Tagliatelle con farina di fagioli, aglio, olio e bottarga

Tagliatelle con farina di fagioli
Commenti: 3 - Stampa

Tutta la bontà e il nutrimento delle tagliatelle con farina di fagioli

Le tagliatelle con farina di fagioli, aglio, olio e bottarga si presentano come un primo piatto davvero ricco di sostanza e nutrimento. Sazianti e dotati di un particolare mix di gusto, ci regalano una potente esperienza culinaria, data in particolare dalla bottarga, ovvero un alimento prelibato, preparato con uova di pesce (precisamente del muggine o di tonno, mettendo a disposizione due varianti differenti), che vengono essiccate e salate secondo la tradizione.

Naturalmente, anche gli altri ingredienti hanno i loro meriti e, in particolare, vorrei parlarvi della pasta utilizzata per questa ricetta.

Le principali caratteristiche di queste tagliatelle

Ovviamente, vengono realizzate con la farina di fagioli. Pertanto, è principalmente di questo alimento che vorrei parlarvi. Si ottiene dalla macinazione a pietra dei fagioli crudi ed essiccati, che ci propone una farina molto fine e a basso indice glicemico, ricca di proteine, fibre e carboidrati. Priva di glutine, è idonea per una alimentazione gluten-free e, al contrario delle altre farine senza glutine ma ricche di amido e a rapido assorbimento, questa favorisce la diminuzione del peso e allontana il rischio di malattie metaboliche.

Tagliatelle con farina di fagioli

Il basso indice glicemico della farina di fagioli fa sì che questa pasta non scuocia e che sia indicata anche nella dieta delle persone affette da diabete, nonché in quella delle persone che soffrono di obesità e di coloro che hanno i trigliceridi alti. Inoltre, non fa ingrassare e propone gusto e profumo eccellenti che, in un primo come quello a base di tagliatelle con farina di fagioli, aglio, olio e bottarga, risultano ancora più esaltati e inebrianti.

I suoi principi nutritivi ad alto valore biologico, apportano una notevole quantità di energia nell’organismo e l’alto contenuto di fibre è un toccasana per l’intestino. La farina di fagioli cruda è ricca di vitamine del gruppo B, che però vengono perse parzialmente durante la cottura. È anche una valida fonte di potassio, di fosforo, di calcio, di magnesio, di ferro, di zinco e di selenio: tutti elementi essenziali e importantissimi per il nostro benessere.

Le tagliatelle con farina di fagioli, aglio, olio e bottarga a Villa Crespi

In pratica, questa farina è ottima e possiamo utilizzarla in vari modi. Ad esempio, oltre che per la preparazione della pasta, è l’ideale per realizzare creme,  zuppe, dolci e pasta fresca Se poi viene utilizzata dai grandi chef, acquisisce ancor più valore, sia a livello nutrizionale che culinario!

Infatti, la ricetta delle tagliatelle con farina di fagioli, aglio, olio e bottarga l’ho conosciuta da Cannavacciuolo a Villa Crespi. Ho assaporato questo piatto e sono rimasta così impressionata che mi sono ripromessa di farla a casa. Il risultato è stato davvero strepitoso ed è piaciuta a tutti!

Ingredienti per 4/6 persone

per la pasta:

  • 500 gr. di farina di fagioli,
  • 6 uova,
  • q.b. di acqua,
  • q.b. di olio d’oliva extravergine,
  • q.b. di sale.

 per condire:

  • 2 spicchi d’aglio,
  • 50 gr. di bottarga,
  • 1 limone,
  • 1 ciuffo di prezzemolo,
  • q.b olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale.

Preparazione

pasta:

Disponete la f a­rinadi fagioli a fontana sulla spianatoia, aggiungete una pre­sa di sale, le uova leggermente sbattute, quindi lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto liscio e omo­geneo.
Coprite con una pellicola e la­sciate riposare per 30 minuti.

Tirate la pasta in una sfoglia molto sottile, e tagliate delle tagliatelle di circa mezzo centimetro. Mano a mano prendiamo i fili di pasta e li giriamo a forma di nido. Disponete le tagliatelle su un vassoio infarinato per farle asciugare.

In una pentola di acqua bollente con il sale fate cuocere le tagliatelle.

condimento:

Nel frattempo, in un tegame mettete l’aglio con l’olio, lasciatelo insaporire, e aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e mettete nel tegame la scorza di limone tagliata a listarelle.

Scolate le tagliatelle, versatele nel tegame con l’olio e il limone, lasciate insaporire qualche istante, poi aggiungete la bottarga grattugiata e un trito di prezzemolo.
Spadellate per qualche istante e servite le tagliatelle fumanti.

5/5 (498 Recensioni)
CONDIVIDI SU

3 commenti su “Tagliatelle con farina di fagioli, aglio, olio e bottarga

  • Ven 3 Lug 2015 | Giuseppina ha detto:

    Buongiorno!
    Ragazzi che forza, le vostre ricette sono fantastiche!
    Questo non è solo mangiare, ma…nutrirsi! Siete forti! Grazie a Tiziana Colombo che ha scovato queste eccellenze e ce le fa conoscere!
    Un grazie a tutti,
    Giuseppina

  • Dom 25 Ott 2015 | domenico ha detto:

    Salve, ma quante calorie ha la suddetta pasta?Grazie.

    • Dom 25 Ott 2015 | Tiziana ha detto:

      Sinceramente non ne ho idea….ma so dirti che sono ottime!!!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-04-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti