Fettuccine di lenticchie con salsiccia e pomodorini

Fettuccine di lenticchie con salsiccia e pomodorini
Commenti: 0 - Stampa

Un piatto facilmente digeribile, dal gusto semplice ed unico

La ricetta delle fettuccine di lenticchie con salsiccia e pomodorini è perfetta da servire in ogni occasione, soprattutto quando si vuole stupire i propri ospiti con un primo originale! È infatti composto da fettuccine realizzate con farina di lenticchie che, oltre ad essere prive di glutine e quindi facilmente digeribili per tutti, sono anche molto più leggere rispetto alla pasta tradizionale e ancor più ricche di fibre vegetali.

Per quanto riguarda il sapore, questo piatto è molto basico, ma al contempo di grande impatto, e per questo sarà in grado di conquistare tutti, grandi e piccini. Perfetta da servire in ogni stagione, questa ricetta è molto semplice da preparare e lascerà tutti a bocca aperta! Ma andiamo a conoscerla un po’ più a fondo…

Una pietanza saporita e amica dell’intestino!

Scegliere le fettuccine preparate con la farina di lenticchie ha molti vantaggi, in particolare quando sono fatte in casa. Infatti, rendono ogni primo molto più digeribile per tutti e donano al pasto un sapore davvero particolare che, in questa ricetta, verrà esaltato con successo dal sugo di salsicce e pomodorini. Oltre ad essere deliziosa, la farina di lenticchie porta con sé numerosi vantaggi, persino dal punto di vista della salute.

Fettuccine di lenticchie spianatoia

Quello delle fettuccine di lenticchie con salsiccia e pomodorini è un piatto ricco di fibre, naturalmente presenti all’interno di tutti i legumi. Queste non vengono assimilate dal corpo e quindi arrivano all’intestino completamente intatte. Una volta arrivate nel colon, si gonfiano assorbendo acqua, tossine e molte altre sostanze nocive per il corpo umano… motivi per i quali si rivelano depurative e perfette per chi ha problemi di stitichezza. Hanno il potere di ripulire l’intestino, aiutandolo a ritrovare la sua naturale regolarità.

Questo piatto offre inoltre un buon apporto di vitamine e minerali, molto utili per il benessere dell’organismo. Al suo interno si possono trovare in particolare le vitamine A, B1, B2 e B3, oltre che una grande quantità di antiossidanti, capaci di rallentare l’invecchiamento cellulare. Contiene anche zinco, ferro ed acido folico, elementi indispensabili per il corpo umano.

A tavola con le fettuccine di lenticchie con salsiccia e pomodorini

Grazie all’ottima quantità di fibre, questo piatto si rivelerà inoltre molto saziante e in grado di migliorare il nostro controllo della fame fino al pasto successivo. Pertanto, è l’ideale sotto ogni punto di vista. Potrete preparare la pasta direttamente con le vostre mani, proprio come vi spiegherò fra poco, ma naturalmente potrete anche optare per quella già pronta, prediligendo un marchio di qualità, che garantisca una produzione attenta e che presenti un’etichetta degli ingredienti molto pulita.

Detto questo, non ci resta che andare a preparare le fettuccine di lenticchie con salsiccia e pomodorini! Per portare in tavola questa pietanza, vi servirà una spesa fatta di ingredienti genuini e un po’ di pazienza. Tuttavia, vi assicuro che vi divertirete e che, dopo il primo boccone, avrete la certezza di aver fatto la scelta giusta!

Ingredienti per 3/4 persone

Per la pasta:

  • 180 g di farina di lenticchie
  • 2 uova
  • un pizzico di sale

Per il condimento:

  • 150 g di salsiccia fresca Salumi Pasini
  • 16 pomodorini ciliegini
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • q.b. di sale
  • qualche rametto di finocchietto selvatico
  • 30 gr. di Parmigiano Reggiano stagionato per 36 mesi

Preparazione pasta

Su un piano da lavoro fate la fontana con la farina, aggiungete il sale e al centro le uova. Iniziate ad impastare aiutandovi con una forchetta, poi proseguite con le mani. Impastate finché non otterrete un impasto liscio, coprite con un panno pulito e fate riposare 30 minuti.

Trascorso il tempo di riposo stendete la pasta con il mattarello, o con una macchina sfogliatrice e tagliate le fettuccine. Cospargete con poca farina di lenticchie e lasciate asciugare

Per il condimento

Lavate i pomodorini e tagliateli a metà, eliminate la pelle alla salsiccia.Versate in una padella 2 cucchiai di olio, unite la salsiccia sbriciolata e fate cuocere per 5 minuti.Poi, unite i pomodorini, il sale e il finocchietto, lasciate cuocere ancora per 5 minuti.

Nel frattempo buttate le fettuccine in abbondante acqua salata, scolatele e passatele nella padella con il condimento.

Fate insaporire per un minuto, cospargete con Parmigiano Reggiano a piacere e amalgamate bene. Trasferite nei piatti, cospargete con altro Parmigiano Reggiano e servite.

5/5 (487 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Malandrone 1477

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-10-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti