Pomodori secchi ripieni e l’antipasto è sempre pronto

Dall’orto a un antipasto gustoso a base di pomodori secchi ripieni

Quest’anno, il nostro orto ha prodotto pomodori in quantità industriale! Un po’ li abbiamo usati per fare la salsa per tutto l’inverno, un po’ li abbiamo fatti in insalata o ripieni, e un po’ li abbiamo conservati in un altro modo come ci ha consigliato la zia Zella, che aveva insegnato a mia sorella a farli essiccare. Così è nata anche l’idea dei pomodori secchi ripieni di cui vi voglio parlare oggi.

Gustosi e genuini, si presentano come un antipasto perfetto, ma anche come un valido contorno. Naturalmente, preparati in casa sono molto più buoni di quelli che compriamo già fatti e ci danno molta più soddisfazione. Per tutte queste ragioni, ho deciso di condividere la ricetta e la mia esperienza con tutti voi.

Ecco quello che abbiamo fatto…

Abbiamo preso dei pomodori maturi e sani, li abbiamo lavati bene, tagliati per lungo, cosparsi di sale e disposti sulle griglie dell’essiccatore . Le qualità più adatte per la preparazione di oggi, sono il datterino, il ciliegino, il piccadilly e il San Marzano, e in ogni caso lo spessore del pomodoro tagliato a metà non dovrebbe essere superiore a un centimetro. Giù a Bitonto, la zia fa l’essiccazione dei pomodori al sole, ma anche nel forno si ottengono dei buoni risultati.

Seguite anche voi i precedenti passaggi e, quando serve, rinvenite gli ortaggi secchi e immergeteli in una miscela di acqua calda e aceto per circa mezz’ora. Solitamente, va messa la stessa proporzione di liquidi e di pomodori. Questi sono i primi passi per preparare i pomodori secchi ripieni. Io utilizzo l’aceto di riso e questo trucchetto serve a non coprire troppo il sapore delicato del pomodoro.

Pomodori secchi ripieni

Oltre a conferire un buon aroma ai pomodori, l’aceto è indispensabile per creare un ambiente acido, che aiuta a scongiurare da ogni pericolo di eventuale contaminazione. Sempre la zia Zella, ci ha indicato come conservare i pomodori secchi, ma anche già ripieni. Dice che sono ottimi serviti con l’aperitivo, serviti su crostini di pane e decorati a piacere con foglie di basilico. Sicuramente, non ha torto… Li abbiamo provati e si sono rivelati un successo!

Pomodori secchi ripieni: le proprietà e il nutrimento

A questo punto, non mi resta che dirvi brevemente cosa state portando in tavola. Sì, naturalmente una grande bontà, ma anche ottimi nutrienti, quali vitamine, minerali e antiossidanti. Secondo recenti ricerche, condotte all’Università di Montreal, un’alimentazione ricca di pomodori può aiutare a ridurre i rischi di tumore al pancreas. Questo è principalmente dovuto alla presenza del licopene all’interno di questo ortaggio.

Ed ecco la ricetta dei  pomodori secchi ripieni

Ingredienti per 4 vasi da 250 gr. cad.

  • 800 gr di pomodori secchi
  • 8 dl di aceto di vino bianco
  • 100 gr di olive nere snocciolate
  • 2 cucchiai di capperi sottaceto
  • qualche acciuga sott’olio
  • q.b. origano fresco
  • 3 dl olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di sale grosso

Preparazione

Sciacquate i pomodori secchi, poi sbollentateli per 2 minuti nell’aceto, miscelato con 2 dl di acqua e 2 cucchiai di sale. Sgocciolateli e lasciateli asciugare bene su un telo di lino.

Tritate le olive, le acciughe,i capperi sgocciolati e l ‘origano, ben lavato e asciugato. Su metà dei pomodori mettete un poco del composto, poi copriteli con i pomodori rimasti.

Sistemateli nei barattoli, versate l’olio, agitate leggermente per fare uscire tutte le bolle d’aria, quindi sigillate con il tappo. Sterilizzate facendo bollire per 20 minuti i barattoli, completamente coperti d’acqua. Fate raffreddare, asciugate i barattoli e applicate l’etichetta con la data di preparazione. Lasciate insaporire 4-5 giorni.

I pomodori secchi si mantengono bene per 2-3 mesi in un luogo fresco, asciutto e buio. Una volta aperti, bisogna tenerli in frigorifero e consumarli entro 7 giorni.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Un commento a “Pomodori secchi ripieni e l’antipasto è sempre pronto

  1. Pingback: Potassio, minerale fondamentale per la salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *