logo_print

Insalata di lenticchie e mele: un’alternativa

Insalata di lenticchie e mele
Stampa

Insalata di lenticchie e mele. Nell’immaginario collettivo insalata sta per contorno a base di lattuga o altri ingredienti a foglia verde. Ma chi lo dice? Prova l’ Insalata di lenticchie e mele

Si tratta di un assunto che può facilmente essere messo in discussione: l’insalata è una pietanza composta da più ingredienti, certo, di solito viene utilizzata la verdura, ma ciò non significa che non ci si possa avvalere altresì di altri ingredienti altrettanto salutari.

Quali? Lenticchie e mele, ad esempio, si rivelano inaspettatamente adatte alla realizzazione di un’insalata sui generis, particolare, assolutamente unica.

Un’insalata tutta sapore dalle grandi proprietà remineralizzanti ed antiossidanti unica nel suo genere. Niente male per essere semplicemente un contorno … vero?

Lenticchie: miniera di ferro e proteine allo stato puro

Miniera di fosforo e ferro, le lenticchie, anche note un tempo come cibo dei poveri, rappresentano un alimento particolarmente nutriente, adatto a tutti, ed in particolare, per via del loro notevole apporto di fibre, agli anziani ed a coloro che soffrono di problemi gastrointestinali.

Ma le magiche proprietà di questi preziosi legumi non finiscono qui: le lenticchie sono infatti particolarmente indicate nella prevenzione dell’arteriosclerosi, potendosi annoverare i -già pochi- grassi in esse contenuti tra quelli di tipo insaturo.

Una curiosità: sorprenderà forse sapere che le proprietà nutritive delle lenticchie variano in base alla loro conservazione. Nelle lenticchie secche, ad esempio, la quantità di calcio è sensibilmente maggiore b come accade per le fibre.

Mela: il frutto che … di meglio non c’è

Contemplata finanche nelle antiche scritture, la mela rappresenta il frutto in assoluto più antico del mondo. Precursore di tutta l’altra frutta oggi a noi nota, anche molto variegata, essa persevera nella sua lunga tradizione.

Decantata da tutti i medici del mondo e citata in molti proverbi … che si tratti di una casualità?

Non lo è, e la ragione è da ricondurre al suo preziosissimo apporto di sostanze a buon diritto considerate terapeutiche.

Le mele sono ricchissime di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, nonché di vitamina C ed E. Esse sono in grado di mantenere sotto controllo la glicemia, abbassare il colesterolo cattivo contestualmente favorendo la produzione di quello buono in tempi, per altro, inaspettatamente brevi.

Conosciamo nel dettaglio ingredienti e preparazione di questa favolosa insalata alternativa.

Ed ecco la ricetta dell’ Insalata di lenticchie e mele

Ingredienti per 4 persone

  • 220 gr lenticchie
  • 3 mele
  • qualche filo di  erba cipollina
  • il succo di 2 limoni
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Mettete in ammollo per una notte le lenticchie in abbondante acqua.

Mettetele in una pentola con acqua fredda salata e fate cuocere per circa 40 minuti.  Una volta cotta, scolate e sciacquate sotto l’acqua fredda.

Sbucciate le mele, togliete il torsolo e tagliatele a bastoncini. Per non farle annerire marinatele in una vinaigrette fatta con il succo di limone, l’olio e il sale.

In un’insalatiera unite le mele e le lenticchie e condite con la vinaigrette preparata. Decorate con qualche filo di erba cipollina e servite.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


21-01-2016
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti