Farina di arachidi, proteine, vitamine e sali minerali

farina di arachidi ChiaraZoppei

La farina di arachidi è un prodotto derivante dalla lavorazione dell’’arachide (Arachis hipogaea). E’ una pianta erbacea originaria del Sud America che, così come la conosciamo oggi, ha una probabile origine dall’ibridazione dell’Arachis duranensis e dell’Arachis ipaensis.

Generalmente conosciuta come nocciolina americana, va però specificato che l’arachide è una leguminosa e non una noce nel senso comune del termine.

Ciò che viene consumato è il seme, che si sviluppa e giunge a maturazione sotto terra. Proprio per questo motivo sono anche conosciute come nocciole di terra o ceci di terra.

In cima alla lista dei paesi produttori di arachidi, e dei relativi derivati, sono la Cina e l’india che,da sole, soddisfano quasi il 50% della richiesta modiale di questo prodotto.

A seguire compaiono la Nigeria e gli Stati Uniti.

Solitamente consumate come snack, si trovano in commercio sia con il guscio che sgusciate, spellate e molto spesso salate, ma dall’arachide vengono ottenuti derivati largamente utilizzati come la farina d’arachidi, il burro d’arachidi, l’olio di arachidi, la granella di arachidi.

La farina di arachidi, nello specifico, è prodotta sia a livello industriale che in maniera semplice e totalmente casalinga.

La produzione industriale prevede una macinatura delle arachidi dopo un attento processo di pulitura, selezione e tostatura dei semi.

Diversamente, a casa si procede utilizzando un mixer, tritando finissime le arachidi tostate che si trovano facilmente in commercio (rigorosamente non salate), private del guscio e della leggera buccia che avvolge il seme.

La farina di arachidi ha un gusto che ricorda quello delle arachidi tostate ed è quindi particolarmente incisivo.

Spesso viene utilizzata come ingrediente nella produzione di prodotti dell’industria dolciaria, nella quale viene considerata come intensificatore di sapidità e come coadiuvante per la conservazione.

Molti altri alimenti che derivano da una produzione industriali contengono farina di arachidi. Tra i più conosciuti possiamo elencare: barrette energetiche ai cereali, mix pronti per condimenti, glasse, e alcuni prodotti per l’infanzia.

Un largo utilizzo di questa farina, grazie alle sue importanti proprietà nutritive, viene impiegato anche negli allevamenti di diverso tipo di bestiame (avicoli e ittici compresi).

Completamente priva di glutine, la farina di arachidi fornisce un grande apporto proteico, vitaminico e di sali minerali. Nelle arachidi sono presenti  molte vitamine e moltissimi sali minerali.

Notevole sono anche la quantità di fibre e di calorie fornite da questo prodotto così semplice, ma così ricco.

Nonostante il grande vantaggio di essere gluten free, è necessario porre particolare attenzione riguardo all’aspetto delle allergie che le arachidi, e in conseguenza la farina prodotta con esse, possono provocare.

Va ricordato che le arachidi, come tutta la frutta secca, contengono nichel, e sono pertanto sconsigliate a chi soffre di intolleranza o allergia a questo metallo.

Recenti studi parlano di aumento di allergia alimentare alle arachidi in tenera età. La somministrazione di questo alimento (come seme, farina o altro derivato) viene sconsigliato prima dei tre anni, e va comunque introdotto con cautela nella dieta dei bambini.

Reazioni allergiche alle arachidi possono avvenire prima di tutto per ingestione, ma anche per inalazione e contatto, provocando effetti immediati più o meno gravi.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *