bg header
logo_print

Zabaione al barolo con amaretti per dare energia

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Zabaione al barolo con amaretti
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 3 ore 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Zabaione al barolo con amaretti e sai cosa bevi!

Zabaione al barolo con amaretti per dare energia. Lo zabaione è facilissimo da preparare ma il risultato è sublime. Lo zabaione  ha il raro pregio di essere un dolce squisito privo di glutine e di lattosio!

Io reputo lo zabaione una versione moderna dell “rusumada” che era con vino rosso, di quello buono, si aggiungevano quattro uova freschissime ed altrettanti cucchiai di zucchero: bastava veramente poco per avere a disposizione una delle bevande più dissetanti ed energetiche.

Il mio papà quando tornava stanco dal lavoro e non aveva mangiato voleva che la preparavamo ed io non l’ho mai sopportata.

Puo’ essere consumato da solo sia freddo che caldo, oppure può essere accompagnato da biscotti secchi, tipo gli amaretti o le lingue di gatto, ma può anche essere mescolata alla panna montata per farcire torte o piccola pasticceria.

Tradizionalmente si prepara mescolando i tuorli d’uovo con lo zucchero e un vino liquoroso, per esempio Marsala, Madera, Sherry, Porto o un qualunque vino passito. Si possono usare anche vini secchi come Barbera o Nebbiolo o Barolo.

Ricetta zabaione al barolo

Preparazione zabaione al barolo

Sbattete in una casseruola i tuorli d’uovo con lo zucchero fino a ottenere un compo­sto spumoso. Unite, poco alla volta, il baro­lo e continuate a rigirare con una frusta.

Ponete il recipiente sul fuoco a bagno­maria, tenendo dolce la fiamma. Ripren­dete a mescolare e aspettate che lo zabaio­ne cominci ad addensarsi aumentando di volume. Ricordate che lo zabaione non de­ve mai bollire ma solo sobbollire.

Quand’è pronto, toglietelo dal fuoco c la­sciatelo raffreddare nel recipiente di cot­tura.

Inzuppate gli amaretti nella grappa, distribuiteli in quattro coppette e ricopri­teli con lo zabaione. Mettete le coppette in frigorifero per 2 o 3 ore. fino al momento di servire.

L’aggiunta di una punta di cucchiaino di maizena evita il pericolo che lo zabaione smonti durante la cottura. Potete cuocere, per comodità, anche in un tegamino col manico lungo, che impugnerete durante la cottura a bagnomaria.

Tempo occorrente: 20 minuti circa più il tempo per raffreddare lo zabaione in frigorifero

Ingredienti zabaione al barolo

  • 6 tuorli d’uovo freschissime
  • 6 cucchiai di zucchero
  • 1 bicchiere di barolo
  • 1 bicchiere di grappa al barolo
  • 12 amaretti consentiti.

Zabaione al barolo con amaretti: ricco di storia

Lo zabaione, noto anche come sabayon, è una crema dolce e spumosa, amata per il suo gusto ricco e la texture leggera. Le sue origini si perdono nella storia culinaria italiana, con riferimenti che risalgono al Rinascimento. Si ritiene che lo zabaione abbia preso il nome da San Pasquale Baylon, patrono dei cuochi e dei pasticceri, sebbene alcune teorie lo collegano a Torino e alla corte dei Savoia.

Inizialmente, lo zabaione era una semplice miscela di tuorli d’uovo, zucchero e vino, battuta fino a diventare una crema soffice. Con il passare del tempo, la ricetta si è evoluta, incorporando diversi tipi di vino e liquori. Il Barolo, un vino rosso piemontese di fama mondiale, ha dato alla ricetta una svolta unica, aggiungendo profondità e complessità al sapore.

Lo zabaione al Barolo con amaretti non è solo delizioso, ma anche ricco di energia. Gli amaretti, biscotti croccanti alle mandorle, aggiungono una texture interessante e un sapore dolce-amaretto. Questo piatto è una fonte eccellente di proteine e grassi sani, fornendo energia immediata. I tuorli d’uovo sono ricchi di vitamine e minerali, mentre il Barolo apporta antiossidanti benefici.

Lo zabaione al Barolo con amaretti è estremamente versatile. Può essere gustato come dessert dopo un pasto, come spuntino energetico o anche come colazione ricca e nutriente. La sua preparazione richiede una certa abilità per raggiungere la consistenza desiderata, ma il risultato finale è sempre una delizia per il palato.

Lo zabaione al Barolo con amaretti è più di un semplice dolce: è un piatto con una storia affascinante e una ricchezza di sapori e nutrienti. Che sia servito in occasioni speciali o come piacere quotidiano, continua a deliziare le generazioni con il suo equilibrio unico di gusto e tradizione.

La storia degli amaretti, dolcetti dalle origini tutte italiane

Lo zabaione al barolo con amaretti è un esempio di dolce perfetto per gli intolleranti al lattosio, ma non solo! Si tratta di una preparazione che, con i suoi ingredienti, mette assieme diverse tradizioni culinarie. Un esempio? Gli amaretti. Secondo la tradizione, la loro origine è tutta italiana e da legare al territorio della Sicilia.

A questo punto è naturale allargare lo sguardo. Quando si parla di Sicilia, infatti, è fondamentale chiamare in causa diverse culture, come per esempio quella araba. Sono diverse le versioni secondo le quali gli amaretti sono stati proprio importati dagli Arabi in Italia.

In seguito si sono poi diffusi in giro per la penisola diventando, come è chiaro da questo dolce, la base di tantissime ricette.

Le varietà di amaretti più diffuse

Come già detto, gli amaretti si sono piano piano diffusi per tutta la penisola. Attualmente ne esistono diverse varietà. Prima di approfondire la ricetta dello zabaione al barolo con amaretti è il caso di ricordarne qualcuna, non trovate? Partiamo dagli amaretti di Saronno che, secondo la tradizione, venivano prodotti a partire dai noccioli di albicocca. In seguito nelle ricette sono state introdotte le mandorle dolci.

Come non ricordare gli amaretti di Gavi, anch’essi molto conosciuti e prodotti artigianalmente da secoli? Questo dolce, oltre che gustoso, è un vero viaggio nella storia della cucina in Italia e non solo!

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

1 commento su “Zabaione al barolo con amaretti per dare energia

  • Lun 17 Dic 2012 | Elisa Caimi ha detto:

    Al barolo? Che sciccheria!! :D Buonissimo, amica mia! :)

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolini di piadina con nutella e banana

Rotolini di piadina con nutella e banana, ottimi...

Le numerose varianti dei rotolini di piadina ripieni La nutella è tra gli ingredienti protagonisti di questi rotolini di piadina. E’ una soluzione facile per ottenere un ripieno gustoso e...

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...