Polpette ai fagioli rossi Azuki: secondo leggero e gustoso

Perché le polpette di fagioli

Ai puristi della cucina italiana, il concetto stesso di polpette di fagioli potrebbe far storcere il naso. D’altronde, la tradizione culinaria italiana impone che le polpette debbano essere realizzate con la carne, sebbene alcune ricette del meridione contemplino anche quelle con le melanzane.

Eppure le polpette di fagioli hanno il loro perché. Anzi, se cucinate bene sono veramente buone. E’ sufficiente portarli a una densità e a una granatura simile a quelle della carne macinata.

I fagioli inoltre sono capaci di sostituire la carne alla perfezione, soprattutto dal punto di vista nutrizionale. Le proteine si trovano infatti tanto nella carne quanto nei fagioli.

I fagioli rossi Azuki

Tra le tante varietà di fagioli disponibili, i rossi Azuki sono quella più indicate per realizzare le polpette. In primo luogo, perché si caratterizzano per un sapore lievemente dolciastro, che potrebbe ricordare la carne di maiale. Secondariamente perché eccellono dal punto di vista nutrizionale. Oltre al quantitativo elevato di proteine, si segnala la presenza di ferro, potassio, molibdeno (che fa bene al fegato), vitamina B, fibre.

Polpette ai fagioli rossi Azuki

I fagioli rossi Azuki, inoltre, si fanno apprezzare per la loro digeribilità, per cui sono adatti anche a chi soffre di intestino pigro e tende a evitare i fagioli comuni. Infine, vantano anche un contenuto calorico molto basso.

La cottura al forno

La particolarità delle polpette con fagioli rossi Azuki e funghi è la cottura al forno. Nella tradizione italiana, le polpette vengono generalmente fritte. Si crede, infatti, che solo la frittura possa regalare una panatura dorata e croccante.

Questa credenza corrisponde generalmente al vero, tuttavia la ricetta delle polpette di fagioli rossi Azuki è la classica eccezione che conferma la regola. L’impiego della farina di mais in luogo della normale farina di grano e del pangrattato consente la formazione di una panatura dorata, croccante, gustosa almeno quanto quella che si otterrebbe con la classica frittura.

Ecco la ricetta delle polpette con fagioli rossi Azuki e funghi

Ingredienti per 4 persone

  • 180 gr. di fagioli Azuki
  • 350 gr. di funghi champignon
  • 1 spicchio di aglio (facoltativo)
  • 1 cucchiaio di semi di coriandolo
  • pane raffermo consentito
  • 30 gr. di farina di mais
  • 1 uovo
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. sale e pepe

Preparazione

  • Per prima cosa lasciate riposare i fagioli in acqua tiepida per circa dodici ore. Dopodiché, fateli bollire per circa tre quarti d’ora. Scolate, lasciate intiepidire e infine frullate.
  • Ora occupatevi dei funghi. Puliteli accuratamente e tagliateli a dadini molto piccoli. Successivamente, fateli saltare per 5-7 minuti insieme all’olio, al coriandolo e all’aglio (facoltativo). A
  • desso è il turno del pane e del latte. Semplicemente, ammorbidite il pane nel latte e, quando è completamente morbido, strizzatelo e frantumatelo.
  • Mescolate la purea di fagioli e il pane ammorbidito dal latte in una terrina. Quando il composto si sarà amalgamato cominciate a formare le polpette con il classico movimento delle mani.
  • Passate le polpette prima nell’uovo e poi nella farina, adagiatele in una teglia con sopra della carta forno e infornate. Impostate una cottura per 20 minuti a 200 gradi. Girate le polpette a metà della cottura.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *