Pappardelle alla mantovana per pranzo

Pappardelle alla mantovana
Commenti: 0 - Stampa

Un po’ sulla zeolite e la ricetta delle Pappardelle alla mantovana. La zeolite ottimo alleato contro l’intolleranza al nichel. Il nome, zeolite, a molti dirà poco o nulla. Eppure si tratta di un minerale origine vulcanica dalle molteplici proprietà benefiche.

Al punto da essere ribattezzato “spazzino dell’organismo” per la capacità di assorbire metalli pesanti, pesticidi, tossine e radicali liberi. Può contribuire dunque alla disintossicazione da sostanze dannose.

A cominciare appunto dal nichel. La zeolite è in grado di generare un effetto depurativo catturando consistenti quantità di nichel, in modo da alleviare sintomi e conseguenze connesse all’intolleranza.

Da qui la riscoperta di questo minerale che può essere assunto, dietro consiglio di un professionista, sottoforma di integratore in compresse o in polvere.

Funziona così: la zeolite attira il nichel e altri metalli presenti nei cibi, dal piombo al cadmio, grazie alla sua carica elettrica negativa. Semplificando si tratta di una sorta di spugna capace di calamitare agenti nocivi per l’organismo, depurandolo.

Può contribuire a ridurre infiammazioni croniche ed è consigliata per coloro che hanno la necessità di recuperare le forze durante un periodo di convalescenza o di particolare stress. Favorisce la capacità di concentrazione ed è un antidoto alla spossatezza perché è in grado di contrastare l’ammoniaca. Diversi studi segnalano effetti positivi sulla salute in generale, per esempio sul sistema circolatorio, sul tratto gastrico e sulla possibilità di ridurre l’iperacidità.

Pappardelle alla mantovana

Consolatevi con le pappardelle alla mantovana

Secondo gli esperti non esistono vere e proprie controindicazioni o effetti collaterali, se si esclude una leggera stitichezza che è possibile superare nel giro di pochi giorni idratandosi a dovere.

La zeolite non interferisce con i processi digestivi e per essere ancora più chiari non viene assorbita dall’intestino. Le pietre di zeolite vengono trattate attraverso un sistema di attivazione messo a punto con particolari mulini, in modo a aumentare la superficie e conferirle al minerale ulteriori proprietà.

L’origine del nome è particolarmente curiosa: significa pietra che bolle e nasce dall’incontro tra la lava incandescente e l’acqua del mare.

In passato la zeolite è stata utilizzata addirittura per attenuare la radioattività di terreni e acque contaminate: è successo 30 anni fa a Chernobyl, dove fu somministrata a bambini e adulti vittime delle radiazioni. Mentre più di recente, a Fukushima, è stata impiegata per bonificare le acque dell’oceano dopo l’incidente alla centrale nucleare.

Grazie a tutto quello che ho fatto in questi anni a partire dalla terapia chelante, alla zeolite che assumo con regolarità per finire a una dieta a rotazione oggi ho replicato la ricetta delle pappardelle alla mantovana di Alice Gorgatti e ho potuto mangiarla anche io senza grossi problemi.

Ingredienti per 4 persone

Per la pasta

  • 150 gr di farina di ceci
  • 150 gr di farina di grano saraceno bianca + q.b. per la lavorazione
  • 1 uovo + 1 albume
  • un pizzico di sale

Per la crema

  • 300 gr di zucca
  • 150 gr mostarda mantovana di mele
  • 100 gr di amaretti
  • 100 gr di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • un buon pizzico di noce moscata,
  • un pizzico di sale fino

Per il condimento

  • burro chiarificato
  • 4 rametti di rosmarino
  • amaretti
  • parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • qualche pezzetto di mostarda di frutta mista

Preparazione

Impastate le farine con le uova e l’albume sbattute leggermente a parte. Aggiungete un pizzico di sale. Proseguite ad Impastare fino a che non saranno state raccolte tutte le briciole della pasta.Risulterà un composto liscio, omogeneo e abbastanza elastico. Avvolgere il panetto formato in un foglio di pellicola e lasciare riposare.

Tagliate la zucca a pezzi, mondata dei semi, mettete in forno a 220 gradi e togliete quando, provando di tanto in tanto, la forchetta entra bene nella polpa, senza aspettare che cuocia troppo.

Lasciate raffreddare nel forno in modo che si asciughi il più possibile poi, con un cucchiaio, spolpate i pezzi lasciando la buccia e le parti indurite. Passate la polpa nel passa verdure.

La tradizione vuole che si pestino gli amaretti con un bicchiere e la mostarda venga tritata con la mezzaluna. Il liquido o sugo della mostarda viene aggiunto dopo alternandolo con gli amaretti.

Unite il tutto alla zucca e mescolate bene, poi mettete la noce moscata, il parmigiano e il sale.

Riprendete la pasta e dividete in tre parti uguali. Stendete il panetto sul piano di lavoro aiutandosi con la farina di grano saraceno bianca. Tirare la pasta a mo di sfoglia abbastanza sottile in un formato rettangolare.

Tagliate con la rotellina delle pappardelle larghe 1,5 cm in modo irregolare, e riponete la pasta su un foglio di carta assorbente o come da tradizione su uno strofinaccio.

Riempite una padella con acqua calda, fate bollire, salate e buttate le pappardelle. Dopo circa 12 minuti di cottura scolate  direttamente dalla pentola.

Stendere la crema sul piatto e riponete le pappardelle dopo averle fatte passare in una padella antiaderente con burro salato e rosmarino. Fate saltare per qualche minuto dopodichè riponete a nido sul letto di crema.

Sbriciolate grossolanamente gli amaretti sul piatto e aggiungete il rosmarino mondato finemente. Aggiungete qualche pezzetto di mostarda per finire il tutto. Una spolverata di parmigiano reggiano a piacere.

5/5 (428 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-03-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti