bg header
logo_print

Risotto con cavallette e curcuma, un primo a base di insetti

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

risotto curcuma e stracciatella di latte con cavallette
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3.3/5 (3 Recensioni)

Il gusto speziato del risotto con cavallette, curcuma e stracciatella

Gli amanti dei primi piatti forse non crederanno ai loro occhi: ebbene sì, quella che vogliamo proporre oggi non è una pietanza come un’altra, bensì una preparazione unica nel suo genere. Non del solito riso alla milanese insomma si tratta, ma di qualcosa di molto più originale. Questo piatto sposa la causa di chi vuole stupire a tavola senza compromessi con un risultato di successo sia per il palato che per la vista.

Questo piatto è tripudio, oltre che di sapore, di colore: il risotto con curcuma e stracciatella di latte con cavallette mette insieme infatti il bianco candido della stracciata di latte con il color oro del risotto speziato con la curcuma. A tutto ciò si aggiunge il colore spiccato delle cavallette, che fanno capolino qua e là con il loro inconfondibile profumo.

Ricetta risotto con cavallette

Preparazione risotto con cavallette

  • In una pentola a bordo alto fate scaldare il riso, salatelo con un pizzico di sale grosso e  quindi sfumatelo con il vino bianco.
  • Una volta che il vino si sarà consumato portatelo a cottura con il brodo vegetale aggiungendo a piacere la curcuma.
  • Quando la cottura sarà ultimata spegnete la fiamma e mantecatelo con il parmigiano e un filo d’olio. Impiattate mettendo il risotto nei piatto a fontana, ovvero lasciando uno spazio nel centro in cui poi adagerete la stracciatella fresca.
  • Guarnite con le cavallette e decorate a piacere. Servite il risotto ancora caldo.

Ingredienti risotto con cavallette

  • 320 gr. di riso
  • 2 cucchiai di curcuma
  • 230 gr. di Stracciatella Senza Lattosio Delact
  • 20 gr. di cavallette
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • 1 lt. e mezzo di brodo vegetale
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Il gusto che sa delle cose fatte bene

La scelta di utilizzare la curcuma nella preparazione di questo risotto non è casuale: trattasi di una spezia utilizzata sin dalla notte dei tempi in Oriente dalle molteplici proprietà benefiche per l’organismo tra cui l’azione purificante, antiossidante e antinfiammatoria. Il risotto curcuma e stracciatella di latte con cavallette acquista un colore dorato singolare, una nota di gusto amaro ma delicata, che ben si abbina al gusto più neutro della stracciatella di latte.

Il risotto curcuma e stracciatella di latte con cavallette è il piatto ideale per chi ama le cose fatte bene in cucina. Un primo raffinato, facile e veloce da preparare, che consente di arricchire di gusto e benessere l’alimentazione di tutti i giorni prendendo utile spunto da questo colorato ingrediente tipico della medicina ayurvedica, oggi largamente conosciuto anche in Occidente.

Risotto alla curcuma stracciatella di latte e cavallette

Quel tocco di bontà in più nel risotto curcuma e stracciatella

L’aggiunta della succulenta stracciatella di latte, tipica della Puglia, nota, insieme alla Basilicata, come regione caratterizzata dalla ricca produzione di formaggi quanto ad origini e diffusione, conferisce al risotto curcuma e stracciatella di latte con cavallette un sapore dalle note di latte, che quasi ricorda lo yogurt e che rende il piatto più umido, evitando il rischio che asciughi raffreddandosi.

Se il risotto già di per sé è amatissimo a tavola, possiamo solo immaginare il successo che riscuoterà questo risotto alla curcuma così composto, che vede in bella mostra le cavallette, insetti questi dal sapore inconfondibile che, abbondantemente superato il pregiudizio anche in Europa e nel nostro Paese, arricchiscono il tutto di validissimi nutrienti, tra cui vitamine e proteine facilmente assimilabili.

Risotto con cavallette, un piatto che va oltre il pregiudizio

Ebbene sì, la ricetta del risotto alla curcuma che vi presento oggi richiede l’utilizzo delle cavallette. Per molti di voi basterà questo particolare per passare a un altro piatto, magari preparato con alimenti meno suggestivi. Eppure vi consiglio di andare oltre il pregiudizio e di dare una chance alle cavallette, d’altronde se il loro consumo è promosso dalle organizzazioni comunitarie qualche motivo ci sarà.

Anzi in realtà i motivi per mangiare le cavallette sono molti. Tanto per cominciare il loro sapore non lascia a desiderare. Alcuni lo reputano simile a quello delle carni bianche, mentre altri ai pesci essiccati, altri ancora non riuscirebbero a descriverlo.

In secondo luogo le cavallette – e in generale gli insetti commestibili – vantano proprietà nutrizionali notevoli. In media apportano il doppio delle proteine delle carni rosse, a fronte di un apporto calorico che raramente supera le 120 kcal (nella forma essiccata). Infine, sono insetti del tutto sostenibili, infatti la loro produzione impatta sull’ambiente meno di quanto non faccia la produzione di carne rossa e bianca.

L’inconfondibile sapore della curcuma nel risotto con le cavallette

L’altro elemento distintivo di questo risotto con le cavallette è la curcuma, una delle spezie più amate in assoluto. La curcuma è in grado di insaporire i piatti senza coprire gli altri ingredienti, inoltre colora le preparazioni di un arancione acceso ed è facile da utilizzare. La si può impiegare in polvere, già liofilizzata, oppure fresca. In questo caso è sufficiente pelare un pezzo di radice e grattuggiarla.

La curcuma, pur essendo versatile, dà il meglio di sé con i cereali e con i legumi. E’ una spezia perfetta in abbinamento al farro e al riso, inoltre è ottima anche insieme alle lenticchie, sebbene alcuni la chiamino in causa anche per aromatizzare i ceci e i fagioli. Infine la curcuma è ricca di antiossidanti, sostanze che riducono la probabilità di sviluppare il cancro e rallentano l’invecchiamento.

Una mantecatura speciale per un risotto davvero unico

Un risotto così particolare non poteva che vantare una mantecatura fuori dal comune. Quindi, almeno per una volta, al bando il Parmigiano e il burro, al loro posto troviamo la stracciatella e le cavallette.

La stracciatella è un latticino molto saporito, che valorizza le note acidule del latte ma propone anche sentori dolci. E’ simile ai fiocchi di latte ma presenta una grana molto più liscia e decisamente cremosa. La stracciatella si abbina al meglio con la curcuma, conferendo alla ricetta un tocco di bianco. La stracciatella garantisce dolcezza, mentre la curcuma apporta un aroma davvero gradevole.

In commercio trovate tanti tipi di stracciatella, tuttavia se soffrite di intolleranza al lattosio vi consiglio la stracciatella senza lattosio di Delact. E’ buona come una stracciatella originale ed è dolce al punto giusto, tanto da esaltare al meglio il sapore del risotto.

FAQ sul risotto con cavallette

Chi ha inventato il risotto?

L’inventore del risotto è sconosciuto. Gli storici, comunque, sono quasi concordi nell’affermare che sia nato in Veneto durante il XVIII secolo. Ufficialmente il risotto ha fatto la sua comparsa nel 1779 nel ricettario di Antonio Nebbia, un cuoco maceratese.

Dove si può mettere la curcuma?

La curcuma è una spezia versatile che può essere impiegata in tante ricette diverse. Dà però il meglio di sé insieme ai legumi e ai cereali, per questo non stupisce la sua presenza ricorrente nelle ricette a base di lenticchie e riso.

Quando si aggiunge la curcuma nel riso?

La curcuma nel riso si aggiunge quando ha quasi terminato la sua cottura, ossia qualche minuto prima di spegnere il fuoco. In questo modo il riso fa in tempo ad assorbire colori e sapori della curcuma, senza compromettere la resa organolettica.

Qual è la differenza tra riso e risotto?

Il riso è l’ingrediente base, mentre il risotto è una preparazione che presenta elementi ricorrenti: la cottura in brodo, la mantecatura e il fondo a base di soffritto.

Ricette con gli insetti ne abbiamo? Certo che si!

3.3/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

hummus di cannellini, bacon e cicale

Hummus di cannellini con cicale: un piatto alternativo

L’abbraccio tra la nostra tradizione alimentare e quella d’Oriente Un abbinamento davvero felice che vogliamo consigliare è quello tra i fagioli cannellini, particolarmente ricchi di...

pomodori concassé con baco da seta

Insalatina di pomodori concassé con baco da seta

Scopriamo insieme l’insalatina di pomodori concassé con baco da seta.Di contorni la nostra dieta mediterranea ne conta davvero tanti, ma di certo quello che andiamo a presentarvi oggi supera tutti...

pasta con alga spirulina

Pasta con alga spirulina, crema di basilico e...

Un pizzico di fantasia a tavola: pasta con alga spirulina La pasta con alga spirulina, crema di basilico e grilli buona, salutare, leggera, è l'ideale per chi ama la dieta mediterranea ed è...