Tempo di vacanze! Involtini di bresaola e caprino

Involtini di bresaola e caprino
Commenti: 0 - Stampa

Tempo di vacanze! Involtini di bresaola e caprino. La salute non è un gioco e gli alimenti, sono come medicine per il nostro organismo! Nel I secolo a.C. già Ippocrate, padre della medicina e uno dei pionieri del concetto di “dieta”, aveva parlato di intolleranza agli alimenti. Solo negli ultimi decenni la comunità scientifica ha finalmente riconosciuto l’allergologia alimentare come un settore della medicina ma, nell’opinione comune, c’è molta confusione tra allergie e intolleranze alimentari.

I sintomi legati all’intolleranza (cefalea, diarrea, stipsi, stanchezza cronica, gonfiore addominale, difficoltà di dimagrimento, eruzioni cutanee, ecc.) possono insorgere dopo ore o giorni (fino a 72 ore) dall’assunzione di una determinata sostanza. L’allergia alimentare si manifesta con reazioni diverse e immediate.

È tempo di vacanze e le allergie o intolleranza non sono di certo una buona compagnia per i viaggiatori o per chi cerca un pò di relax! È quindi importante scegliere il luogo giusto in cui trascorrere le vostre giornate e magari farvi guidare da uno specialista nella scelta degli alimenti più appropriati prima della partenza.

Se sospettate di essere intolleranti ad un alimento è consigliato, prima della partenza, eseguire un test per le intolleranze alimentari in modo da conoscere esattamente quali sono i cibi “non tollerati” dal vostro organismo. Dopodichè è bene rivolgersi ad un esperto che potrà quindi indicarvi, anche in base alla vostra meta, il tipo di alimentazione da seguire durante le vostre vacanze così da evitare spiacevoli sintomi in un momento di meritato e tanto atteso riposo!

Un piatto semplice e veloce da preparare

Una volta venuti a conoscenza dei cibi a cui si è intolleranti e in funzione della sintomatologia presente, il nutrizionista vi guiderà nella scelta di un’alimentazione personalizzata. Pe chi ha sintomi da intolleranza è bene organizzare le vacanze in modo da essere sicuri di potere seguire un’alimentazione completa e soprattutto varia perchè gli “accumuli” peggiorano la sintomatologia! Meglio evitare l’utilizzo giornaliero degli stessi alimenti e soprattutto di quelli responsabili delle più comuni intolleranze come latte/latticini, frumento,nichel, ecc.

Se alloggiate in un appartamento o residence, dedicate un pò di tempo alla vostra salute facendo una spesa ragionata, ricca di alimenti freschi e di stagione altrimenti cercate di recarvi in hotel e villaggi turistici in cui sia presente una cucina semplice e sana (oggi si trovano alloggi e agriturismi dedicati ad una cucina genuina e biologica)! Nelle mete di montagna ad esempio è ormai facile reperire hotel-che vantano una tradizionale gastronomia fatta di piatti leggeri, freschi e gustosi, indispensabili per sentirsi bene sotto ogni aspetto.

In caso di sintomatologie marcate meglio scegliere dimore e alloggi (hotel, residence, villaggi turistici) in cui si possono trovare spazi “dedicati agli intolleranti”, ad esempio con pane e grissini speciali (esempio nel caso di intolleranza al frumento o glutine), piatti privi di latticini o ancora piatti privi di alimenti contenenti nichel. Non abbiate paura, si tratta di menù paralleli altrettanto gustosi e identici nel gusto a quelli tradizionali.

La prima fase di uno schema alimentare specifico per un determinato tipo di intolleranza prevede la riduzione o sospensione degli alimenti verso cui è risultata una sensibilità. Il periodo di eliminazione degli “alimenti non tollerati” verrà indicato dallo specialista in base ai sintomi ma, eventualmente, anche in funzione del tempo che intendete restare nella meta vacanziera prescelta. Vi garantisco che con un pò di fantasia.

Involtini di bresaola e caprino per un antipasto leggero

Se ad esempio intendete spostarvi verso le fresche montagne è bene non assumere ogni giorno piatti a base di latticini (canederli di formaggio, pizzoccheri, piatto di formaggi misti, pane con burro, ecc.) perchè l’intolleranza al lattosio o alle proteine del latte è tra le più frequenti e spesso è associata a sintomi fastidiosi come la diarrea. Anche i salumi contengono latte in polvere oltre ad essere un ricettacolo di allergeni e grassi…se siete in montagna quindi ricordatevi anche della verdura, dei legumi e della frutta!

A tal proposito ricordate che i frutti di bosco sono ricchi di nutrienti importanti oltre ad essere ottimi antiossidanti. Attenzione però,  sei siete intolleranti ai Salicilati (alimenti che contengono acido salicilico) allora non abbuffate di more, mirtilli e lamponi che trovate sui sentieri delle vostre passeggiate! Se invece è risultata un’intolleranza agli alimenti contenenti Nickel, allora evitate il più possibile i cibi in scatole, patate, farine integrali (polenta, pane integrali, ecc.) e di grano saraceno (esempio pizzoccheri).

Qualunque sia la vostra meta per le ormai prossime vacanze, sarebbe auspicabile che ciascuno riscoprisse l’importanza di ogni singolo alimento che la natura ha messo a nostra disposizione! La vitalità, la freschezza, la genuinità dei cibi e una dieta varia sono un presupposto fondamentale per stare bene. È bene ricordare infatti quanto sia importante seguire una dieta variata, colorata, saporita (non solo dal sale!), speziata, profumata e allegra, soprattutto in vacanza dove sia ha più tempo per dedicarsi al proprio benessere psico-fisico. Anche in questa fase potrete gustare piatti gustosi, freschi e originali! Si procederà in seguito alla reintroduzione controllata di tutti gli alimenti e… buone vacanze!

Prepariamoci alle vacanze

Si comincia dalla prima colazione, con un angolo riservato per evitare ogni tipo di contaminazione per chi soffre di intolleranze alimentari. Marmellate e confetture fatte in casa, dolci della casa, pane fresco, fette biscottate, frollini, muesli, corn flakes, succhi di frutta e tostapane privato garantiscono un breakfast sano e senza rischi! Sono presenti anche yogurt, salumi, burro e formaggi certificati senza glutine.

Questi Involtini di bresaola e caprino sono una ricetta semplicissima e veloce, adatta anche a chi è alle prime armi in cucina. Possono essere assemblati pure all’ultimo momento, come antipasto sfizioso da servire con uno spumantino. Potete usare anche la ricotta al po-sto del caprino e sostituire la bresaola con il prosciutto crudo o cotto.

Ed ecco la ricetta degli Involtini di bresaola e caprino

Ingredienti per 4 persone

  • 100 gr. di bresaola
  • 100 gr. di caprino consentito
  • qualche olive verdi denocciolate
  • 1 cucchiaio di bacche di pepe rosa
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • il succo di ½ limone
  • q.b. sale

Preparazione

Lavorate il caprino fino a trasformarlo in una crema morbida; quindi salate e unite le olive tritate a coltello, aggiungendo un filo di olio extravergine d’oliva e qualche bacca di pepe rosa. Con il composto ottenuto farcite le fette di bresaola richiudendole in piccoli involtini.
Al momento di servirli versate un filo d’olio e del succo di limone, accompagnando magari con una bella ciotola d’insalata.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-08-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti