Millefoglie di cotechino e verza stufata

Millefoglie di cotechino e verza stufata
Commenti: 0 - Stampa

Tradizione e innovazione!

Cercate una nuova idea da portare in tavola? Eccovi appunto il millefoglie di cotechino e verza stufata..

Il millefoglie di cotechino e verza stufata si presenta come un amabile stuzzichino, ma anche come uno sfizioso secondo. La scelta è la vostra, ma potrete star certi che, ogni volta che lo porterete in tavola, potrete regalare una soddisfazione immensa a tutti gli amanti dei suoi ingredienti principali. Questa pietanza è molto nutriente e può donare al corpo un buon carico di energia.

Il suggerimento è di assaporarla a pranzo o di portarla in tavola per le occasioni speciali. Infatti, il cotechino si rivela un alimento gustoso, ma anche abbastanza pesante per l’apparato digestivo. Tuttavia, accompagnandolo con la verza e moderando le porzioni, potrà essere un peccato di gola al quale ogni tanto possiamo anche non resistere!

Millefoglie di cotechino e verza stufata: le proteine non mancano

Come avrete capito, il cotechino è ovviamente uno dei principali ingredienti di questa ricotta semplice e, allo stesso tempo, sostanziosa. Questo alimento tanto apprezzato, non è altro che un insaccato composto principalmente dalla cotenna di maiale. Viene preparato attraverso delle particolari lavorazioni e il merito della sua tipica consistenza morbida è dato principalmente dalla lenta sobbollitura della carne. Un cotechino eccellente si differenzia dagli altri in quanto si affetta molto facilmente, ma non si sbriciola.

millefoglie di cotechino e verza stufata4

Pertanto, per riuscire a preparare un perfetto millefoglie di cotechino e verza stufata, è consigliabile prediligere un prodotto di qualità che, oltre a non sbriciolarsi, presenterà un colore roseo ma non troppo uniforme. Il secondo suggerimento consiste ogni volta nel preferire un insaccato preparato da un’azienda affidabile e nota per le lavorazioni per lo più tradizionali. In questo modo, potrete preparare un piatto invitante, ma anche un pasto capace di presentare tutte le qualità organolettiche tipiche del cotechino.

Oltre all’elevata percentuale di grassi (motivo per il quale è necessario non esagerare con le porzioni al fine di salvaguardare la nostra salute), questo alimento presenta solitamente una percentuale di proteine superiore al 17%. Ciò significa che questa pietanza potrà rivelarsi inoltre una buona fonte di energia, nonché un incentivo per lo sviluppo della muscolatura e per l’aumento del senso di sazietà.

Millefoglie di cotechino: l’altro ingrediente principale, la verza

Naturalmente, stiamo parlando della verza. Quest’ultima presenta un sapore molto delicato, soprattutto dopo la stufatura. Si tratta di un ortaggio molto digeribile, ricco di antiossidanti, vitamine e minerali, e dotato di interessanti proprietà benefiche come quelle idratanti, diuretiche e depurative.

Tuttavia, durante la preparazione del millefoglie di cotechino e verza stufata, questo vegetale tenderà purtroppo a perdere una buona parte delle sue sostanze nutritive… Ma di certo potrete godere comunque di alcuni dei suoi benefici per la salute e del suo coinvolgente sapore che si lega perfettamente a quello dell’insaccato. Pertanto, se siete amanti di questo alimento, il consiglio è di portare in tavola al più presto questo piatto: non ve ne pentirete e i vostri ospiti rimarranno estremamente soddisfatti!

Ingredienti per 4 persone

  • 1 cotechino
  • 600 gr verza
  • 300 ml brodo vegetale
  • q.b olio extravergine oliva
  • 1 spicchio aglio
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Sfogliate, lavate e tagliate la verza a listarelle. Preparate del brodo vegetale.

In una padella antiaderente fate appassire lo spicchio d’aglio. Unite la verza. Mescolate e lasciate rosolare qualche minuto. Unite il brodo, mettete il coperchio e lasciate cuocere lentamente per circa 30 minuti. Mescolate, pepate e aggiustate di sale.

Mettere la busta in una pentola con abbondante acqua fredda, portare ad ebollizione e quindi cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti. Tagliare un angolo della busta per far uscire il brodo formatosi in cottura.

Tagliate a fette e formate una millefoglie alternando il cotechino a una forchettata di verza stufata. Infilate uno stecco in legno per tenerla ferma e servite caldo.

5/5 (354 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta a strati della Befana

Torta a strati della Befana con caramelle

Auguriamoci buone feste con la torta a strati della befana! Questa torta a strati della befana è una meravigliosa ondata di zuccheri ed allegria. Già a vederla si scatena l’acquolina in bocca,...

Strudel della befana

Strudel della befana, quando la calza si fa...

Strudel della befana, un’idea simpatica per grandi e piccini Lo strudel della befana è un’idea creativa per festeggiare l’Epifania. E’ una pietanza riservata ai piccini, ovviamente, ma può...

Panna cotta con cardamomo e pere

Panna cotta con cardamomo e pere, un dolce...

Panna cotta con cardamomo, pere e cannella, un ottimo dessert La panna cotta con cardamomo, pere e cannella non è una panna cotta come le altre. Lo potete notare dalla foto, che rivela un impatto...

Casetta di pan di zenzero

Casetta di pan di zenzero, un dolcetto quasi...

Casetta di pan di zenzero, un dolce per la Befana La casetta di pan di zenzero è un dolce davvero particolare. Per capirlo è sufficiente dare un’occhiata alla foto: si tratta, infatti, di una...

Cheesecake alla melagrana

Cheesecake alla melagrana, gusto e colore a tavola

Cheesecake alla melagrana, una rivisitazione del classico dolce anglosassone La cheesecake alla melagrana è una variante leggermente diversa della classica cheesecake, dolce di origine anglosassone...

Hamburger di zampone

Hamburger di zampone, Capodanno in stile street food

Hamburger di zampone, un’idea simpatica L'hamburger di zampone è un idea sfiziosa per un capodanno diverso dal solito. Potrebbe essere considerato come un piatto capace di coniugare la tradizione...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti