Una caldissima Zuppa di lenticchie rosse

Zuppa di lenticchie rosse
Commenti: 1 - Stampa

Una caldissima Zuppa di lenticchie rosse. Come il forno a microonde, la pentola a pressione accorcia i tempi di cottura degli alimenti consentendo al contempo preparazioni più leggere e più sane. Nonostante sia presente sul mercato da molti anni, il suo uso non è molto diffuso, probabilmente perché non se ne conoscono bene i pregi e la semplicità d’utilizzo. Il primo indiscutibile vantaggio è il dimezzamento dei tempi di cottura, molto apprezzato dalle donne che lavorano con sempre meno possibilità di preparare pietanze che richiedono una lunga cottura.

Per esempio, si può preparare il brodo di carne in 20-25 minuti, il bollito in 40-45 minuti, le patate e le carote in 15 minuti, i fagioli secchi in 45 minuti. Innegabile anche il conseguente risparmio di combustibile, dato che è possibile mantenere in ebollizione la pentola con una temperatura limitata. Importanti anche i vantaggi nutrizionali: le vitamine, i sali minerali e gli altri principi nutritivi normalmente distrutti dalle lunghe cotture, restano perlopiù inalterati quando la cottura è rapida. Inoltre, il sapore è più intenso perché resta all’interno della pentola e non viene sprigionato nell’aria.

Zuppa di lenticchie

L’acqua bollendo può raggiungere la temperatura massima di 100°C oltre la quale è impossibile salire anche se si aumenta la potenza del calore. Ma se l’acqua viene fatta bollire in un recipiente chiuso ermeticamente in modo che il vapore interno non fuoriesca, la pressione nel recipiente sale e aumenta anche la temperatura dell’acqua che può arrivare fino a 110-125° (contro i 100° delle cotture tradizionali). In questo modo la cottura è più veloce e uniforme grazie al vapore che avvolge i cibi e che deve essere del tutto bloccato all’interno senza trovare alcuna via d’uscita.

Con la pentola a pressione ci vuol poco a preparare la Zuppa

Ecco perché le pentole vengono realizzate in acciaio inossidabile o in alluminio pesante e sono fornite di un doppio o triplo fondo rinforzato con rame o leghe di rame e argento. Ma la parte più importante della pentola a pressione è il coperchio che deve avere un dispositivo per la chiusura ermetica e una guarnizione di gomma che gli permetta di aderire perfettamente ai bordi della pentola.

Fondamentale la valvola del coperchio attraverso la quale viene fatto uscire il vapore eccedente quando è stata raggiunta la pressione massima. li sibilo provocato dalla fuoriuscita del vapore segnala che l’ebollizione è iniziata e che occorre ridurre al minimo la potenza del fuoco. Da questo momento in poi si comincia a contare il tempo di cottura.

In genere, sul coperchio si trova anche una seconda valvola di sicurezza chiusa con un tappo di gomma: se la pressione interna diventasse eccessiva, il tappo verrebbe spinto via dal vapore che troverebbe così una possibilità di sfogo supplementare.

Quasi tutti i modelli di pentola a pressione hanno un cestello che permette di cuocere i cibi a vapore sospesi sull’acqua in ebollizione senza alcun contatto con essa. Alcuni modelli, inoltre, possono avere una suddivisione interna in modo da consentire la cottura contemporanea di due cibi diversi. Le misure delle pentole possono variare da una capacità di cinque litri fino a nove litri.

Un’ottima zuppa di lenticchie per le calde serate invernali!!

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 400 g di lenticchie rosse
  • 80 g di sedano
  • 80 g di carote
  • 80 g di porri
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 foglia di alloro
  • 200 g di patate
  • 1 lt e 3/4 di brodo vegetale
  • q.b. sale e pepe

Per l’accompagnamento: 120 g di crostini senza glutine e parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato quanto basta.

Preparazione

Lasciate ammorbidire le lenticchie in abbondante acqua appena tiepida per una notte, poi il mattino seguente eliminate le lenticchie che saranno venute a galla e scolate bene le altre.

Tritate ora il porro. Pulite lo lo spicchio d’aglio. Lavate e tagliate, il sedano, le carote a dadini. Fate leggermente soffriggere il battuto con tre cucchiaiate d’olio e una foglia di alloro dentro alla pentola a pressione scoperta. Unitevi poi le patate tagliate a cubetti e le lenticchie lasciandole insaporire per alcuni minuti nel condimento, rimescolandole.

Bagnatele quindi con il vino rosso, lasciate che quest’ultimo evapori. Completate con circa un litro e tre quarti di  brodo. Chiudete ermeticamente la pentola a pressione e calcolate il tempo di cottura (40 minuti) a calore moderato.

Trascorso questo periodo di tempo spegnete il fornello, lasciate raffreddare il coperchio ermeticamente chiuso sotto il getto dell’acqua fredda, poi aprite il recipiente ed estraete la foglia di alloro.

Distribuite la zuppa nelle singole fondine e servite, a parte, i crostini e il parmigiano reggiano grattugiato.

4/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

1 commento su “Una caldissima Zuppa di lenticchie rosse

  • Mar 15 Gen 2013 | alebi64 ha detto:

    sai che le lenticchie io non le ammollo mai? per la pentola a pressione sono d’accordo con te, io la uso moltissimo!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-01-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti