Confettura di ribes, un vero toccasana!

Confettura di ribes

La confettura di ribes è ottima sotto ogni punto di vista!

Provare per credere: non tutti conoscono la confettura di ribes, ma sono convinta che chi la prova una volta non può più rinunciare al suo sapore zuccherino e al suo fantastico profumo! Infatti ha un gusto particolare e coinvolgente, originale e in grado di conquistare tutti, indipendentemente dall’età. Perfetta a colazione e a merenda, potrete prepararla con le vostre mani, portando in tavola un mix di bontà e genuinità.

Il ribes, un po’ come tutti i frutti di bosco,  è una autentica miniera di antiossidanti, utili per rallentare il processo d’invecchiamento e ostacolare le malattie a cui si accompagna. Tuttavia, i suoi benefici non finiscono qui e, prima di metterci all’opera, vorrei raccontarvi un po’ di più riguardo questa piccola bacca…

Le proprietà da non sottovalutare

Questo frutto è un vero concentrato di salute e giovinezza, per tutto il corpo e per ognuno di noi. Come abbiamo detto, è infatti ricco di antiossidanti, che ci proteggono e ci mantengono giovani. Bisogna considerare inoltre che abbiamo a che fare con un vero e proprio toccasana per il micro-circolo, che rinvigorisce in sinergia con la vitamina C,  allontanando i problemi di fragilità ed eccessiva permeabilità capillare.

Pertanto, anche la confettura di ribes potrà regalarvi effetti benefici e, a questo proposito, dobbiamo considerare persino le proprietà antinfiammatorie e disintossicanti.  Il ribes rosso trova applicazione nei più svariati rimedi della nonna, soprattutto quelli legati alla disintossicazione e alla pulizia dell’organismo. Ha anche proprietà diuretiche e viene quindi utilizzato per la preparazione di tisane.

Confettura di ribes

Questo frutto è composto principalmente da acqua, fibre, proteine e zuccheri naturali, e ci offre un valido apporto di ferro, manganese, zinco, potassio calcio, magnesio, fosforo e vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C e K. Secondo gli studi, questo alimento è in grado di stimolare il sistema immunitario e favorisce la salute di pelle, occhi, ossa e apparato gastrointestinale.

A merenda con un’ottima confettura di ribes!

Spero proprio di avervi dato tanti buoni motivi per preparare e assaporare questa marmellata. Se avete la possibilità di acquistare dei ribes biologici o di raccoglierli direttamente nel bosco o in campagna, vedrete che il risultato sarà ancor più perfetto, saporito e soddisfacente anche per quanto riguarda la consistenza.

Con la confettura di ribes, potrete portare in tavola una merenda nutriente e gustosa, ma anche una colazione capace di darvi una spinta di energia e vitalità! Non vi sembrano buoni presupposti? Non vi resta che provare!

Ingredienti per 1 kg confettura

  • 1 kg ribes
  • 600 gr malto di riso
  • 1 cucchiaino agar agar
  • 2 limoni
  • q.b. timo limonato

Preparazione

Preparate i vasi puliti e sterilizzati. Sgranate il ribes, lavate i chicchi e asciugateli. Metteteli a bollire in una casseruola con il malto di riso, il succo di limone e il timo limonato,- Spegnete il fuoco e incoperchiate.

Lasciate riposare un giorno intero prima di passare il tutto in un colino a maglie fini, aggiungere l’agar agar e rimettete la casseruola sul fuoco. Fate cuocere fino a quando ha raggiunto la densita desiderata.
Per verificare lo stato della cottura fate la solita prova del piattino.

Riempite i vasi, tappateli e capovolgeteli a testa in giu e lasciateli raffreddare prima di metterli in dispensa a riposare per circa 15 giorni prima di usarla per i vostri dolcetti.


Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


22-10-2014
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti