Sintomi intolleranze alimentari: scopriamoli insieme.

Per anni ho combattuto in prima persona i disagi delle intolleranze alimentari. Avevo sintomi che il medico condotto (e non solo…) è riuscito a identificare e diagnosticare. Emicranie, disturbi gastrointestinali, problemi cutanei: tutti sintomi delle intolleranze alimentari che è importante imparare a conoscere e riconoscere.

In questo post, vorrei mettere a disposizione di tutti l’esperienza personale e quella dei tanti medici specialistici con cui negli anni mi sono confrontata, approfondendo i sintomi delle intolleranze alimentari: scopriamoli insieme!

I sintomi delle intolleranze: caratteristiche generali

I sintomi delle intolleranze alimentari sono essenzialmente gli stessi di cui soffrono gli allergici, con queste differenze:

  • si manifestano cronicamente
  • si presentano in maniera meno evidente
  • sono meno acuti

Solitamente i sintomi si cominciano ad affacciare mezz’ora dopo il pasto e, in alcuni casi, possono prolungarsi fino a 48 ore dopo: conosciamoli nel dettaglio.

 

sintomi-intolleranza-alimentare-glutine

1. Disturbi dell’apparato digestivo

A questa categoria appartengono molti sintomi: pancia gonfia (meteorismo), colite e stitichezza a livello intestinale tra i tanti. Si potrebbero verificare anche fenomeni sintomi più acuti che interessano nello specifico lo stomaco come il reflusso gastroesofageo, gastrite o anche inappetenza ed eccessivo appetito.

2. Problemi cutanei

Le eruzioni cutanee in generale, tra le quali l’acne che conosciamo tutti, sono tra i sintomi più diffusi di chi soffre di intolleranze alimentari. Si verificano però altrettanto spesso eczemi, dermatiti, orticaria e prurito.

3. Disturbi respiratori

Congestioni nasali frequenti, sinusiti e in alcuni casi anche bronchiti e difficoltà a respirare sono solo alcune dei disturbi respiratori causati dalle intolleranze alimentari.

4. Emicranee frequenti e stanchezza

Dopo aver consumato i pasti, se sistematicamente soffri di emicranee o cefalee oppure fai un enorme fatica a concentrarti e hai sonnolenza potresti essere intollerante a qualche alimento. Fanno parte di questa categoria anche diversi disagi emotivi, come frequenti stati d’ansia e malumore.

5. Dolori ossei e muscolari

Soffri di artrite, crampi e hai spesso delle piccole contrazioni involontarie dei muscoli? Tutto ciò potrebbe essere causato da una intolleranza alimentare.

6. Sintomi cardiaci e malattie autoimmuni

Fanno parte di questa categoria contrazioni cardiache non regolari (extrasistole), tachicardia e palpitazioni. Altrettanto frequenti sono invece i casi di malattie autoimmuni, ovvero tutte quelle patologie al quale il nostro organismo non riesce a contrastare come la psioriasi o l’artride reumatoide.

7. Disturbi genito-urinari

In alcuni casi le intolleranze alimentari possono causare cistiti, candidasi e addirittura anche difficoltà di concepimento.

8. Difficoltà a perdere peso

Può capitare che nonostante osservi una rigida dieta alimentare, l’ago della bilancia non ne vuole proprio sapere di scendere: se sei intollerante ad un determinato nutriente che nella tua dieta dimagrante è compreso, può accadere di non riuscire a perdere peso.

sintomi-intolleranza-alimentare-peso

Le cause delle intolleranze e un test per scoprirle

Tutte questi sintomi così diversi in realtà hanno in comune un’unica causa: l’infiammazione da cibo. Infatti quando mangiamo un alimento al quale siamo intolleranti, il nostro organismo riconosce quest’ultimo come una minaccia e difendendosi, innesca questi sintomi.

Condividi!

4 commenti a “Sintomi intolleranze alimentari: scopriamoli insieme.

  1. Simona

    ciao io ho fatto molte volte tutti i test per le intolleranze,anche quelli del sangue e tutti sono sempre risultati uguali,in pratica sono intollerante a tutto…. Premetto che da 4 anni mi è stata diagnosticata un’orticaria gigante cronica dovuta al sistema immunitario impazzito senza riuscire a trovarmi una cura adeguata. Come ultima cosa sono andata dalla naturopata, lei mi ha detto che io non ho nessun tipo di intolleranza,ma che il mio intestino e’ talmente infiammato che qualsiasi cosa io ingoi il mio organismo per difesa la rifiuta…. Sono sincera io non so più a chi credere e se credere perché in questi anni ho speso un sacco di soldi, girato ospedali, fatto analisi su analisi….. Insomma mi hanno ribaltata come un calzino ma ognuno dice la sua che non combacia con quella dell’ altro e così via. Ora mi appello a voi… Tentar non nuoce. Se qualcuno mi può aiutare perché sono veramente arrivata allo stremo. Grazie.

    1. Tiziana Autore articolo

      Buongiorno Simona, io ho fatto la palla rimbalzina per molto tempo e ogni medico mi ha dato la sua cura e il suo parere senza mai arrivare a capo di nulla. La mia storia è pubblica oramai e lo sanno tutti che ora dopo la rotazione seguita rigorosamente, dopo una terapia chelante e molta attenzione e conoscenza su cio’ che mangio, ora posso dire di stare bene. La cosa più importante è che non prendo piu cortisonici, antinfiammatori e analgesici. Spero di poterle esserle di aiuto e resto a disposizione.

    1. Tiziana Autore articolo

      Liliana buonasera, la ringrazio per le sue parole. Sono delle grandi soddisfazioni per me.

      Per il test telefoni all’ Istituto Di Medicina Biologica. tel: 02 5830 0670 e chieda della dr.ssa Carassai.

      Dica che segue Nonnapaperina…. Buona salute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *