Polpette di riso con la Burola, pancia mia fatti capanna!

Polpette di riso
Commenti: 0 - Stampa

Un modo speciale di presentare il riso: polpette di riso con la Burola

Le polpette di riso   non sono polpette come le altre. Queste sono polpette di riso realizzate con ingredienti di primissima qualità, e nelle quali Marco d’Oggiono ha riposto tutta l’attenzione che necessita chi come me soffre di intolleranze alimentari evitando latticini derivati e polifosfati aggiunti.

Eh sì, perché è davvero difficile al giorno d’oggi trovare ingredienti davvero sani. Il riso, in genere, lo è, ma tutto quello che fa da “contorno” alle polpette, non è sempre è genuino. Ecco che, in questa ricetta, non è casuale la scelta della Burola di Marco d’Oggiono, fondatore della nota azienda a conduzione familiare fondata nel 1945, specializzata nella produzione di prosciutto di primissima qualità.

Polpette di riso con la Burola: altro che semplici polpette!

La scelta della “Burola” come anticipato, non è casuale. Trattasi di un prodotto di alta qualità, che rende le polpette molto più sane e digeribili oltre che un sapore davvero leggero e unico.

Queste polpette sono riuscite proprio gustose e  possiedono davvero un sapore speciale e caratteristico. Ecco perché rappresentano la preparazione ideale per chi intenda stupire i propri ospiti, riscuotendo un successo difficile da imitare. I piatti più semplici che diventano dei bocconcini gourmet sono le soddisfazioni migliori.

Perché le polpette di riso siano così gradite proprio a tutti resta sarà per la leggerezza, o la croccantezza della loro parte esterna, dal sapore unico, sarà per la presenza di una golosa sorpresa al suo interno, morbida e calda. Sarà perché il riso trova in questa sua versione un aspetto insolito, per altro molto pratico da consumare, che è diventato nel tempo emblema di festa.

Il riso e le sue risorse, preziose per l’uomo sin dalla notte dei tempi

Il riso, protagonista di questa ricetta, tra i più antichi cereali conosciuti dall’uomo, è consigliato da medici e nutrizionisti di tutto il mondo per via delle sue proprietà nutrizionali invidiabili, tra le quali trova posto il suo alto indice di digeribilità e la sua capacità di regolare la flora batterica.

Le polpette di riso con la Burola di Marco d’Oggiono, in quanto realizzate con riso, rappresentano una valida ed imperdibile fonte di aminoacidi essenziali, lisina, proteine di buona qualità ed acidi grassi essenziali.

Ecco una tra le tanti ragioni per prendere iniziativa e preparare questo piatto stuzzicante ma al contempo naturale e salutare… al quale è davvero difficile resistere!

Ingredienti per 4 persone

  • 160 gr di riso Basmati
  • 270 gr di Burola Marco d’Oggiono Prosciutti
  • 5 cucchiai stracolmi di farina di riso
  • q.b. sale
  • q.b. coriandolo fresco per accompagnare
  • ½ lt di olio di avocado

Preparazione

Sciacquate il riso sotto un getto di acqua corrente fredda. In una casseruola versate il riso sciacquato e copritelo completamente con acqua fredda.Salate leggermente.

Coprite la casseruola con un coperchio e lasciate cuocere fino a quando il riso non avrà assorbito tutta l’acqua. Tenete conto che ci vorranno, più o meno, 15 minuti, ma il tempo dipenderà molto dalla capacità del riso di assorbire l’acqua.

Una volta cotto il riso, trasferitelo in una terrina. Aggiungete la Burola e lavorate con una forchetta fino ad amalgamare i due ingredienti.

Bagnatevi le mani e lavorate il composto di riso e Burola, formando delle piccole polpette che abbiano all’incirca la stessa dimensione. Rotolate le polpette nella farina di riso.

In una padella portate l’olio in temperatura. Saprete che sarà pronto per friggere quando, immergendo uno stecco, questo produrrà delle bollicine d’aria.

5/5 (402 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...

Carpaccio di salmone

Carpaccio di salmone, un secondo dal gusto delicato

Carpaccio di salmone, un secondo gourmet pieno di gusto e colore Il carpaccio di salmone è un secondo dal sapore delicato, raffinato e adatto a tutti i palati. E’ anche piuttosto complesso, non...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-07-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti