bg header

Raperonzola ovvero zuppa di rape , la tradizione

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

zuppa di rape

Raperonzola ovvero zuppa di rape , un primo piatto della tradizione contadina. Oggi parliamo della rapa. Quest’ortaggio “spazzino”, di cui si consumano radici e foglie, riattiva intestino, reni e sangue.

Facendo piazza pulita delle scorie che mettono a repentaglio la ripresa di primavera parliamo delle proprietà della rapa, un ortaggio conosciuto e utilizzato dall’uomo da millenni; grazie al lungo periodo di conservazione infatti, la rapa e le cime di rapa (la prima è la radice delle seconde, che sono egualmente commestibili) sono sempre state una delle fonti di sopravvivenza primarie per i conta­dini. Un cibo antico e alla portata di tutti dunque e per questo di larghissimo consumo.

In quest’articolo parlo della rapa comune, o meglio, scientificamente, della Brassica Rapa. Il nome scientifico è importante, in questo caso, per non confonderla con la Brassica rapa Sylvestris, le cui foglie altro non sono, che le cime di rapa. A differenze di quest’ultime, però, la parte edibile della rapa comune è costituita dalla radice e non dalle foglie.

Un piatto da provare

A tal proposito, fate attenzione, se chiedete all’ortolano le rape, assicuratevi che non vi stia dando le foglie di rapa comune, prive di valore gastronomico e nutrizionale, anziché quelle della rapa Sylvestris. Può capitare, infatti, per sbaglio o di proposito, che siano scambiate.

Torniamo alla nostra rapa , per chi non la conoscesse, si tratta di una radice di forma tonda e schiacciata completamente bianca (anche all’interno), tranne la parte superiore, che emerge dal terreno e che, prendendo la luce del sole, assume una colazione viola, rossa o verde. Da qui partono le foglie, lunghe e verdi. Il sapore è abbastanza dolce e la consistenza interna è spugnosa.

zuppa di rape

Le rape non godono di grande interesse dal punto di vista nutrizionale. Tuttavia, consumandole ci assicuriamo una discreta fonte di antiossidanti, minerali, vitamine e fibra alimentare.

Tra le vitamine, l’unica dalle quantità rilevanti, è senza dubbio la vitamina C. Una porzione di 100 g di rapa, ci assicura il 35% del fabbisogno giornaliero. La vitamina C, lo sappiamo, è un potente antiossidante, aiuta il corpo a eliminare i radicali liberi dannosi, aiuta a prevenire i tumori, a combattere le infiammazioni, e a stimolare le difese immunitarie. Le altre vitamine contenute nella rapa sono la vitamina A, l’acido folico e la vitamina K.

La rapa è costituita per il 93% circa di acqua, quello che rimane, si compone di fibre, vitamine (la maggior parte, come abbiamo visto, vitamina C) e Sali minerali, tra cui sodio, potassio, calcio e fosforo.

State attenti a non mangiarne troppa. La rapa è comunemente riconosciuta come un alimento di difficile digestione. Inoltre, si ritiene che sia un alimento gozzigeno. Fa parte, cioè, insieme a altre verdure, come crescione, rucola, ravanello, ecc, a un gruppo di alimenti in grado di interferire con il metabolismo dello iodo. Questi alimenti non sono, dunque, consigliati a chi ha problemi di tiroide.

Zuppa di rapa bianca , un ottimo piatto

La rapa è apprezzata molto di più per il suo uso in cucina. Il piatto più importante per la quale è impiegata è la giardiniera, oppure, in Friuli, è famosa per essere l’ingrediente principale della Brovada, che accompagna preparazioni complesse di carne. Può essere consumata anche, molto semplicemente, condendola con olio e sale, dopo averla cotta.

Sia la rapa che le sue foglie (le cime di rapa) si possono gustare crude, in insalata, oppure cotte, in umido o sbollentate al vapore: vanno sempre condite a crudo con olio evo d’oliva. Io ho usato le rape per fare questa minestra che costituisce un pasto a sé: ricca di proteine e di fibre, fornisce anche vitamine e sali minerali.

Servite questa zuppa con tocchetti di pane integrale francese per un pranzo o una cena in famiglia e farete una bella figura nonostante sia fatto con un vegetale molto povero e non gradito a tutti…..voi non dite gli ingredienti!!

Ricetta zuppa di rape o Raperonzola

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr. di patate
  • 1 cipolla bianca
  • 2 carote
  • 2 spicchi di aglio
  • 250 gr. di rape
  • 1 lt di brodo vegetale ristretto
  • 40 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Lavate, sbucciate le patate e tagliatele a dadini. Pelate una cipolla bianca e tritatela finemente. Lavate e affettate finemente le carote  Lavate, sbucciate le rape e tagliatele a dadini.

Riscaldate l’olio in una pentola grande. Aggiungete la cipolla e fate cuocere a fuoco moderato per 5 minuti, finché la cipolla non risulti tenera. Aggiungete le verdure e il brodo ristretto. Portate a ebollizione, abbassate il fuoco, coprite e lasciate cuocere lentamente per 45-50 minuti.

Aggiustate di sale e pepe a piacere e versate nei piatti. Cospargete di parmigiano reggiano e servite molto calda.

3.5/5 (24 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...

logo_print