Acqua aromatizzata con la macedonia di frutta

acqua aromatizzata con macedonia
Commenti: 0 - Stampa

L’acqua aromatizzata con la macedonia di frutta rappresenta un importante espediente che può risultare utile per dissetarsi soprattutto durante il periodo estivo, quando si rischia davvero la disidratazione in presenza di temperature elevate. In tale eventualità, infatti, il nostro organismo ne risente tanto in quanto, attraverso la sudorazione, espelle tante sostanze minerali che devono essere rigenerate.

Il miglior modo per fare un carico di tali sostanze è ricorrere all’acqua aromatizzata con la macedonia di frutta che si caratterizza per la presenza di tanti elementi provenienti dal mondo della frutta che ci consentono di acquisire vitamine, proteine, fibre, grassi vegetali, sali minerali e tante altre sostanze indispensabili al nostro organismo. Inoltre, l’acqua aromatizzata fa molto bene a chi ha la necessità di mantenersi in forma seguendo una dieta per la riduzione del proprio peso corporeo.

Cos’è e quali sono i vantaggi dell’acqua aromatizzata con la macedonia di frutta

Chiamata dagli americani “Infused Waters”, l’acqua aromatizzata è sicuramente la novità del momento. Per prepararla occorre avere a disposizione una bottiglia in vetro oppure una caraffa, mettere in infusione l’acqua dalle 2 alle 12 ore ricavata da tanti frutti, quello che avete a portata di mano o di frutteto, in modo tale da creare una macedonia. Quest’acqua è in grado di sostituire anche i succhi di frutta garantendo tanti valori energetici di primaria rilevanza.

Acqua aromatizzata con macedonia

La bevanda può essere utilizzata anche per fare degli aperitivi gustosi e sorprendere i propri ospiti in maniera molto fantasiosa. L’acqua aromatizzata con macedonia fa molto bene alla nostra salute,  grazie ad essa si riesce ad eliminare le tossine in eccesso, generando degli effetti depurativi per il nostro organismo e agevolando l’attività del nostro metabolismo. La sua azione consente inoltre di bilanciare la pressione arteriosa. A seconda dei frutti che si trovano nella macedonia, l’acqua aromatizzata può acquisire le loro proprietà principali: per esempio, il limone agisce in modo da regolarizzare il sistema digerente e garantisce un considerevole apporto di vitamina C, proprio come i kiwi.

Questi ultimi riducono il colesterolo cattivo e sono di grande aiuto in caso di stipsi. I chicchi d’uva nera sono un ottimo antiossidante che lotta contro la proliferazione dei radicali liberi che possono causare l’insorgenza di cellule tumorali. Le pesche, grazie alla presenza dell’acido scitico, sono di grande aiuto per l’attività del nostro apparato digerente. Il cocomero è in grado di garantire una quantità  rilevante di fibre, vitamine e sali minerali, tra i quali calcio, potassio e ferro. L’albicocca, per concludere, è anch’essa ricca di vitamina A, di vitamine appartenenti al gruppo B, vitamina C, E, K e J e possiede anch’essa delle notevoli proprietà antiossidanti.

Ecco la ricetta della Acqua aromatizzata con la macedonia di frutta

Ingredienti per 1 caraffa da un litro

  • 1 litro di acqua
  • 1/2 pompelmo
  • 1/2 mela
  • 5 chicchi d’uva nera e 5 chicchi d’uva bianca
  • 1/2 fetta di cocomero
  • 1 pesca
  • 2 albicocche
  • 1/2 papaya
  • 1 kiwi
  • qualche mora, fragola e lampone
  • 1 limone
  • 20 gr di zenzero

Preparazione

Come avrete capito dal nome in questo caso l’acqua aromatizzata è stata realizzata con la frutta che ho trovato nel frigorifero e la prima cosa da fare sarà quella di pulire il tutto proprio come per fare una macedonia, ma senza togliere la buccia della frutta.

Pertanto procediamo prima lavando il tutto dopodiché sbucciamo la papaya, il kiwi e lo zenzero e tagliamoli a pezzettini, lo stesso facciamo con pompelmo, mela, cocomero, pesche, albicocche e limone.

Disponiamo il tutto sul fondo di una caraffa, aggiungiamo i chicchi d’uva e copriamo infine con l’acqua.

Lasciamo in infusione in frigorifero per 3 ore prima di servirlo in bicchieri con l’aggiunta di qualche pezzo di frutta lungo il bordo e all’interno del bicchiere stesso.

Come avrete notato questo è un’ottima idea per la cucina del recupero dove non si butta via nulla!

5/5 (379 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail lacroix con guava e ananas

Cocktail lacroix con guava e ananas, un drink...

Cocktail lacroix con guava e ananas, per un aperitivo rinfrescante Il cocktail lacroix con guava e ananas è una bevanda rinfrescante e decisamente esotica. Contiene, infatti, ben tre ingredienti...

Digestivo alla camomilla

Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il...

Tropical Punch

Tropical Punch: il cocktail che fa gola al...

È sempre la stagione giusta per gustare un buon cocktail Tropical Punch Il cocktail Tropical Punch vede messi insieme in un connubio perfetto, armonico ed equilibrato, limone ananas e rum. Come si...

Liquore alla melissa

Liquore alla melissa, una bevanda alcolica e aromatica

Le caratteristiche organolettiche del liquore alla melissa Il liquore alla melissa può essere definito come un alcolico da fine pasto. D’altronde è realizzato con una pianta officinale...

Tisana con camomilla e lavanda

Tisana con camomilla e lavanda, una bevanda salutare

Tisana con camomilla e lavanda, la bevanda della buona notte La tisana con camomilla e lavanda è all’apparenza una tisana come tutte le altre, d’altronde è realizzata con l’ingrediente...

Bevanda con aloe e frutti di bosco

Bevanda con aloe e frutti di bosco, un...

Bevanda con aloe e frutti di bosco, una combinazione perfetta La bevanda con aloe e frutti di bosco coniuga la bontà di mirtilli e dei lamponi con i vantaggi (organolettici e nutrizionali)...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-07-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti