alimenti gluten-free a dir poco speciali. Con questi presupposti, scopriamone le caratteristiche e poi andiamo a prepararla!

Le caratteristiche principali degli asparagi

L’ Asparagus officinalis è una pianta indigena dell’Europa e dell’Asia in zone dal clima temperato; in Italia viene comunemente coltivato negli orti. Gli asparagi erano molto apprezzati dai Romani, tra i quali sono da ricordare Giulio Cesare e il poeta satirico Giovenale. Gli asparagi possono essere coltivati dal seme oppure darizomi (detti zampe) da cui si originano i polloni carnosi e muniti di squamette alla estremità, che si usano come ortaggi di primavera. A seconda del modo di coltivazione si hanno asparagi verdi o asparagi bianchi (cresciuti interrati), che sono tanto più apprezzati quanto più estesa è la parte tenera e commestibile. Si hanno numerose varietà di asparagi, da raggruppare nel modo seguente: asparago verde o asparago comune; asparago violetto o rosato, fra cui il bianco d’Olanda, che ha per prototipo assai pregiato l’ Argenteuil; l’asparago d’Alemagna o di Milano.

Negli Stati Uniti sono state ottenute delle varietà giganti quale la colossale di Connovers, ancora poco diffusa in Italia. Le varietà precoci si trovano già a febbraio, ma la massima produzione si ha in maggio/giugno.

La varietà più comune di asparagi è di colore verde chiaro. Scegliete cime diritte, di dimensioni uniformi, con punte compatte. Le cime rotonde e piene sono generalmente più tenere di quelle piatte. Dopo avere avvolto le basi in un panno umido, si conserva in frigorifero in una busta di plastica.

Gli asparagi sono una buona fonte delle vitamine A e C, sono inoltre ricchi di calcio, fosforo, potassio, ferro e tianina.

La farina di quinoa e le sue potenzialità

Chi non conosce questa farina… non sa cosa si perde! Tuttavia, non è mai troppo tardi per imparare ad amarla. Questo alimento si ricava grazie alla lavorazione dei semi della Chenopodium quinoa, una pianta originaria del Sud America appartenente alla famiglia delle Chenopidacee che, da migliaia di anni, nasce spontaneamente sulle Ande. Per gli abitanti del luogo è una risorsa molto preziosa in cucina (e non solo) e, infatti, offre un valido apporto di proteine, che potremo assimilare anche noi grazie alla pizza  con asparagi e uovo.

Si presenta come un prodotto alimentare a basso indice glicemico, che propone numerosi sali minerali, quali fosforo, potassio, calcio, magnesio, rame, manganese, zinco, selenio e ferro; e tante vitamine, in particolare la B2, la C e la E. Questo alimento è un ottimo alleato dell’apparato circolatorio e dei tessuti corporei: li protegge e li rinforza. È in grado di rendere la nostra pizza con asparagi e uovo un pasto davvero prezioso, capace di soddisfare il palato e anche l’organismo.

pizza con asparagi e uovo

Prepariamo insieme la gustosa pizza con asparagi e uovo

Anche la farina di ceci è un ingrediente molto importante per questa ricetta. Non a caso, fin dall’antichità, è stata considerata un vero e proprio toccasana. È sempre stata molto versatile e molto valida da un punto di vista nutrizionale. Infatti, anch’essa può donare un buon carico di proteine alla nostra pizza con mix di farina di quinoa e ceci, e una valida dose di fibre, importante per favorire un maggiore senso di sazietà, un miglior funzionamento dell’apparato gastrointestinale e un ottimale assorbimento di grassi e zuccheri.

All’interno della farina di ceci sono presenti persino dei grassi buoni come ad esempio l’acido linoleico, che si presenta come una sostanza in grado di promuovere la salute del cuore. Aggiunge al nostro pasto interessanti livelli di vitamina A, C, E e di vitamine del gruppo B, di calcio, magnesio, fosforo e potassio. È perfetta per mantenere sotto controllo la pressione alta, per alleviare la stanchezza muscolare, rafforzare le ossa e salvaguardare il benessere del cervello. Detto questo… prepariamo la pizza con asparagi e uovo!

Ingredienti per l’impasto

Per la farcia:

  • 24 asparagi
  • 4 uova
  • 1 mozzarella di Bufala consentita
  • 50 gr. di  parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

In una terrina mettete tutti gli ingredienti per l’impasto, lavorateli energeticamente e, quando il panetto risulterà compatto e omogeneo, lasciatelo riposare per almeno un paio d’ore prima di stenderlo.

Pulite gli asparagi, eliminate la parte finale e più legnosa del gambo, e metteteli a cuocere in acqua bollente leggermente salata; poi scolateli ancora al dente e fateli raffreddare.

Stendete la pasta in 4 teglie rotonde leggermente unte d’olio (formando al centro di ognuna un piccolo avvallamento). Sopra ogni base distribuitevi la mozzarella a dadini, 6 asparagi e l’uovo nell’avvallamento.

Terminate la farcia della pizza con una bella spolverata di parmigiano, un pizzico di sale, una bella macinata di pepe e un filo d’olio.

Cuocete le pizze in forno già caldo a 200/250° per circa 10/15 minuti.

5/5 (302 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Crostata tricolore con fiocchi di latte

Crostata tricolore con fiocchi di latte, davvero ottima

Crostata tricolore con fiocchi di latte, ricetta che stuzzica il palato La crostata tricolore con fiocchi di latte è una quiche dal sapore suggestivo, che coniuga una leggerezza spiccata con un...

Friselle con peperoni e formaggio

Friselle con peperoni e formaggio, un pasto sfizioso

Friselle con peperoni e formaggio di capra, ingredienti genuini Le friselle con peperoni e formaggio di capra sono un piatto unico o d'accompagnamento come secondo piatto davvero semplice e...

Pizza tricolore

Pizza tricolore con Exquisa, ottima per il 2...

Pizza tricolore con Exquisa, gusto e colore per uno snack gustoso La pizza tricolore con Exquisa è una suggestiva idea per festeggiare il 2 giugno all’insegna del gusto. In quel giorno si celebra...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti