Confettura di petali di rosa: una vera delizia

confettura di petali di rosa

Confettura di petali di rosa: un tocco di bontà a colazione e non solo. Non c’è che dire: preparare le confetture è bellissimo! Si tratta di ricette magari più semplici delle altre, ma comunque cariche di significato. Ci riportano ad anni che non torneranno più, quando la cucina era l’inossidabile centro della casa e le nonne, esperte conoscitrici dei ritmi della natura e dei suoi profumi, preparavano conserve e confetture da consumare durante l’anno.

Oggi voglio omaggiare questa meraviglia con la confettura di petali di rosa, una delizia che appaga tutti i sensi. Se volete scoprirne le peculiarità, non vi resta che seguirmi nelle prossime righe!

Confettura di petali di rosa: gusto e romanticismo

Quando si parla della confettura di petali di rosa, si inquadra una delizia che appaga ogni senso, da quello della vista, al gusto, fino all’olfatto. Si tratta anche di un dettaglio che, se presentato a tavola, può fare la differenza anche a livello sentimentale. La rosa, infatti, evoca un romanticismo senza eguali!

Degne di nota, però, sono anche le proprietà dei suoi petali. Tra le principali, è il caso di ricordare la presenza di vitamina C, uno dei più portentosi antiossidanti del mondo.

confettura ai petali di rosa

Proprietà dei petali di rosa: ecco le altre da ricordare

Non tutti lo sanno, ma i petali di rosa sono degli elisir di benessere davvero speciali. Abbiamo ricordato una loro proprietà molto importante e ora parliamo delle altre, iniziando dalla presenza di vitamina B e vitamina K. Quest’ultima, è essenziale per l’emopoiesi.

Molto importante è anche la presenza della maggior parte dei minerali classificati dalla tavola periodica. Tra questi ricordiamo il rame, anch’esso essenziale per l’emopoiesi, e il calcio, fondamentale per il benessere delle ossa e per il funzionamento del metabolismo.

La confettura di petali di rosa dovrebbe essere preparata con petali raccolti al mattino, possibilmente dopo la pioggia. Le rose sbocciate ma non appassite, infatti, si prestano perfettamente per la raccolta dei petali.

Adesso bando alle chiacchiere! Il momento di preparare questa confettura, adatta ai celiaci e agli intolleranti al lattosio, è finalmente arrivato! La ricetta è davvero molto facile e vi permetterà di iniziare la giornata con dolcezza, gusto e salute. Provare per credere! Non rimarrete affatto delusi, ve lo assicuro!

Ed ecco la ricetta della Confettura di petali di rosa

Ingredienti

  • 500 gr. di  petali di rose
  • 500 gr. zucchero di canna extrafine
  • 1 limone bio
  • q.b. acqua

Preparazione

Lavate e asciugate delicatamente i petali di rosa. Sminuzzate e tritate. Sistemate in un tegame e ricoprite con lo zucchero, il succo filtrato di un limone e un bicchiere d’acqua.

Far sobbollite a fiamma bassa per 10 minuti. Prestare attenzione a non far asciugare troppo lo zucchero che non deve caramellare e nell’eventualità che lo zucchero assorba subito tutta la parte liquida, aggiungere ancora dell’acqua.

Prelevate con una schiumarola i petali e mettete da parte, fate addensare lo sciroppo per qualche minuto, quindi rimettete i petali nel tegame, aggiungete un altro bicchiere d’acqua e cuocete ancora per circa 10 minuti o fino ad ottenere la consistenza desiderata. Versate la marmellata bollente nei vasetti di vetro, chiudeteli ermeticamente e capovolgete fino al raffreddamento.


Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


06-03-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti