Polpettine con la spirulina per una sferzata di energia

Polpettine con la spirulina
Commenti: 0 - Stampa

Polpettine con la spirulina per una sferzata di energia. La spirulina, nota anche come Arthrospira platensis è un’alga azzurra unicellulare (per l’esattezza è una micro alga poiché non supera il mezzo millimetro di grandezza) conosciuta per essere un eccellente integratore alimentare.

Essa ha una forma a spirale e si sviluppa nutrendosi di energia solare. Cresce in poche parti del mondo perché il suo habitat deve avere alcune specifiche caratteristiche come per esempio una temperatura costante fra i 30 e  i 40 gradi, un ambiente dal pH idrico alcalino e dalle elevate concentrazioni di sali minerali.

La spirulina: devi conoscere questa alga

Quest’alga viene venduta in polvere o in compresse e la troviamo nei negozi bio oppure nei supermercati ben forniti (è importante verificare sempre che provenga da una coltivazione controllata). Il colore verde scuro è dato dall’alta concentrazione di clorofilla e il suo nome deriva dalla sua forma, simile appunto a quella di una spirale.

Come la maggior parte delle alghe ha dei benefici ottimali sulla nostra salute; è ricca di proprietà nutritive quali proteine di alto valore biologico, vitamine A, D, K, e vitamine del gruppo B. Contiene acidi grassi essenziali come Omega3 e Omega6 ed è ricca di sali minerali come ferro, sodio, magnesio, manganese, calcio, iodio e potassio.

La spirulina è un forte energizzante, per questo è considerata un ottimo integratore molto adatto agli sportivi ed è oltremodo un buon integratore per chi sta seguendo una dieta ipocalorica (poiché ha un contenuto calorico molto basso) o una dieta vegana o vegetariana.

spirulina

È utile poi per il sistema nervoso e per il sistema immunitario, impiegata anche in caso di osteoporosi o celiachia. Si tenga presente che, nel  caso la si voglia consumare come integratore, è bene rivolgersi ad un esperto per avere i giusti consigli circa il dosaggio e il consumo e le controindicazioni.

Fra le proprietà di quest’alga troviamo anche il betacarotene, l’acido ascorbico e il tocoferolo che insieme esercitano un’azione antiossidante. In campo alimentare l’uso della spirulina risale a molto tempo fa, quando le popolazioni che la avevano a disposizione la utilizzavano conoscendone già gli ottimi benefici.

Polpettine con la spirulina, un’alga dalle numerose proprietà

Nonostante sia così piccina, la Spirulina è un concentrato di sostanze benefiche importantissime per il nostro organismo: proteine, aminoacidi essenziale, grassi polinsaturi (gli omega 6 prevalgono nettamente sugli omega3).

Non mancano certo le vitamine, soprattutto quelle del gruppo B, la vitamina A, il tocoferolo, e l’inositolo. Un po’ meno forte è l’apporto di sali minerali tranne il ferro, che è contenuto in abbondanza. Però, bisogna precisarlo, lo iodio risulta carente rispetto alle alghe marine. Incredibilmente ricca di sostanze antiossidanti come carotenoidi e acido ascorbico unito alla clorofilla, la Spirulina è un portento contro contro i tanto temuti radicali liberi e tutte le conseguenze che essi provocano, tra cui l’invecchiamento cellulare precoce. Ha anche un grande potere per “pulire” l’organismo aiutandolo nel processo di eliminazione di scorie e sostanze dannose.

Ad oggi la Spirulina è un preziosissimo ingrediente presente in integratori alimentari utilizzato da chi pratica sport, da chi sceglie sostanze naturali invece che multivitaminici di sintesi, da chi segue diete e vuole un aiuto per accelerare il metabolismo e per raggiungere più velocemente una sensazione di sazietà. Questo accade, probabilmente, grazie all’alto contenuto proteico. Persino chi segue uno stile alimentare vegetariano vegano può trovare un valido aiuto in questa alga, che può coprire l’intero fabbisogno giornaliero di aminoacidi essenziali.

Essendo priva di cellulosa, la Spirulina è facilmente digeribile, ma essendo così ricca di particolari proprietà, è bene consultare il proprio medico prima di sottoporsi ad una cura che ne contempli l’utilizzo, soprattutto se in dosi costanti.

Polpettine con la spirulina per una sferzata di energia

Pare che la Spirulina sia un alimento antico, conosciuto già in epoca romana e utilizzato dalle civiltà precolombiane. Oggi viene coltivata per produrne derivati. La polvere ricavata  ne conserva tutte le proprietà, e si ricava macinando le alghe essiccate.

Non deve essere considerata una farina nel classico senso del termine, principalmente perché il sapore che conferisce è particolarmente forte e pungente, e deve sempre essere utilizzata in piccole dosi e in associazione ad altri ingredienti.

Spirulina: uso in cucina

Può essere utilizzato in cucina come se fosse una sorta di spezia, di insaporitore, ma va dosata sempre con parsimonia. La Spirulina non contiene glutine, ma è impensabile un utilizzo come farina alternativa nella preparazione di impasti gluten free, che siano lievitati oppure no. Bisogna tenere conto che il quantitativo giornaliero consigliato è di tre/quattro grammi al giorno per persona.

Nel 1974 la Conferenza Mondiale dell’alimentazione dell’ONU la nominava già alimento del futuro, vediamo quindi come inserirla nelle nostre ricette!

Troviamo la spirulina nel Gomasio (condimento asiatico composto principalmente da semi di sesamo tostati), negli impasti di pasta fresca, in  alcune ricette per i biscotti e la si può trovare anche fra i nuovi gusti di gelato artigianale.

Ecco la ricetta delle Polpettine con la spirulina

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr di spinaci
  • 4 gr di spirulina
  • 1 cipollotto
  • 100 gr di pane raffermo senza glutine
  • 50 gr latte di soia
  • una manciata di noci o nocciole tagliate
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di noce moscata
  • q.b sale e pepe

Preparazione

Tagliate il pane a cubetti di 2 cm e ammollateli nel latte di soia, a parte cucinate gli spinaci in acqua bollente ci vorranno circa 10 minuti. In un tegame fate appassire con un filo d’olio il cipollotto già tagliato finemente. In una ciotola fate sciogliere la spirulina in acqua.

Quando gli spinaci saranno cotti, raffreddati, strizzati e tritati andrete ad amalgamare il tutto formando dei “canederli” schiacciati , una volta formate le polpette le andrete a cuocere in padella anti aderente con un filo d’olio. Servitele con un insalatina mista.

5/5 (314 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...

Carpaccio di salmone

Carpaccio di salmone, un secondo dal gusto delicato

Carpaccio di salmone, un secondo gourmet pieno di gusto e colore Il carpaccio di salmone è un secondo dal sapore delicato, raffinato e adatto a tutti i palati. E’ anche piuttosto complesso, non...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-03-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti