Polpettine con la spirulina per una sferzata di energia

Tempo di preparazione:

La spirulina, nota anche come Arthrospira platensis è un’alga azzurra unicellulare (per l’esattezza è una micro alga poiché non supera il mezzo millimetro di grandezza) conosciuta per essere un eccellente integratore alimentare.

Essa ha una forma a spirale e si sviluppa nutrendosi di energia solare. Cresce in poche parti del mondo perché il suo habitat deve avere alcune specifiche caratteristiche come per esempio una temperatura costante fra i 30 e  i 40 gradi, un ambiente dal pH idrico alcalino e dalle elevate concentrazioni di sali minerali.

La spirulina: devi conoscere questa alga

Quest’alga viene venduta in polvere o in compresse e la troviamo nei negozi bio oppure nei supermercati ben forniti (è importante verificare sempre che provenga da una coltivazione controllata). Il colore verde scuro è dato dall’alta concentrazione di clorofilla e il suo nome deriva dalla sua forma, simile appunto a quella di una spirale.

Come la maggior parte delle alghe ha dei benefici ottimali sulla nostra salute; è ricca di proprietà nutritive quali proteine di alto valore biologico, vitamine A, D, K, e vitamine del gruppo B. Contiene acidi grassi essenziali come Omega3 e Omega6 ed è ricca di sali minerali come ferro, sodio, magnesio, manganese, calcio, iodio e potassio.

La spirulina è un forte energizzante, per questo è considerata un ottimo integratore molto adatto agli sportivi ed è oltremodo un buon integratore per chi sta seguendo una dieta ipocalorica (poiché ha un contenuto calorico molto basso) o una dieta vegana o vegetariana.

spirulina

È utile poi per il sistema nervoso e per il sistema immunitario, impiegata anche in caso di osteoporosi o celiachia. Si tenga presente che, nel  caso la si voglia consumare come integratore, è bene rivolgersi ad un esperto per avere i giusti consigli circa il dosaggio e il consumo e le controindicazioni.

Fra le proprietà di quest’alga troviamo anche il betacarotene, l’acido ascorbico e il tocoferolo che insieme esercitano un’azione antiossidante. In campo alimentare l’uso della spirulina risale a molto tempo fa, quando le popolazioni che la avevano a disposizione la utilizzavano conoscendone già gli ottimi benefici.

Un’alga dalle numerose proprietà : la spirulina

Nonostante sia così piccina, la Spirulina è un concentrato di sostanze benefiche importantissime per il nostro organismo: proteine, aminoacidi essenzialie, grassi polinsaturi (gli omega 6 porevalgono nettamente sugli omega3).

Non mancano certo le vitamine, soprattutto quelle del gruppo B, la vitamina A, il trocoferolo, e l’inositolo. Un po’ meno forte è l’apporto di sali minerali tranne il ferro, che è contenuto in abbondanza. Però, bisogna precisarlo, lo iodio risulta carente rispetto alle alghe marine. Incredibilmente ricca di sostanze antiossidanti come carotenoidi e acido ascorbico unito alla clorofilla, la Spirulina è un portento contro contro i tanto temuti radicali liberi e tutte le conseguenze che essi provocano, tra cui l’invecchiamento cellulare precoce. Ha anche un grande potere per “pulire” l’organismo aiutandolo nel processso di eliminazione di scorie e sostanze dannose.

Ad oggi la Spirulina è un preziosissimo ingrediente presente in integratori alimentari utilizzato da chi pratica sport, da chi sceglie sostanze naturali invece che multivitaminici di sintesi, da chi segue diete e vuole un aiuto per accelerare il metabolismo e per raggiungere più velocemente una sensazione di sazietà. Questo accade, probabilmente, grazie all’alto contenuto proteico. Persino chi segue uno stile alimentare vegetarianoo vegano può trovare un valido aiuto in questa alga, che può coprire l’intero fabbisogno giornaliero di aminoacidi essenziali.

Essendo priva di cellulosa, la Spirulina è facilmente digeribile, ma essendo così ricca di particolari proprietà, è bene consultare il proprio medico prima di sottoporsi ad una cura che ne contempli l’utilizzo, soprattutto se in dosi costanti.

polpette spirulina1

Pare che la Spirulina sia un alimento antico, conosciuto già in epoca romana e utilizzato dalle civiltà precolombiane. Oggi viene coltivata per produrne derivati. La polvere ricavata  ne conserva tutte le proprietà, e si ricava macinando le alghe essiccate.

Non deve essere considerata una farina nel classico senso del termine, principalmente perché il sapore che conferisce è particolarmente forte e pungente, e deve sempre essere utilizzata in piccole dosi e in associazione ad altri ingredienti.

Spirulina: uso in cucina

Può essere utilizzato in cucina come se fosse una sorta di spezia, di insaporitore, ma va dosata sempre con parsimonia. La Spirulina non contiene glutine, ma è impensabile un utilizzo come farina alternativa nella preparazione di impasti gluten free, che siano lievitati oppure no. Bisogna tenere conto che il quantitativo giornaliero consigliato è di tre/quattro grammi al giorno per persona.

Nel 1974 la Conferenza Mondiale dell’alimentazione dell’ONU la nominava già alimento del futuro, vediamo quindi come inserirla nelle nostre ricette!

Troviamo la spirulina nel Gomasio (condimento asiatico composto principalmente da semi di sesamo tostati), negli impasti di pasta fresca, in  alcune ricette per i biscotti e la si può trovare anche fra i nuovi gusti di gelato artigianale.

Ecco la ricetta delle polpettine di spinaci e spirulina arricchite dal gusto di noci e nocciole tritate

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr di spinaci
  • 4 gr di spirulina
  • 1 cipollotto
  • 100 gr di pane raffermo senza glutine
  • 50 gr latte di soia
  • una manciata di noci o nocciole tagliate
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di noce moscata
  • q.b sale e pepe

Preparazione

Tagliate il pane a cubetti di 2 cm e ammollateli nel latte di soia, a parte cucinate gli spinaci in acqua bollente ci vorranno circa 10 minuti. In un tegame fate appassire con un filo d’olio il cipollotto già tagliato finemente. In una ciotola fate sciogliere la spirulina in acqua.

Quando gli spinaci saranno cotti, raffreddati, strizzati e tritati andrete ad amalgamare il tutto formando dei “canederli” schiacciati , una volta formate le polpette le andrete a cuocere in padella anti aderente con un filo d’olio. Servitele con un insalatina mista.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *