Ravanello Pompelmo: una sorpresa per il palato

ravanello pompelmo
Commenti: 0 - Stampa

Siete alla ricerca di un ortaggio speciale? Ecco Il ravanello pompelmo

Vederlo per la prima volta provoca decisamente stupore e curiosità. Infatti, il ravanello pompelmo è molto particolare: al suo esterno è molto simile ad una rapa, ma al suo interno nasconde una polpa fucsia dal sapore piccantino e un po’ dolciastro, succosa e croccante allo stesso tempo.

È conosciuto anche come “ravanello anguria”, “ravanello a carne rossa” o anche comen“ravanello della Cina” e le sue origini sono davvero molto antiche.

Da tempo riscoperto e riportato nelle cucine, si tratta di un ortaggio davvero speciale e ricco di sostanze nutritive da non sottovalutare. Il suo gusto coinvolge, così come il suo aspetto…

Ma ecco tutto quello che dovreste sapere su questo prelibato ravanello unico nel suo genere.

Il ravanello pompelmo: ortaggio dall’affascinante bellezza interiore

Questo ortaggio radica le sue origini nel nord della Cina e il suo nome originale ha un significato molto particolare: “ravanello della bellezza interiore”.

Sicuramente, questa bellezza indica lo splendido colore della polpa, ma ci anticipa anche qualcosa riguardo le potenzialità e il valore nutrizionale di questo alimento.

Il ravanello pompelmo offre infatti un elevato apporto di vitamine, minerali, antiossidanti e tantissimi altri fitonutrienti, è ricco di fibre ed è a basso indice glicemico.

Secondo recenti studi, presenta ottime proprietà disintossicanti (purifica il sangue e supporta l’eliminazione delle tossine), lassative, diuretiche, antitumorali e antinfiammatorie.

Il suo consumo facilita la digestione, aiuta a ridurre i problemi relativi alla ritenzione idrica, allevia la costipazione e rinforza il sistema immunitario.

È stato riscontrato inoltre che si tratta di un alimento ottimo per coloro che hanno bisogno di regolare e tenere sotto controllo la pressione sanguigna, di perdere peso e di alleviare i disturbi renali.

Infine, è utile sapere che le ricerche affermano che questo ravanello offre una valida protezione per l’apparato cardiocircolatorio e aiuta a mantenere la pelle sana, ma anche a ottimizzare il metabolismo, a migliorare la circolazione sanguigna e ad alleviare mal di testa, acidità, nausea, mal di gola, tosse, problemi gastrici e molto altro.

Mettiamo in tavola il ravanello pompelmo e tutti i suoi benefici

Questo ortaggio è sicuro anche per coloro che soffrono di diabete.

Pertanto, lo potrete portare in tavola con molta tranquillità: non influirà sui livelli di zuccheri nel sangue e aiuterà il corpo a regolarne l’assorbimento, evitando così i rischiosi picchi glicemici post-pasto.

Potrete consumarlo crudo o cotto, aggiungerlo ai vostri piatti e preparazioni a base di verdura e condirlo a vostro piacimento.

Tuttavia, per godere al massimo delle potenzialità e del gusto ravanello pompelmo, il suggerimento è quello di mangiarlo crudo: tagliato a fettine e al naturale oppure condito con un po’ di sale e burro (o olio extravergine di oliva).

Questo ortaggio è perfetto anche per le vostre insalate miste. Il suo sapore conquisterà il vostro palato e regalerà un valore aggiunto ad ogni pasto. Nel frattempo, il suo valore nutritivo rinvigorirà completamente il vostro organismo!

Per recuperare la tolleranza al nichel si deve seguire una dieta a rotazione. All’inizio mi sembrava impossibile da mettere in pratica, ma mi sbagliavo. Tenendo un diario alimentare e variando il più possibile la propria alimentazione ora si puo’ riuscire a stare veramente meglio.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Ginkgo Biloba

Ginkgo Biloba: una lunga storia di salute

Il Ginkgo Biloba è noto come un “fossile vivente” Il Ginkgo Biloba è un albero dalle grandi potenzialità, che ha una storia lunga secoli e secoli. Infatti, è una delle specie di alberi più...

Shatavari

Shatavari: una pianta che regala giovinezza e salute

Qualche cenno di storia e alcune curiosità sullo Shatavari Lo Shatavari è una pianta molto particolare, il cui nome scientifico è Asparagus Racemosus. è stata usata per secoli come un rimedio...

Tribulus

Tribulus: tutte le potenzialità di questa pianta

Tante spine e altrettante proprietà: ecco il Tribulus Il Tribulus è una pianta fuori dal comune, sia per quanto riguarda il suo aspetto che per le sue potenzialità. Infatti, è quasi...

He Shou Wu Fu Ti

He Shou Wu Fu Ti: giovinezza e longevità

Un nome particolare per una pianta dalla radice molto speciale: He Shou Wu Fu Ti La pianta He Shou Wu Fu Ti è molto utilizzata nell’ambito della Medicina Cinese. È usata da migliaia di anni e...

Epimedium

Epimedium (Horny Goat Weed): una pianta afrodisiaca

Un vegetale davvero speciale: l’ Epimedium L' Epimedium , Chiamato anche Horny Goat Weed,  fa parte della numerosa famiglia del Berberidaceae. Chi sa cosa significa “Horny Goat Weed”,...

Chaga

Il Chaga, un fungo unico e speciale

Un fungo strano, ma importante per la salute: il Chaga Ultimamente, si sente molto parlare di funghi benefici e sicuramente il Chaga è uno di questi. Non è molto affascinante e a prima vista non...

03-11-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti