Uova di cioccolato ripiene : da leccarsi pure le mani!

uova di cioccolato ripiene
Commenti: 0 - Stampa

Una particolare alternativa al tradizionale uovo di Pasqua: Uova di cioccolato ripiene

Le uova di cioccolato ripiene rappresentano quel dolce che a Pasqua non deve mancare mai proprio perché rispetta la tradizione, ma soprattutto esprime quelli che sono i gusti non solo degli adulti ma soprattutto dei più piccoli. Nella nostra versione, le uova di cioccolato saranno ripiene per dare un tocco di classe ad un dolce che vuole un po’ innovare la tradizione senza però voler alterare il gusto del cioccolato.

Questa ricetta è adattabile a qualunque tipo di menù, sia di carne sia di pesce, e può prevedere le decorazioni più disparate. Infatti, potete utilizzare cioccolato bianco, cioccolato al latte o fondente oppure tutti e tre insieme per un risultato da Triple chocolate! In questo modo faranno felici tutti, accomunando grandi e piccini in una festa tradizionale dove la cucina regnerà sovrana. Noi abbiamo scelto quello consentito privo di glutine e lattosio.

Il cioccolato tra pregiudizi e tipologie

Nell’immaginario collettivo si dice che il cioccolato faccia male: cosa sbagliata! Alcuni grammi a settimana fanno bene all’organismo, perché lo arricchiscono di antiossidanti naturali che prevengono l’invecchiamento delle cellule nervose, combattendo ictus e aneurismi. Pertanto, è consigliabile usare per le uova di cioccolato ripiene solo il cioccolato fondente. E’ una ricetta ricca di zuccheri. Il cioccolato, infatti, è da sempre l’espressione di un potere energetico molto alto sul piano dei glucidi.

uova di cioccolato ripiene

Se poi si sceglie la versione delle uova di cioccolato ripiene di crema di cioccolato bianco, le calorie arrivano all’apice perché il cioccolato bianco è costituito principalmente da burro. Quindi il consiglio è di dosare bene e scegliere l’alternativa giusta in base alle vostre preferenze, ma soprattutto optando per una cucina sana che vede l’alternarsi dei tre tipi di cioccolato.

Decorazioni e vini per una ricetta top: Uova di cioccolato ripiene

Questa ricetta stimola il palato di tutti e difficilmente incontra rifiuti. Molto originale perché permette di riciclare anche le uova di Pasqua rimaste per creare un dolce diverso. Però per stupire tutti, il consiglio è quello di decorare la uova di cioccolato ripiene con roselline di zucchero oppure scegliendo una glassa di caramello con mandorle tostate oppure una glassa di pistacchio, se scegliete la versione del cioccolato bianco.

Le uova di cioccolato ripiene rimangono il dolce più ricercato durante le festività pasquali e per un risultato davvero chic dovete abbinarlo a vini dolci, come ad esempio spumante o fragolino. Anche il passito di Pantelleria si sposa bene con il cioccolato, ma il consiglio è di non scegliere vini troppo dolci perché il must è spezzare l’eccessivo gusto dolce dell’uovo con un gusto più amarognolo del vino per un risultato più armonioso.

Ed ecco la ricetta delle Uova di cioccolato ripiene

Ingredienti:

  • 12 piccole uova di cioccolato fondente
  • 100 g di crema pasticcera
  • 100 di cioccolato fondente
  • q.b. di frutti di bosco
  • q.b. di zuccherini colorati

Preparazione:

Con l’aiuto di un coltello bene affilato  dividete a metà le uova di cioccolato, facendo attenzione a non romperle.
Preparate la crema pasticcera e lasciatela raffreddare  prima di versarla nella sac a poche

Con la crema riempite le due metà delle con frutti di bosco e zuccherini colorati

5/5 (325 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale. Le uova sono uno degli alimenti simbolo della Pasqua, tanto che molte...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti