Frittelle di scarola: gusto e creatività

Frittelle di scarola
Commenti: 0 - Stampa

Oggi voglio parlarvi di una ricetta speciale e perfetta per chi ha appena abbracciato la dieta vegetariana, le frittelle di scarola. Le frittelle si prestano sempre benissimo quando si tratta di mettere mano alla creatività e di dare corpo a piatti unici, capaci di stupire gli ospiti durante una cena e, soprattutto, di regalare soddisfazioni a chi li prepara.

Le frittelle di scarola rispondono perfettamente a questa descrizione. E oggi voglio darvi qualche rapido consiglio per prepararle al meglio!

Frittelle di Scarola: ecco come scegliere l’insalata

Per preparare queste frittelle dovete prima di tutto scegliere la scarola migliore. Come si fa? Non è per nulla difficile! Basta puntare su opzioni con foglie dal colore brillante e dalla consistenza il più carnosa possibile.

Questa regola vale a prescindere dalla varietà di scarola. Le alternative sono due, la più classica crispum e la latifolium, ciascuna caratterizzata dalla presenza di ulteriori sotto varietà.

Un altro consiglio per dare il meglio nella preparazione di queste frittelle consiste nel pulire l’insalata eliminando eventuali foglie esterne rovinate e passandola sotto il getto dell’acqua. Lo step successivo prevede l’asciugatura tramite l’apposita centrifuga. Lo so, sono piccoli accorgimenti, ma possono cambiare la vita quando si sta in cucina!

La preparazione di queste frittelle prevede l’utilizzo della farina di riso, un alimento sano e completo. Conoscete tutte le sue proprietà? No? Nessun problema, perché possiamo ripassarle assieme. Partendo con il ricordare la presenza di un’importante quantità di vitamina B, il che rende la sua assunzione molto efficace quando si tratta di migliorare l’efficienza del sistema immunitario.

Perfetta per chi soffre di celiachia, la farina di riso è un’ottima alternativa anche quando si punta a rendere i dolci particolarmente soffici senza alterarne il gusto finale. L’assunzione di farina di riso non è consigliata solamente a chi soffre di cattivo assorbimento del glutine.

Questo alimento, grazie alla presenza di fibre, è consigliabile anche quando si punta a perdere peso, dal momento che le sostanze in questione contribuiscono in maniera notevole al miglioramento della funzionalità intestinale.

Utilizzata anche in campo cosmetico per combattere le infiammazioni della pelle, la farina di riso è un ingrediente che non poteva mancare in un piatto come questo, perfetto sia per chi è vegetariano, sia per chi non vuole rinunciare al gusto e nel contempo tenere sotto controllo il problema della celiachia!

Cosa ne dite, vi ho convinto a preparare queste frittelle di scarola?

Ingredienti per 4 persone

  • 2cespi scarola
  • 50 gr farina riso
  • 1 bicchiere acqua gasata fredda
  • 1 cucchiaino lievito
  • 3 cucchiai di olio extravergine oliva
  • q.b. sale marino integrale

Preparazione

Mondate la scarola, lavatela e tagliatela a listarelle larghe circa 2 cm. Mettetela in una padella con acqua bollente salata per alcuni minuti, fino a che risulterà morbida, quindi scolala.

Versa la farina di riso in una terrina e aggiungete l’acqua gasata fredda a filo, mescolando continuamente con una forchetta e unendo anche un pizzico di sale.

Versate le scarole scolate e asciugate nella pastella e amalgamate bene il composto. Friggete le scarole a cucchiaiate, in una pentola con abbondante olio, poi adagiate i le frittelle su carta assorbente affinché perdano l’unto in eccesso. Servitele calde in tavola.

5/5 (465 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petti di quaglia con uva rosata

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo...

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo dagli abbinamenti suggestivi I petti di quaglia con uva rosata sono un secondo che rompe gli schemi e stupisce sia per il gusto che per la raffinatezza...

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è una ricetta simbolo della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti