Lasagnetta croccante di scorpione con ragù di carciofi

lasagnetta croccante di scorpione
Commenti: 0 - Stampa

Scopriamo la lasagnetta croccante di scorpione.

Lasagnetta croccante di scorpione con ragù di carciofi e pomodorini arrosto. La lasagna è per antonomasia il piatto della nostra tradizione mediterranea. Da intere generazioni nei giorni di festa adulti e piccini attendono questa prelibatezza con ansia. Famiglie intere si raccolgono intorno alla tavola nel giorno consacrato senza compromessi alla buona cucina, la domenica, nella speranza di veder impiattata questa succulenta e fumante pietanza che, in genere, presuppone tanta fatica nella preparazione.

Le versioni che se ne possono preparare sono infinite e, fortunatamente, tra queste ne esistono alcune che prevendono poco tempo per la realizzazione per un risultato che nulla ha da invidiare rispetto a quello della preparazione tradizionale. Ed ecco proposta oggi una declinazione di questo primo piatto davvero originale. D’altronde, l’innovazione è senza dubbio la tradizione di domani, quello che oggi è inedito diverrà parte della cucina del futuro.

lasagnetta croccante di scorpione

La gustosa variante del piatto della nostra tradizione culinaria

È proprio vero, il cibo è arte. Oggi chi, per passione, preferenza o necessità vuole realizzare qualcosa di davvero originale può farlo con un ingrediente in più: gli insetti. La lasagnetta croccante di scorpione con ragù di carciofi e pomodorini arrosto vede come protagonista in scena lo scorpione che, finalmente superato il pregiudizio di tante persone, conquista il podio nella preparazione di tanti gustosi piatti.

La concezione della genialità e dell’originalità senza regole anche in cucina ha trovato nella scelta di ammettere anche nel nostro Paese il consumo di insetti la sua panacea. Ed ecco che questo primo piatto si fa in questo modo miniera di proteine, vitamine e fibre con un indice calorico praticamente irrilevante.

Il consumo di insetti, inizia a destare – chi potrebbe provarne biasimo – un mare di interrogativi. Faranno mica male? Che sapore avranno? Si tratta di una moda passeggera o dovremmo iniziare a provarli anche noi? A fronte di una grande rivoluzione alimentare come questa, tutti questi interrogativi -e altri ancora- sono più che naturali. D’altronde, si tratta di ingredienti che possiamo ritrovarci nei piatti di ristoranti e pizzerie nel nostro paese, quindi l’indifferenza ha le ore contate.

Ora che acquistare e vendere insetti è legale anche in UE, l’unica cosa che resta da superare sono il disgusto e l’avversione basate su preconcetti stratificati ormai da secoli nella nostra cultura alimentare. Queste forme di pregiudizio sono difficili da scardinare, ma non del tutto, visto che il numero di persone che acquistava, fino all’anno scorso sottobanco, insetti, era tale da aver sollecitato un intervento a livello europeo.

La scelta dei giusti ingredienti per la lasagnetta croccante di scorpione

Circa la bontà della scelta di poter godere di tutte le numerose proprietà nutritive degli insetti si discute ormai da tanto tempo, ma oggi, il dibattito non ha ragion d’essere, visto che questi preziosi insetti possono dirsi bagaglio anche della nostra dieta mediterranea. La lasagnetta che proponiamo mette insieme questi validi alimenti con ingredienti chiave della nostra alimentazione: farina di ceci, pomodorini e carciofi, valide fonti di sali minerali, vitamine e antiossidanti.

Questa lasagnetta croccante di scorpione con ragù di carciofi e pomodorini arrosto mette insieme tradizione, originalità e un pizzico di innovazione garantendo un apporto di calorie nettamente inferiore a quello derivante dal consumo delle classiche lasagne con il sugo o con la besciamella. Il tornaconto in termini di gusto e di genuinità è poi insospettabilmente elevato. Qualche ragione per non consumarla? Bisognerà rifletterci bene per trovarla!

Ed ecco la ricetta della Lasagnetta croccante di scorpione

Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta

Per il condimento

  • 4 carciofi
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1/2 bicchiere di brodo vegetale q.b.
  • un grappolo di pomodorini
  • mezzo cucchiaino di maizena
  • 2 cucchiai di olio extra-vergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione:

Nella planetaria mettete la farina 00, la farina di ceci e la polvere di scorpione, quindi aggiungete le due uova e impastate fino a che non risulterà un impasto liscio ed omogeneo.

Dopo aver rimosso l’impasto dalla planetaria, lasciatelo riposare in frigorifero per circa mezz’ora.

Dopo che avrà riposato fate passare l’impasto così ottenuto in una sfogliatrice fino a che non avrà raggiunto uno spessore di circa mezzo millimetro, infine tagliate la pasta a quadrati dai lati di 10 centimetri.

Lavate i pomodorini sotto abbondante acqua salata, rimuovete la polpa e i semi e dopo averli conditi con sale e pepe a vostro piacere e lasciateli scolare in uno scolapasta per circa mezz’ora, quindi disponeteli su una teglia foderata di carta da forno e infornate a 250°C per 10 minuti in forno ventilato.

Pulite e mondate i carciofi (ricordandovi che fino alla cottura andranno conservati in acqua acidulata con del limone per evitarne l’ossidazione), quindi tagliateli in 8 spicchi.

In una casseruola stufateli con del brodo vegetale e un goccio di vino bianco regolando di sale e pepe a vostro piacere e continuate la cottura con il coperchio e aumentando la potenza del fuoco per circa dieci minuti passati i quali rimuoverete il coperchio e procederete a rimuovere i liquidi rimasti per poterli lavorare ulteriormente

Fate quindi sciogliere mezzo cucchiaino di maizena in un goccio di acqua e infine aggiungetelo ai liquidi rimossi dai carciofi mescolando fino a ottenere una salsina densa. In una pentola portate quindi a temperatura adatta alla frittura dell’olio di semi e passateci per qualche secondo i quadrati di pasta che avete creato in precedenza in modo da cuocerli e farli diventare croccanti.

Impiattate quindi alternando carciofi e pomodorini e i quadrati di pasta, guarnite con la salsa di carciofi e decorate a piacere.

Servite il piatto ben caldo.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

hummus di cannellini, bacon e cicale

Hummus di cannellini, bacon e cicale: alternativo

Una delizia fai da te facilissima da preparare: hummus di cannellini, bacon e cicale. Basta con i contorni ormai ampiamente conosciuti, quelli che puntualmente già si sa di trovare a tavola, che non...

pomodori concassé con baco da seta

Insalatina di pomodori concassé con baco da seta

Scopriamo insieme l’insalatina di pomodori concassé con baco da seta.Di contorni la nostra dieta mediterranea ne conta davvero tanti, ma di certo quello che andiamo a presentarvi oggi supera tutti...

pasta con alga spirulina

Pasta con alga spirulina, crema di basilico e...

Un pizzico di fantasia a tavola: pasta con alga spirulina, crema di basilico e grilli La pasta con alga spirulina, crema di basilico e grilli buona, salutare, leggera, è l'ideale per chi ama la...

quiche di grilli

Quiche di asparagi e grilli : via libera...

Espressione gustosa del novel food: Quiche di asparagi e grilli La quiche, equivalente allo sformato italiano di derivazione francese, è di per sé molto semplice da preparare ma al tempo stesso...

omelette di pomodori secchi e tenebrioni

Omelette di pomodori secchi e tenebrioni

“Curiamoci” con le omelette di pomodori secchi e tenebrioni L' omelette di pomodori secchi e tenebrioni che andiamo a descrivere oggi è tripudio di raffinatezza e originalità nella...

tagliatelle con farina di grillo

Tagliatelle con farina di grillo? Assaggiamole !

Pronti/e per la preparazione delle tagliatelle con farina di grillo? Forse non ci credete, ma in realtà è proprio così: possiamo fare le tagliatelle con la farina di grillo e tante altre pietanze...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-04-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti