Risotto alla panna con chips di mela

risotto alla panna con chips di mela, menta e polvere di zenzero
Commenti: 0 - Stampa

Facciamo il pieno di bontà con il risotto alla panna con chips di mela

Il risotto alla panna con chips di mela, menta e polvere di zenzero non è un primo piatto come un altro. Trattasi di una preparazione del tutto originale, che vede il sapiente e curioso abbinamento di ingredienti tutti diversi tra loro. Sembra quasi di trovarsi dinanzi un piatto esotico ma, in verità, trattasi di una preparazione a base di ingredienti ben noti ed in uso nella nostra cucina italiana.

L’unico ingrediente un po’ insolito, fino a qualche tempo fa poco utilizzato nel nostro paese, ma di recente particolarmente diffuso in cucina, è la polvere di ginger. In verità, chiamato con il suo nome “italianeggiante” ossia zenzero, lo identifichiamo facilmente come quella radice reperibile in commercio un po’ ovunque.

Risotto alla panna con chips di mela: il piatto dalle mille proprietà

Sebbene le nostre nonne lo impiegassero nella forma grattugiata solo per la preparazione di biscotti, oggi si è creata molta familiarità con lo zenzero, tanto che se ne può utilizzare la polvere già pronta per l’uso, venduta in commercio ormai ovunque. Questa radice ha delle proprietà terapeutiche invidiabili, ormai ampiamente testate e confermate dalla scienza.

RISOTTO ALLA PANNA CON CIPS DI MELA MENTA E POLVERE DI GINGER

Il risotto alla panna con chips di mela, menta e polvere di zenzero diventa un piatto, oltre che goloso, particolarmente sano, proprio per via della presenza di questa polvere dalle spiccate proprietà antinfiammatorie ed antitumorali, alle quali vanno ad aggiungersi quelle ben note da sempre, ossia quelle digestive ed anti-nausea.

Anche la presenza della menta non può e non deve passare inosservata: similmente al timo, quest’erba gode di valide proprietà diuretiche, disintossicanti ma soprattutto toniche e espettoranti. Ottimo alleato dell’uomo, già dai tempi più remoti, contro i malanni di stagione, mal di gola in primis, alla menta si attribuiscono anche proprietà sedative e spasmodiche.

La genuinità incontra il gusto nel risotto alla panna con chips di mela

Meraviglia poter pensare che un complesso di ingredienti così benefici possa, in questo piatto, abbracciare anche il gusto: ebbene sì, il merito è da attribuire anche alla presenza della panna, panacea dei “buona forchetta”. Naturalmente, in questa preparazione la panna impiegata è senza lattosio, questo perché, come sappiamo, le nostre ricette sono destinate proprio a tutti.

Il risotto alla panna con chips di mela è dunque molto di più che un semplice risotto: il matrimonio di sapori dolci e salati, reso possibile dall’utilizzo della mela, paladina della frutta ipocalorica per eccellenza, porta in tavola originalità e genuinità, per un piatto “salutare” tutto da gustare.

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr riso Carnaroli
  • 1,5 lt brodo vegetale con aggiunta qualche fogliolina di menta
  • 50 gr parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato
  • mezzo scalogno
  • 100 gr panna consentitai
  • q.b. olio extravergine oliva
  • qualche foglia menta fresca
  • qualche chips mela
  • 2 cucchiai polvere zenzero

Preparazione

Preparate il brodo vegetale: in una pentola di acqua salata aggiungere le verdure e portare a bollore: una volta a bollore togliere la foglia di menta e continuare la riduzione per circa 30 minuti. Tenere in caldo per la cottura del riso.

In una padella antiaderente soffriggete lievemente lo scalogno affettato finemente in olio e quando ha preso colore aggiungete il riso e tostate per circa 2 minuti.

Aggiungete un paio di mestoli di brodo e aggiustare di sale. Controllate la cottura e aggiungere il brodo quando quello precedente si è ritirato e assorbito.

A un paio di minuti dalla cottura aggiungere una generosa dose di parmigiano grattugiato e continuare la cottura.

Una volta che il riso sarà cotto spegnete il fuoco ed incorporate la panna.

Servite impiattando con la polvere di zenzero, le chips di mela croccante e una foglia di mela per guarnire.

5/5 (333 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Malandrone 1477

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti